Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Gentiloni agli italiani in Libia: 'rientrate'

Gentiloni agli italiani in Libia: 'rientrate'
Autore: Teresa.Corrado
Data: 13/02/2015

Le parole di Paolo Gentiloni, ministro degli Esteri italiano, rilasciate a SkyTg24 commentando la situazione libica, sono allarmanti. Secondo il ministro l'Italia sarebbe "pronta a combattere in un quadro di legalità internazionale" qualora la situazione lo richiedesse". La Libia che sta per essere occupata dall'Isis, è solo a 200 miglia dall'Italia e questo la pone in una situazione di attenzione.

L'Isis non si ferma e a Sirte vengono occupate alcune tv e radio locali, attraverso le quali i miliziani jihaidisti hanno trasmesso un discorso del loro capo, il califfo Abu Bakr al Baghdadi. Nella giornata di giovedì alcuni twitter di personaggi riconducibili all'Isis, avevano annunciato l'uccisione di ventuno copti egiziani, rapiti a inizio gennaio. A conferma della stessa strage, la stessa Isis ha mostrato alcune foto delle uccisioni. Ma conferme ufficiali da altre fonti non sono ancora giunte.

Forze dell'isis sono presenti anche a Tripoli, dove lo Stato islamico ha rivendicato l'attentato a Tripoli all'hotel Corinthia, dove i kamikaze morirono uccidendo anche cinque stranieri il 27 gennaio scorso.

Non solo, ma i militanti cominciano a dettare la sharia nelle zone occupate, dove le donne vengono prese di mira. A loro viene proibito vestirsi in modo occidentale, truccarsi e soprattutto intrattenersi con gli uomini. Ma ciò non impedisce agli stessi di usare violenza sulle stesse e sulle persone indifese.

In un clima così incandescente e senza pace, l'Italia prende una decisione importante: richiamare tutti i connazionali che si trovano in Libia chiedendo loro di rientrare. L'Italia e i suoi cittadini sono bersaglio delle forze dell'Isis e non solo. Anche la situazione così instabile ha convinto il ministero a richiamare i cittadini italiani in patria, perchè non è possibile garantire la loro sicurezza all'interno del paese libico.

L'Eni, alla richiesta di sicurezza per i propri dipendenti, ha rassicurato le autorità italiane, affermando che dipendenti italiani dell'azienda, presenti in Libia, sono pochi e limitati ad alcuni siti operativi offshore. I siti continuano a lavorare monitorando con estrema attenzione l'evolversi continua della situazione in Libia.

Nonostante le tensioni del paese, continuano a partire, dalle coste libiche, barconi sui quali vengono ammassati centinaia di persone e lasciate alla deriva del Mediterraneo. Anche oggi sono stati soccorsi 700 migranti distribuiti in 7 gommoni. Alle operazioni di soccorso hanno partecipato i mezzi della Guardia Costiera italiana e alcuni mercantili dirottati sul posto dalla capitaneria di porto italiana.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 30/05/2020 14:16:31

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -