Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
De Magistris non molla: 'Io non mi dimetto!'

De Magistris non molla: 'Io non mi dimetto!'
Autore: Valentina Stella - Redazione Cronaca
Data: 26/09/2014

Il Sindaco di Napoli Luigi De Magistris è accusato ad un anno e tre mesi per il reato di abuso d’ufficio in relazione all’inchiesta condotta quando era pm, “Why Not”.

Condannato in primo grado, il Sindaco rischia la sospensione in base alla legge Severino sull’incandidabilità, la stessa legge che portò alla decadenza da Senatore di Silvio Berlusconi.

De Magistris, dichiarandosi innocente e speranzoso di poter proseguire questo suo iter fino al 2016, accusa di imparzialità i giudici che hanno curato la sentenza invitando loro a dimettersi.

“Vorrebbe applicare per me la sospensione breve, in base alla legge Severino, un ex ministro della Giustizia che guarda caso è difensore della mia controparte nel processo a Roma.” Durante il Consiglio Comunale, non vengono risparmiate accuse allo Stato definito come profondamente corrotto.

Una presa di posizione netta in merito arriva da Dario Stefano, di SEL, nonché il Presidente della Giunta delle Elezioni delle Immunità parlamentari del Senato che ha guidato i lavori di prima applicazione della legge Severino nel caso Berlusconi. “Mi sono state segnalate interpretazioni discutibili del decreto legislativo n. 235 del 2012, ma il testo normativo non lascia dubbi di sorta: l’articolo 11 prevede per il sindaco che viene condannato, anche con sentenza non definitiva del reato di cui all’articolo 323 C.P. (abuso d’ufficio), la sospensione d’ufficio dalla carica”.

Stefano cita come esempi precedenti quelli del Prefetto di Brindisi nel 2014 mediante il quale è stato sospeso il sindaco di Fasano, oppure quello del prefetto di Latina del 31 ottobre 2013, che aveva procurato la sospensione del Presidente della Provincia di Latina.

La norma sembra parlare chiaro sulle sorti dell’ex Magistrato ormai Sindaco di Napoli. Se invece la sentenza dovesse risultare ingiusta, De Magistris potrà fare valere le proprie ragioni in appello, lottando per quella legalità tanto citata durante il suo cammino politico da sembrare ormai un marchio di fabbrica. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 05/12/2019 14:01:30

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: Redazione Cronaca
Data: 25/11/2019
Valeria Grasso, testimone di giustizia: servizio di protezione revocato

La palermitana Valeria Grasso si è ribellata alla legge del pizzo, ha sfidato ed ha fatto arrestare membri del Clan Madonia.

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 16/11/2019
Venezia: da allerta rosso ad arancione, ma i rischi permangono

La classificazione del fenomeno è sul livello medio sostenuto, che corrisponde al codice allerta arancio, quindi minore rispetto agli ultimi tre giorni. 

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 13/11/2019
Venezia choc: acqua alta da record. Un uomo è morto fulminato

Un vento di scirocco che correva a 100 chilometri orari e la paurosa soglia dei 190 centimetri sul medio mare: Venezia ha seriamente rischiato di colare a picco.

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 09/11/2019
Alessandria: arrestato il proprietario della cascina esplosa a Quargnento

Giovanni Vincenti ha le proprie responsabilità nell'esplosione della cascina, dopo il ritrovamento del manuale di istruzione del timer utilizzato per innescare le bombole di gas

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -