Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L 'importante differenza fra reazione e rivoluzione

L 'importante differenza fra reazione e rivoluzione
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/11/2014

Le manifestazioni di piazza in questo periodo stanno aumentando di numero. La gente è stanca di molte cose e ritiene che, scendere in piazza a urlare lo scontento, sia una forma democratica di opposizione a un sistema politico ed economico che indubbiamente mostra la sua parte peggiore, che denota il sempre più scarso interesse nei confronti del motivo fondante degli stessi partiti politici: essere autorizzati e quindi delegati dall’elettorato a dialogare per esso con le istituzioni al fine di trovare soluzioni valide alle necessità prioritarie dei cittadini.

Finalmente l’Italia sembra essersi destata, e tutti più o meno hanno di che dissentire nei confronti del mondo politico innanzitutto, ma anche di quello sindacale e imprenditoriale.

Perno principale del dissenso civile è sicuramente il tema del lavoro, della precarietà e delle garanzie sempre più assottigliate nei confronti dei lavoratori. Nulla di male ovviamente a dissentire e a scendere in piazza, ma noto da molto tempo un problema, che rende del tutto inefficace questo metodo di dissenso popolare.

Credo sia giunto il momento di spiegare una cosa che dovrebbe essere banale: fra reagire e fare la rivoluzione c’è una differenza enorme. Si reagisce quando ci si oppone duramente a un comportamento o a una linea di pensiero. Ecco quindi che si scende in piazza a manifestare la propria contrarietà.

Altra cosa è fare la rivoluzione. Lo dice la parola stessa: rivoluzione. Rivoluzionare. Ossia, cambiare, sovvertire.

Oggi si pensa di fare la rivoluzione mentre in realtà ci si oppone a qualcosa e sempre più spesso, sterilmente. Noto costantemente come i manifestanti, se intervistati, non sappiano dare un reale contenuto alla rabbia e quindi non riescono poi a chiedere concretamente qualcosa da mettere in atto da parte di chi governa la nazione.

Ognuno è libero di far come gli pare, per carità. Ma ritengo del tutto inutile manifestare, scendere in piazza, urlare e scatenare l’inferno se non si hanno le idee ben chiare e proposte concrete da portare avanti al fine di risolvere le istanze che hanno scatenato la manifestazione di turno.

Troppa gente si ferma a sterili: “Vogliamo il lavoro” “Basta col precariato” “Meno tasse per tutti” e via dicendo, ma nessuno che avanzi proposte, che suggerisca soluzioni, che sappia argomentare le motivazioni della rabbia.

La cosa singolare, è che le stesse sigle sindacali non vanno oltre il sostegno al dissenso civile. Anche i leader dei sindacati nazionali si fermano a sterili richieste generiche, che difatti – la storia contemporanea lo conferma – non portano quasi mai all’ottenimento di ciò per cui si è programmato uno sciopero generale o una manifestazione cittadina.

Ricordiamo quindi che siamo liberi di manifestare il nostro sdegno, e questo significa “reagire” ma se davvero vogliamo cambiare il sistema, fare cioè la “rivoluzione”, dobbiamo essere molto addentro alle problematiche che gettano nella crisi una popolazione, trovare per primi eventuali soluzioni e di conseguenza – attraverso esse – iniziare a trattare con le istituzioni, che possono solo in questo modo avere la certezza di governare un popolo pensante e non un gregge di pecore.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/01/2020 03:26:53

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -