Sei nella sezione Cultura   -> Categoria:  Teatro  
Roma, Teatro Vascello 'Trilogia dell'attesa'

Roma, Teatro Vascello 'Trilogia dell'attesa'
Autore: Susanna Schivardi - Redazione Cultura
Data: 29/01/2015

Dal 27 gennaio al 1 febbraio uno spettacolo innovativo e a tratti scioccante della Compagnia La Fabbrica. Per la regia di Fabiana Iacozzilli, luci di Davood Kheradmand e scene a cura di Matteo Zenardi, con Simone Barraco, Elisa Bongiovanni, Francesco Zecca, Marta Meneghetti, Rmaona Nardo’, Giada Parlanti. La trilogia si compone di tre sketch, Aspettando Nil, già vincitore del Underground Festival a New York nel 2010 e il PlayFestival nel 2013 in Italia,  Quando saremo grandi e Hansel e Gretel. Il giorno dopo.

Sulla falsariga di waiting for Godot, l’apparente anacronistico beckettiano ritorna a ispirare quest’attesa rappresentata in una facies farsesca e saggia, commovente e anche drammatica. La scena scarna, due sole attrici - Elisa Bongiovanni e Giada Parlanti- per la prima delle tre parti, Aspettando Nil, in cui due donne, madre e figlia si confrontano in un duetto esilarante. La madre su una sedia a rotelle, malata, mostra tutti i segni del decadimento psicologico mentre la figlia, disadattata e già con i capelli bianchi, già vecchia, è completamente succube del rapporto madre-figlia in cui la madre è suo aguzzino e carnefice.

Aspettano un fantomatico uomo ricchissimo e bello che le salverà dalla loro tragedia. Ma non è così, perché Nil non arriva e loro soprattutto non sono mai pronte per questa epifania. Si aggrovigliano continuamente sul loro rapporto non rapporto di amore odio, sfiducia e fedeltà in cui più che da ridere viene da pensare se poi questa attesa sia valsa a qualcosa. Specchio di una società che corre, mentre diseredati, abbandonati, malati mentali e poveracci attendono una salvezza, questa trilogia racconta di rapporti in crisi e molta incomprensione. Nell’attesa pare che accada qualcosa, in realtà non succede nulla, contraddizione eterna delle nostre esistenze.

In Quando saremo grandi tre bambini attendono che la mamma li vada a prendere ma lei non arriva mai, si è dimenticata di loro? Hansel e Gretel invece attendono che il papà li salvi dall’atrocità della loro condizione. Non arriva nessuno. E se aspettare fosse inutile? Però come diceva Cesare Pavese aspettare è ancora un’occupazione, il non aspettare niente è terribile. Nel primo episodio l’attesa è fonte di vita per le due donne che altrimenti non avrebbero nemmeno motivo di comunicare. Si devono preparare, è questo il motto. E nel farlo sono di una lentezza esasperante, i loro corpi sono come inchiodati al terreno, hanno difficoltà a camminare, girano su loro stesse in uno spazio microscopico come lo è il loro orizzonte, immalinconendosi sulle note di una dolce canzone che dice “lontano lontano nel mondo in un sorriso sulle labbra di un altro troverai quella mia timidezza per cui mi prendevi un po’ in giro…” di Luigi Tenco, intimo e smielato, con quella tenerezza che sa di tragedia, come la storia di questi disperati che sul palcoscenico raccontano le loro vite folli, malconce e sgraziate.

Le trovate delle due attrici di Aspettando Nil provocano sorriso amaro e all’inizio quando appaiono nude con la schiena curva, il petto abbandonato, scarnificate, spiacevoli alla vista, colpiscono per una certa impavida mancanza di vergogna tipica degli incoscienti. In un mondo dove nessuno guarda l’altro veramente ci si può presentare nudi e non essere visti. Un po’ come la generazione di oggi che soffre di un tempo che col suo peso scorre e imperturbabile schiaccia tutto, anche le speranze. Una generazione difficile che non sa muoversi, non sa spezzare cordoni ombelicali infiniti e non riesce ad emanciparsi dai limiti che si auto impone. Come se aspettare fosse l’unica soluzione senza essere poi mai capaci di agire e risolvere. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/02/2021 13:09:09

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Teatro

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 27/05/2020
Roma, Teatro Lo Spazio - Il 4 Giugno l'insegna si riaccende in segno di speranza

Poco prima dell'inizio della crisi da Coronavirus, il Teatro Lo Spazio di Roma è stato affidato alla guida di Manuel Paruccini...

Leggi l'articolo

Autore: Carla Fabi - Redazione Cultura
Data: 01/05/2020
Andrea Rivera dal 7 Maggio su Vimeo - Teatro Online

Nell'epoca in cui le sale teatrali sono ferme, per far fronte a quella mancanza da "sipario chiuso", è necessario reinventarsi e pensare al futuro.

Leggi l'articolo

Autore: Maya Amenduni - Redazione Cultura
Data: 23/03/2020
Teatro le Maschere in streaming da lunedì 23 marzo con: TRE OMINI NEL BOSCO

Un cantastorie accompagna il pubblico in un alternarsi di narrazione e azione attraverso il complesso percorso di crescita di una fanciulla narrato nel rispetto della ricca e tradizionale simbologia delle fiabe

Leggi l'articolo

Autore: Eleonora Turco - Redazione Cultura
Data: 04/03/2020
Roma, Teatro Studio Uno - 12-15 marzo - in prima assoluta 'Malleus Maleficarum'Debutta in prima assoluta al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 marzo 2020 Malleus Maleficarum
Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -