Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Immigrazione: stop ad aiuti in Eritrea senza democrazia

Immigrazione: stop ad aiuti in Eritrea senza democrazia
Autore: Teresa.Corrado - Redazione Cronaca
Data: 02/07/2015

Fermare il flusso migratorio si può. Basta mettere in campo  giuste strategie che aiutino le persone a crescere anche nel proprio paese o che gli garantiscano la democrazia. Una delle nazioni coinvolte in questa trasformazione è l'Eritrea, uno dei paesi che esporta il maggior numero di immigrati nel Mediterraneo.

Vittorio Longhi, giornalista italo-eritreo che conosce molto bene il paese del Corno d'Africa, ha lanciato una petizione su Change.org. il primo passo da fare, secondo Longhi, è quello di bloccare i fondi europei alll'Eritrea, fino a quando non saranno emanate riforme democratiche da parte del governo. Bloccare i fondi significherebbe bloccare circa trecento milioni di euro che l'Europa sta trattando con il governo africano per aiutare lo sviluppo. Il piano è in Commissione Europea e dall'altra parte c'è il governo eritreo in carica da 21 anni. Con lui anche don Mussie Zerai, sacerdote eritreo candidato al Nobel per la pace.

Secondo quando scritto dal giornalista, questa sarebbe una delle soluzioni che porterebbe il paese a cominciare un processo di riforme democratico, offrendo alla popolazione una possibilità di creare nel proprio paese sviluppo e lavoro. Per adesso, sul piano degli aiuti non si conoscono ancora le dinamiche che porteranno allo sfruttamento dei soldi elargiti dall'Europa. Non si sa come verranno gestiti e dove andranno tutti questi fondi. Si ignora anche se sul tavolo delle trattative l'Europa ha richiesto accordi sul rispetto dei diritti umani. Questo potrebbe essere un ottimo incentivo per evitare il grande flusso di immigrazione che parte dal paese del Corno d'Africa.

Nella petizione vengono chieste cinque misure da attuare e subordinare alla concessione di aiuti che partirebbero dall'Unione Europea: libertà per tutti quelli che sono detenuti in modo arbitrario tra cui figurano dissidenti e giornalisti, libertà di espressione e associazione, elezioni libere e democratiche a sistema multipartitico, inoltre fine del servizio militare obbligatorio e a tempo indeterminato, fine del lavoro forzato e di ogni trattamento abusivo, tra cui risulta la tortura.

 

Questo sarebbe solo il primo passo a cui l'Eritrea sarebbe portata, visto che il governo è responsabile della "sistematica, diffusa e grave violazione dei diritti umani". Ma la richiesta prevede anche una vigilanza da parte dell'Europa dei probabili accordi democratici messi in atto per ottenere gli aiuti dall'UE. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/01/2020 08:52:29

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/10/2019
Libia: chiude il centro di detenzione di Misurata. Profughi e migranti in condizioni inumane

Uomini, donne e bambini arbitrariamente detenuti per mesi e in molti casi per anni, con poco accesso a cibo, acqua e accesso all’aria, saranno esposti alle stesse condizioni disumane. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/10/2019
Roberta Pinotti (PD): 'L'Europa deve far sentire la propria condanna alla Turchia'

“L’Europa deve far pesare la propria indignazione e condanna con delle sanzioni economiche nei confronti della Turchia”

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 11/10/2019
Siria: la Turchia all'attacco dei curdi. Erdogan 'Vi invieremo 3,6 milioni di rifugiati'

Secondo il rapporto delle forze curde 5 soldati turchi sarebbero rimasti uccisi. Nel frattempo ad Ankara è scattata un'inchiesta per "propaganda del terrore" e le indagini si concentrano i leader filo-curdi.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 02/09/2019
Venezuelani in Brasile: migliaia di migranti e richiedenti asilo in condizioni precarie nel Roraima

Migliaia di persone in fuga dal Venezuela devastato dalla crisi vivono in condizioni del tutto precarie nello stato brasiliano del Roraima, principale punto di ingresso dal Venezuela al Brasile, dove faticano anche a trovare cure mediche adeguate. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -