Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Social Card: come NON sostenere gli italiani

Social Card: come NON sostenere gli italiani
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/10/2014

 

Il termine Social Card ci è familiare dal 2008, anno in cui l’allora governo presieduto da Silvio Berlusconi, avviò quella che a tutti gli effetti si palesò come un'operazione a beneficio solo di chi faceva parte dell’entourages organizzativo della card in questione. In parole povere, a beneficiare della Social Card furono le aziende che si occuparono della sua realizzazione e diffusione e non gli italiani che oltretutto, per entrarne in possesso, dovettero fare il quadruplo salto mortale e nella maggior parte dei casi, le istanze furono cassate per dei cavilli o per pochi spiccioli in più calcolati sull’ISEE.

Oltretutto, non che si parlasse della manna dal cielo: 40 euro mensili versati ogni bimestre. Per pagare la spesa o le utenze, dicevano. Con 40 euro al mese ci paghi meno di mezzo chilo di pane al giorno, e dovevano anche spiegarci quali utenze nazionali arrivano a meno di 40 euro al mese, in considerazione del fatto che abbiamo anche il triste primato delle utenze di energia e telefono più alte d’Europa.

Però chi sta al governo di volta in volta sa bene che l’italiano medio capitola di fronte a trovate di questo genere. Credo che nemmeno in Burkina Fasu avrebbero accettato una miseria simile, ma da noi ogni sorta di bestialità viene accolta col plauso della maggioranza dei cittadini. Sembra che qualsiasi cosa abbia il sapore di una aggiunta riesca a produrre come reazione l’accettazione incondizionata della minchiata di turno. Drogati di minchiate. Sono le nuove dipendenze del XXi secolo.

Per accedere a cotanto sostegno economico, frotte di pensionati e aventi diritto, passarono intere giornate in fila nei vari CAF dislocati sul territorio nazionale. In molti casi per giorni, dal momento che come sempre accade, gli stessi CAF non erano esattamente in grado di informare i loro clienti dal momento che le informazioni utili oltre che scarne furono anche contraddittorie.

Si sa per certo, che le aziende che ruotavano intorno alla realizzazione e diffusione della Social Card guadagnarono molto denaro, come dire che il sostegno economico in qualche modo ci fu, anche se non indirizzato alla platea che si voleva far credere. Misteri della fede politica.

Avviata la macchina infernale della distribuzione delle Social Card, si scoprì che le coperture economiche dovevano esser trovate di anno in anno e in tal modo ci furono anni in cui di Social Card manco l’ombra, per non parlare dei tanti casi in cui le card furono assegnate e pure recapitate ma i malcapitati possessori non ebbero mai il piacere di poterne usufruire, dal momento che si “dimenticò” di caricarne la misera cifra.

Insomma: uno dei tanti disastri italiani presentati sostenendone ed esaltandone i pregi ben sapendo che era solo una bufala per i cittadini.

Di Social Card si torna a parlare, o meglio si dovrebbe. Il condizionale è d’obbligo dal momento che trovare informazioni valide e ufficiali è cosa ardua.

Intanto attualmente circolerebbero due tipi diversi di Social Card: una è quella ordinaria, l’altra sperimentale. Quella sperimentale ha un meccanismo davvero singolare. Innanzitutto l’importo mensile erogabile varia dai 231 ai 400 euro a seconda della composizione del nucleo familiare. Ma la cosa davvero beffarda, sono le condizioni assolute per poter presentare domanda di accesso a questo sostegno economico. Oltre ciò, si parla genericamente di un percorso di “reinserimento al lavoro” che chi ha i requisiti per ottenerla dovrebbe compiere ma nessuno spiega quale sia questo percorso.

Elenco di seguito le condizioni necessarie a presentare l’istanza, lasciando riflettere i lettori su come si pongano in essere costantemente dei veri e propri attacchi alla società civile oltre che all’intelligenza umana. Anche stavolta comunque, qualcuno avrà il suo tornaconto. Non certo i cittadini…

p.s. malgrado la notizia sia trapelata solo oggi, sembra che la scadenza per la presentazione delle domande fosse Agosto 2014…

Requisiti di reddito per poter usufruire della social card straordinaria 2014:

– essere cittadino italiano o comunitario oppure straniero in possesso del permesso di soggiorno, che sia residente nel Comune in cui presenta domanda da almeno 1 anno


– reddito ISEE, inferiore o uguale a 3.000 euro


– per chi è proprietario dell’abitazione, il valore ai fini dell’ICI della casa di residenza inferiore a 30.000 euro patrimonio mobiliare inferiore a 8.000 euro


– il valore complessivi di altri aiuti economici, di natura previdenziale, indennitaria e/o assistenziale inferiore a 600 euro mensili


– non possedere alcun veicolo immatricolato nei 12 mesi antecedenti la richiesta


– non essere in possesso di autoveicoli di cilindrata superiore a 1.300 cc nonchè motoveicoli di cilindrata superiore a 250 cc. immatricolati nei tre anni antecedenti


– presenza nel nucleo famigliare di almeno un componente di età minore di 18 anni


– nessun componente del nucleo familiare deve prestare attività lavorativa al momento della richiesta del contributo e almeno un componente deve aver cessato un rapporto di lavoro, oppure almeno un componente deve avere un rapporto di lavoro il cui reddito percepito nei 6 mesi antecedenti la richiesta, non sia superiore a 4.000 euro


– verrà data precedenza, a parità di altre condizioni, a famiglie che presentino un disagio abitativo, famiglie con un solo genitore con figli minorenni, genitore con figli disabili, famiglie con 3 o più figli.

Per poter richiedere la card, bisogna recarsi presso il proprio Comune di Residenza dove la sperimentazione è stata avviata, solo nel periodo tra luglio e agosto.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 13/07/2020 08:21:03

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -