Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Nessun genocidio per Serbia e Croazia

Nessun genocidio per Serbia e Croazia
Autore: Teresa Corrado - Redazione Esteri
Data: 03/02/2015 23:40:38

Nessuna condanna per genocidio a Serbia e Croazia per la guerra dei Balcani. A stabilirlo la Corte Internazionale di giustizia dell'Onu. Dopo anni di richieste, presentazione delle prove, lanci di accuse, i giovani hanno sentenziato che nessuno può essere condannato per i fatti criminali della guerra in Jugoslavia. Proprio non condannato no, ma sicuramente l'Onu ha messo la parola fine su una delle sentenze più attese degli ultimi anni.

Il giudice Peter Tromka, che ha presieduto la giuria, ha sottolineato che il "caso è destituito di ogni fondamento" e ha anche aggiunto che non  ci sono prove sufficienti per dimostrare che la Serbia abbia agito senza essere portato a commettere genocidio. Per genocidio, infatti, la Convenzione Onu,specifica che il genocidio è da intendersi quando le forze militari avversarie hanno "lo scopo specifico necessario perchè si parli di genocidio si riferiscono alla volontà di forze militari che vogliono uccidere tutti o una parte degli appartenenti ad una etnia specifica". Le ragioni che spingono verso questa azione possono essere etniche, razziali o religiose. Riferendosi a questa descrizione che ne spiega le dinamiche a cui l'Onu fa riferimento, i giudici sono giunti alla conclusione che per Serbi e Croati le cose non sono andate realmente così.

Quindi non genocidio, ma sicuramente stragi, quelle che hanno colpito e caratterizzato gli anni della guerra. La città croata di Vukovar, per esempio, venne distrutta dopo tre mesi di occupazione, nel 1991. Decine di migliaia di croati vennero sfollati e circa 260 arrestati e uccisi. Ma le stragi continuarono. Belgrado denunciò i croati per aver espulso dal territorio croato 200mila serbi. Non solo, ma quattro anni dopo le forze armate croate bombardarono i serbi nella regione della Krajina, mentre 200mila persone abbandonarono le proprie case.

I diciassette giudici della Corte dell'Aja hanno respinto tutti i ricorsi presentati da entrambe le parti, da croati e serbi. La sentenza non è del tutto inaspettata,visto che il Tribunale per i crimini di guerra nella ex Jugoslavia, non ha mai condannato nè serbi nè croati per atti di genocidio.

La guerra jugoslava termina con un nulla di fatto, che non condanna nessuna delle due fazioni per i misfatti che avvennero durante la guerra, protrattasi dal 1991 al 1995.

 

Le dichiarazioni da entrambe le parti politiche non si sono fatte attendere. "Credo che con cio' e' stata chiusa una triste pagina del nostro passato, e ne e' stata aperta un'altra sul nostro futuro" ha affermato il ministro della giustizia serbo Nikola Selakovic plaudendo al verdetto dei giudici che allontana ogni sospetto di genocidio. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/10/2019 08:26:32

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/10/2019 07:14:36
Messico: alla ricerca delle tombe clandestine nell'ex prigione di Topo Chico/Nuevo Leòn

Il governo locale ha deciso di aprire queste indagini dopo accuse secondo cui in quella prigione controllata dal cartello dei Los Zetas sono scomparsi diversi detenuti.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/10/2019 08:13:31
Johnson & Johnson condannata a 8 miliardi di dollari per i danni causati dal Risperdal

La giuria di un tribunale in Pennsylvania ha oggi condannato la multinazionale Johnson & Johnson a pagare $ 8 miliardi di danni per non aver notato che uno dei suoi farmaci usati in psichiatria gonfia il petto degli uomini

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/10/2019 11:29:17
Premio Nobel per la Pace al premier etiope Abiy Ahmed Alì

Alla fine, il premio Nobel per la Pace è stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Alì con questa motivazione: "I suoi sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa di risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea"

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 21/09/2019 17:10:04
Albania: scossa di terremoto 5.8

Alle 16:04 di oggi - ora italiana - una scossa di terremoto di magnitudo 5.8 ha fatto tremare la terra in Albania sulla costa settentrionale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -