Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Scuola: 150 mila assunzioni perche' si rischia la violazione di una normativa Ue

Scuola: 150 mila assunzioni perche' si rischia la violazione di una normativa Ue
Autore: Teresa Corrado - Redazione Attualita'
Data: 18/09/2014 00:17:47

La “Buona scuola” presentata da Matteo Renzi in conferenza stampa, dinanzi a tutti i giornalisti nazionali e internazionali, ha portato questi ultimi a scoprire un sistema scolastico che fa acqua da tutte le parti. Per giorni i giornalisti, ma a dire il vero non solo quelli internazionali, ma anche quelli italiani, si sono domandati come funzionasse il sistema di assunzione all’interno delle scuole statali italiane, senza venire a capo di nulla.

Impazziti dall’annuncio che entro il 2015 nelle scuola italiana verranno eliminati tutti i precari esistenti, i più intelligenti hanno cominciato a farsi domande serie e a cercare reali soluzioni, o meglio, hanno cominciato a spulciare le varie normative attinenti al lavoro, che sono state approvate dall’UE.

In una di queste, precisamente la direttiva del Consiglio Europeo del 28 giugno 1999 n. 70, nella clausola 5. si prevede che tutti i Paesi membri, quindi anche l’Italia, non possano effettuare contratti di lavoro a tempo determinato per più di tre anni. Insomma, lo stato italiano non può assumere a contratto a tempo determinato una persona per più di tre anni, altrimenti viola la normativa. Inoltre, questa normativa, è stata recepita in Italia tramite il Decreto Legislativo n. 368 del 6 settembre 2001.

Il non rispetto della normativa da parte di un paese membro, fa partire delle sanzioni verso lo stato che le ha ignorate. E a dirla tutta, l’Italia ignora questa normativa da 13 anni, conoscendone bene le conseguenze. Tenuta sotto banco per anni, i vari governi che si sono succeduti, hanno sempre promesso che avrebbero eliminato questa instabile copertura di posti di lavoro, assegnando finalmente ai precari della scuola, un contratto a tempo indeterminato, andando a coprire i posti che restano vuoti.

Renzi, in questo caso, non ha potuto promettere nulla, anzi, si è appropriato di una normativa per fare propaganda politica. Come dire, ha solo cercato di tirare acqua al suo mulino, per avere consensi e favori dall’elettorato.

Da una più attenta analisi, si scopre, in definitiva, che è possibile fare ricorso all’Ue, proprio per la violazione a questo diritto dei cittadini. Alcune pratiche sono già partite e nei prossimi mesi, se ne prospettano altre per cui i precari possono ricevere un contributo in denaro pari a tutti i mesi in cui non hanno percepito lo stipendio da contratto a tempo indeterminato. Lo spettro di un evento del genere, appoggiato sicuramente dall’Ue, viste le violazioni alle direttive emanate nel 1999, ha posto l’attenzione del presidente del consiglio Renzi proprio sulla scuola. Infatti, lo spreco di denaro che si annuncia, sarà maggiore di quello che l’Italia avrebbe pagato assumendo i precari anno per anno.

Un po’ come la situazione dell’anno scolastico 2012/2013, quando lo Stato italiano si rifiutò di assegnare insegnanti di sostegno ad alunni aventi diritto per colpa dei tagli alla scuola. I ricorsi dei genitori, sono costati allo Stato il doppio dei soldi che avrebbe speso se avesse concesso i loro diritti.

Chissà, temendo per la sua futura carriera politica, Renzi ha deciso di porre fine al precariato attribuendosene anche il merito. La volpe Renzi conosce bene la situazione in cui si muove e la mentalità del popolo italiano.


L'articolo ha ricevuto 640 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/05/2019 03:58:28

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Redazione Attualita'
Data: 22/05/2019 06:17:37
Arona sfida Amazon e Arese: presentato l'Arona Lake&Shopping

Il Comune di Arona ha presentato, presso la sede di Confcommercio a Milano, “Arona Lake&Shopping”, il progetto pilota che esalta le risorse naturali paesaggistiche, artistiche e storiche locali coniugandole con un nuovo modello organizzativo di marketing...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 16/05/2019 06:39:22
Solitudine: 13.000 telefonate a Telefono Amico nel 2018

Il 24 maggio tavola rotonda a Padova con la psicoterapeuta Maria Rita Parsi, anteprima del congresso internazionale Ifotes “Uscire dalla solitudine - Costruire relazioni” in programma a Udine dal 3 al 7 luglio. Al via la campagna di sensibilizzazione “Solitudini e no”.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 15/05/2019 06:36:52
Infanzia e maltrattamenti: è allarme al Sud. Le cause sono povertà e pochi servizi

Resta forte il divario tra il Nord e il Sud del Paese per quanto riguarda il rischio di maltrattamento all’infanzia: è ancora allarme nel Mezzogiorno, dove la Campania rimane fissa in ultima posizione, preceduta da Sicilia, Calabria e Puglia

Leggi l'articolo

Autore: Alessandro Maola - Redazione Attualita'
Data: 12/05/2019 06:42:21
Festa della Mamma: ecco le mamme più famose del web

Mamma: la persona più importante per ognuno di noi. Oggi in tutto il mondo ci sono tante ragazze che grazie allo sviluppo delle tecnologie hanno la possibilità di condividere la loro esperienza della maternità, così come i loro pensieri su come essere madre.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -