Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Matteo Renzi, i Sindacati e lo sciopero generale

Matteo Renzi, i Sindacati e lo sciopero generale
Autore: Luca De Rossi - Redazione Politica
Data: 20/11/2014 11:10:26

Intervistato a Radio RTL 102.5 il Premier Matteo Renzi commenta così la decisione delle sigle sindacali UIl e CGIL di proclamare lo sciopero generale: «Io invidio molto quelli che passano il tempo ad organizzare gli scioperi, mi riferisco non tanto alle lavoratrici e ai lavoratori, ma agli organizzatori, ai sindacalisti. Ci sono stati più scioperi in queste settimane che contro tutti gli altri governi, e se probabilmente il loro obiettivo è quello di organizzare scioperi fanno benissimo a farli. Io non mi preoccupo tanto di far scioperare le persone ma di cercare di farle lavorare»

E prosegue: «Negli ultimi mesi abbiamo recuperato 160.000 posti di lavoro, anche se ancora non basta perchè ne è stato perso un milione. Io ho profondo rispetto per chi sciopera, lo sciopero è un diritto costituzionale garantito, ma il governo in questo momento sta cercando di rimettere in piedi il Paese. Possono fare gli scioperi, ma abbiamo promesso che cambieremo e, piaccia o non piaccia a sindacalisti oppositori e gufi, cambieremo il paese perchè lo abbiamo promesso agli italiani». 

Eppure, c'è una buona parte del paese che non è affatto contenta di come il governo stia amministrando il paese. Come risponde il Presidente del Consiglio a chi è stanco della situazione in cui versa il Paese? «Trovo un paese diviso in due, una parte di persone sono stanche e rassegnate, ma chi oggi in Italia continua a tener duro sta cominciando ad avere risultati. L’export continua a crescere, l’Italia deve rimettere a posto le cose in casa per tornare a essere quel che merita».

Parlando poi di Jobs Act Renzi conferma che chiederà la fiducia: «Sì, siamo pronti a mettere la fiducia se servisse, lo valuteremo al momento giusto, a ieri sembrava non vi fosse bisogno di mettere la fiducia. Vedremo». 

Per finire, Renzi parla anche delle voci che da qualche tempo fanno intendere le prossime dimissioni del Capo dello Stato Giorgio Napolitano: «Il presidente della Repubblica è un galantuomo di grande levatura, nel 2013 tutti i partiti politici nell’incapacità di trovare un successore lo hanno pregato di avere un nuovo mandato, lui ha accettato, ha fatto un discorso durissimo sulla necessità di fare le riforme e tutti hanno applaudito. Quando dico che bisogna fare la legge elettorale e le riforme velocemente è perchè se quel messaggio di Napolitano deve essere preso sul serio, il presidente della Repubblica ha il diritto di vedere il Parlamento discutere le riforme». 

 

L'articolo ha ricevuto 448 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/06/2019 11:58:05

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 22/06/2019 07:01:38
DL crescita: il testo passa al Senato

Dal compromesso sul salva-Roma alla riapertura della rottamazione alle norme "salva banche" del Sud per favorire l'aggregazione degli istituti, ecco tutte le novità.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 18/06/2019 06:23:42
Veneto: approvata mozione per test antidroga ai politici

Si' ai test antidroga per le persone elette nelle istituzioni. E' la mozione approvata oggi dal Consiglio regionale del Veneto su proposta del gruppo di FdI. 

Leggi l'articolo

Autore: Luca de Rossi - Redazione Politica
Data: 17/06/2019 07:18:00
Salvini da Washington: 'La flax tax si farà'

Il vice premier Matteo Salvini, da Washington, ribadisce la sua ferma volontà di realizzare la flat tax: "Possiamo decidere come modularla negli anni, ma un taglio delle tasse ci deve essere assolutamente. Convinceremo la Ue con i numeri, la cortesia, altrimenti le tasse le taglieremo lo stesso, e la Ue se ne farà una ragione".

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 13/06/2019 06:37:36
Procedure d'infrazione in una nazione idiosincratica alle regole: l'Italia

L'idiosincrasia alle regole conduce al caos, nel quale ognuno fa come vuole e il risultato finale è un danno alla collettività.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -