Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Scompaiono le pandemie influenzali, demonizzati i vaccini: cosa dobbiamo temere?

Scompaiono le pandemie influenzali, demonizzati i vaccini: cosa dobbiamo temere?
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/11/2014

11 morte sospette in poche ore dopo aver assunto il vaccino anti influenzale FLUAD. La Procura avvia le indagini. Ci sono i tratti del Serial Killer. Uno di quelli che approda alle cronache nazionali e per cui a volte è necessario attendere anni per svelarne il volto e il nome. Stavolta no. Il Serial Killer ha un nome e tante facce. E si chiama Big Pharma. Che non è il nome di un personaggio dei fumetti, bensì il nome che accorpa le più grandi e potenti industrie a livello internazionale: quelle del comparto farmaceutico.

Industrie che nell’immaginario collettivo producono salvezza ma che nella realtà dei fatti, generano spesso malati o afflitti dal pensiero della malattia. Fa parte del business: inoculare il timore della malattia, giungere al punto di concorrere a creare un maggior numero di malati da “curare”. Basta guardare come si gioca sporco su alcuni valori come il Colesterolo, di cui si è sapientemente abbassato il valore massimo accettabile col beneplacito dell’OMS pur di vendere milioni di confezioni di prodotti che dovrebbero tenere sotto controllo non una malattia ma un criterio di valutazione dello stato di salute di una persona.

Arriva l’inverno, e con esso lo spauracchio dell’influenza. Una patologia che colpisce ogni anno solo nel nostro paese, fino a 9 milioni di persone. I morti che si registrano ogni anno, causati dalle complicazioni della patologia in soggetti a rischio, sono circa 8.000.

Negli ultimi anni, una delle patologie più comuni come l’influenza, è stata fatta diventare spaventosa:  H1N1, aviaria, mucca pazza. Si è persa l’idea dell’influenza classica e nelle case italiane è entrato lo spauracchio delle influenze pandemiche, anche se a conti fatti e dati alla mano, di numeri pandemici manco l’ombra.

Tutto ciò, oltre a generare sgomento collettivo, ha sicuramente generato incassi miliardari per le aziende che producono i famosi vaccini, protagonisti di scandali internazionali e che ancor oggi mostrano il loro vero volto: quello che chiarisce come non si debba dare per scontato che l’industria farmaceutica lavori solo per il bene degli Esseri Umani.

Ovviamente, è grazie alla Ricerca scientifica e allo sviluppo di farmaci sempre più sofisticati che l’umanità sta raggiungendo un’aspettativa di vita sempre più elevata. L’altra faccia della medaglia però, è quella per cui il maggior guadagno è sempre lì in prima linea a dettare le regole di un mercato troppo abituato a registrare introiti con tanti zeri.

Come mai quindi questo inverno porta con sé, oltre ai primi sintomi influenzali, anche notizie di cronaca dai risvolti spaventosi, che fanno ora dubitare l’intera popolazione che i vaccini anti influenzali possano far giungere alla morte? Una cosa del genere va contro la solita gestione del panico collettivo e anche, contro il business miliardario di Big Pharma.

Già lo scorso anno, fu bloccata la vendita del FLUAD prodotto da Novartis a scopi preventivi. Sembra che non si verificarono casi di morte ma un certo numero di effetti collaterali presumibilmente legati all’assunzione del vaccino. E’ l’AIFA che gestisce queste questioni, ma c’è da chiedersi come mai sia stata autorizzata la vendita dello stesso vaccino dopo le avvisaglie negative dello scorso anno.

C’è anche da dire che, se nessun medico segnala all’AIFA eventuali decessi sospetti o reazioni avverse per l’assunzione di un determinato farmaco, nessuno blocca nulla e la possibilità che molte morti e molte reazioni avverse vengano fatte passare con altre motivazioni è altissima.

Tutto ciò oltretutto, solleva una serie di considerazioni. Per alcuni anni, abbiamo vissuto con l’assoluta certezza che certe influenze fossero ormai entrate a far parte della normalità delle cose. Abbiamo subito grandi campagne di Informazione su come star lontani dalla possibilità di contrarre l’aviaria piuttosto che l’H1N1. Qualcuno in politica, ha persino proposto di legiferare affinché la vaccinazione divenisse obbligatoria per tutta la popolazione, bambini compresi. Tutto sembrava ruotare sul tema dell’influenza, influenzando psicologicamente la collettività, sempre più convinta di dover combattere il grande male del secolo: l’influenza.

Poi, vuoi per gli scandali legati alla diffusione di vaccini non esattamente aderenti alle linee guida dettate dalla Food and Drugs Aministration e dall’OMS, vuoi perché in molti col tempo qualche dubbio se lo sono fatto venire, ecco che d’incanto spariscono dalla faccia della terra influenze pandemiche e proposte di obbligo di vaccinazione. Si giunge addirittura a mettere all’indice i vaccini anti influenzali. Che dietro tutto ciò si stia preparando la peggiore diffusione del virus Ebola che sta entrando alla chetichella nei territori occidentali? Cosa dobbiamo attenderci? La più spaventosa pandemia che mai la razza umana abbia subito?

Sta di fatto che a oggi, nessuna casa Farmaceutica sembra aver realizzato una cura contro Ebola. Il motivo è semplice quanto disumano: finché il virus resterà circoscritto in territori poveri, non vi sarà convenienza a produrre la cura. Diverso il discorso nel caso in cui il virus travalichi i confini del Terzo Mondo per approdare in larga misura nei paesi sviluppati che, attraverso i governi, possono sviluppare acquisti farmaceutici su larga scala.

Nel frattempo, milioni di persone tremano al pensiero di poter perdere la vita per un semplice vaccino, che di semplice ha solo il concetto che il comune cittadino ha dentro di se. Dietro ogni dose, si nasconde la furia del mercato economico. Una delle peggiori malattie che l’uomo abbia mai subito e per cui non esisterà mai cura.

Una frase che viene attribuita a Henry Gadsen, direttore generale della multinazionale farmaceutica Merck, recita: “Il nostro sogno è inventare farmaci per gente sana”… Meditate...




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/08/2020 02:45:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -