Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
'Eternit, ingiustizia e' fatta'

'Eternit, ingiustizia e' fatta'
Autore: Max Murro - Redazione Cronaca
Data: 20/11/2014

 

Nulla di fatto. La sentenza di condanna emessa nei confronti del miliardario svizzero Stephan Schmidheiny è stata annullata dalla prima sezione penale della Cassazione. Non basta: sono stati annullati anche i risarcimenti alle vittime dell'Eternit. 

Schmidheiny, nei precedenti gradi di giudizio, era stato ritenuto responsabile di disastro ambientale legato alle attività degli stabilimenti Eternit di Casale Monferrato (Alessandria), Bagnoli (Napoli) e Rubiera (Reggio Emilia).

La rabbia dei parenti delle vittime è altissima e se ne può comprendere la ragione. Il Sindaco di Casale Monferrato in provincia di Alessandria, Titti Palazzetti, ha proclamato quindi il lutto cittadino in segno di protesta contro la prescrizione della sentenza di condanna.

E' stato il sostituto procuratore della Cassazione Francesco Iacoviello a chiedere di dichiarare prescritto il maxi-processo Eternit per disastro ambientale per far si che si giungesse all'annullamento della condanna a 18 anni di carcere per l'unico imputato, il magnate svizzero, che  il 3 giugno 2013 era stato condannato dalla corte d'appello di Torino

Con l'annullamento della sentenza, sfuma la possibilità di ottenere i risarcimenti per i familiari delle vittime e per le comunità locali.

Questo processo, è stato il più importante a livello europeo per ciò che riguarda le i danni cagionate a persone che sono state a lungo in contatto con l'amianto. Circa un migliaio le parti lese, malati nella aggior parte dei casi di Mesoltelioma, una forma di cancro strettamente collegata all'amianto.

Oltre ai malati, diversi eredi dei defunti e anche alcuni amministratori degli Enti locali.

Molte le proteste in risposta alla sentenza della Cassazione: dopo la lettura della sentenza nell'aula del tribunale in molti hanno gridato "Vergogna"! ed è stato apposto uno striscione su cui appare la scritta "Eternit, ingiustizia è fatta"

Un portavoce del miliardario svizzero ha così commentato la sentenza attraverso un comunicato: «La decisione della Suprema Corte conferma che il Processo Eternit, nei precedenti gradi di giudizio, si è svolto in violazione dei principi del giusto processo. Schmidheiny si aspetta che ora lo Stato italiano lo protegga da ulteriori processi ingiustificati e che archivi tutti i procedimenti in corso»

Il pm Raffaele Guariniello, che in primo grado e in appello aveva ottenuto la condanna di Schmidheiny ha dichiarato: «Aspetto di leggere la sentenza. Non bisogna demordere. Non è una assoluzione. Il reato c'è. E adesso possiamo aprire il capitolo degli omicidi»

 



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 02/06/2020 13:21:04

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -