Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Occupazione  
Jobs Act: tra Naspi, licenziamenti e tutele ecco le novita'

Jobs Act: tra Naspi, licenziamenti e tutele ecco le novita'
Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Economia
Data: 07/03/2015

Il contratto a tutele crescenti contenuto nel Jobs Act, è il nuovo contratto che prevede l'assunzione a tempo indeterminato e stabilisce, per i nuovi contratti di lavoro, una nuova regolamentazione per ciò che riguarda l’articolo 18 relativamente i licenziamenti senza giusta causa, sia individuali che collettivi. 

Con la riforma dell'Articolo 18 dello Statuto dei lavoratori, resta salvo il diritto al reintegro sul posto del lavoro, ma solo in quei casi in cui il licenziamento è scaturito da atti discriminatori. 

Per ciò che riguarda i licenziamenti disciplinari, solo nei casiin cui sia accertata «l’insussistenza del fatto materiale contestato» è possibile il reintegro.

Nei restanti casi di licenziamento ingiustificato, è previsto un risarcimento che verrà calcolato in base all'anzianità di servizio e sarà pari a 2 mensilità calcolate per ogni anno di anzianità con un minimo di 4 e un massimo di 24. Importi minori verranno calcolati nel caso delle piccole imprese, che calcoleranno un risarcimento da un minimo di due a un massimo di sei mensilità.

Nel Jobs Act, è prevista anche una conciliazione facoltativa che permette l'erogazione - da parte dell'impresa - di una somma esente da imposizioni fiscali e contributive e calcolabile in una mensilità per ogni anno lavorato. Tale soluzione prevede che il risarcimento non sia calcolato in misura minore a due mensilità e maggiore ai 18. Nel caso il lavoratore accettasse questo tipo di risarcimento, rinucerebbe ad intentare causa contro il datore di lavoro. 

Con il Jobs Act viene introdotto il Naspi, una sorta di "assegno di disoccupazione" per coloro che dovessero perdere il posto di lavoro a partire dal 1° maggio 2015 a patto che abbiano maturato contributi lavorativi per almeno 13 settimane e maturati negli ultimi 4 anni, oltre ad aver effettivamente lavorato almeno 18 giorni nell'arco degli ultimi 12 mesi. 

Per calcolare l'importo, sarà necessario prendere come base retributiva degli ultimi quattro anni, anche se non si è lavorato in maniera continuativa e moltiplicare l'importo per il coefficente 4,33. L'assegno viene poi erogato per un numero di settimane che corrisponde alla metà delle settimane in cui si è lavorato negli ultimi 4 anni e con un tetto massimo di 1.300 euro che scalerà del 3% al mese a partire dal 4à mese di erogazione.

Un lavoratore che scelga di avvalersi del Naspi però, dovrà rendersi disponibile alle iniziative di riqualificazione che gli verranno proposte, pena il decadimento del sostegno economico. E se, finito il periodo di erogazione del Naspi il cittadino non ha trovato un nuovo lavoro? In via sperimentale per l'anno in corso, verrà erogato l'assegno di disoccupazione il cui importo sarà pari al 75% del Naspi e per un periodo massimo di sei mesi. Il fondo stanziato per questo esperimento è pari a 300 milioni, è quindi palese che quest'ultima è una misura che coprirà poche persone in stato di disoccupazione

 



Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/10/2021 15:34:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Occupazione

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 24/05/2020
Decreto rilancio: approvato il Bonus colf e badanti

Nella precedente versione del decreto, gli importi del sostegno economico erano stati fissati dai 400 ai 600 euro...

Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 10/05/2020
Fase 2, allarme delle imprenditrici: ''Le donne rischiano di essere tagliate fuori''

“Nel dibattito sulla fase due le donne sono del tutto assenti. Il Governo sembra essersi dimenticato di mettere le imprenditrici e le lavoratrici... 

Leggi l'articolo

Autore: Fausta Tagliarini - Redazione Economia
Data: 30/04/2020
Covid-.19: Cassa Dottori Commercialisti: online il bando per contributi agli iscritti

È online da ieri sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 27/04/2020
Settore ristorazione: si rischia il fallimento

Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro. Bar, ristoranti, pizzerie, catering, intrattenimento, per il quale non esiste neanche una data ipotizzata...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -