Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Charlie Hebdo: attentato alla liberta'

Charlie Hebdo: attentato alla liberta'
Autore: Susanna Schivardi - Redazione Cronaca
Data: 10/01/2015

Charb scriveva: “Non c’è niente da negoziare con i fascisti. La libertà di ridere senza alcun ritegno la legge ce la dà già, la violenza sistematica degli estremisti ce la rinnova. Grazie, banda di coglioni”.

Le immagini che hanno fatto il giro del mondo e riprese da uno dei giornalisti del giornale satirico Charlie Hebdo, non hanno altro da dire se non la sconcertante crudeltà di un assalto che ricorda un’esecuzione sommaria, anche se di sommario c’è ben poco. Chiamiamola Isis, chiamiamolo terrorismo, una banda armata che apre il fuoco in quel modo è la feccia dell’umanità, senza dare colpe a nessuno. Inutile mortificare i gruppi jihadisti, i musulmani, gli oscurantisti, l’Europa è in guerra con l’altra sponda del Mediterraneo e qui da noi si stanno reclutando le nuove leve.

Il confronto con l’Islam non è solo una questione di armi o di attentati, qui si gioca con un’identità culturale e una coesione che in Europa sono due concetti troppo fluidi e altalenanti, almeno nei termini in cui l’altra parte del mondo se ne fa scudo e forza. Attentati come quello che abbiamo visto due giorni fa sono destinati a ripetersi, i gruppi sono coesi e decisi nelle loro finalità, non sono arrivati con asce e martello ma con fucili ad lata precisione e potenti, muniti di ferocia e determinazione.

Hanno fatto paura quelle immagini rubate, mentre due di loro hanno freddato senza pietà un poliziotto già ferito a terra. Perché sono morti dei vignettisti, viene da chiedersi. Perché come dice Aldo Cazzullo sul Corriere “il contrasto tra riso e integralismo religioso è antico di secoli […]l’uomo è l’unico animale che sa ridere e l’unico che sa che deve morire, quindi è normale che il riso sia l’unico antidoto alla morte e nella mentalità nichilista dell’integralista questo fa paura e per questo deve essere annullato”. Perseguire atti di intolleranza sarebbe come rispondere favorevolmente al gioco che questi terroristi ci stanno porgendo su un piatto d’argento, il gioco dell’odio e dell’integralismo di cui loro stessi sono latori. La nostra cultura fondata sulla democrazia ha ragione di esistere se alla tetraggine si oppongono valori fondati sulla comprensione e sulla tolleranza ma anche sulle regole certe e inderogabili. Si all’immigrazione ma non quella illecita.

Si all’accoglienza ma no alla violenza degli scafisti e al giustificazionismo. Arginare i sentieri dell’insofferenza significa creare un terreno di libertà in cui operare e trovare soluzioni ad un mondo che si evolve e si muove sempre più sottilmente. Cellule terroristiche ormai sono diffuse ovunque, il pensiero ha bisogno solo di una rete e una comunicazione invisibile che sfugge a qualsiasi operazione di intelligence. Sono tra di noi e per questo dobbiamo essere più forti, ma non con le armi, bensì con la condivisione di intenti.

 

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/05/2022 12:20:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -