Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Tensione Italia-Svizzera sui lavoratori frontalieri

Tensione Italia-Svizzera sui lavoratori frontalieri
Autore: Teresa.Corrado - Redazione Cronaca
Data: 29/07/2015

Tensione tra Italia e Svizzera al confine a causa di dure direttive che coinvolgono i lavoratori frontalieri italiani. La preoccupazione del governo italiano è molta, tanto che il Segretario Generale della Farnesina , Michele Valensise, ha convocato l'ambasciatore svizzero Giancarlo Kessler, per esprimere non solo la preoccupazione ma anche indignazione per un provvedimento che discrimina i quasi 60mila lavoratori frontaliere nel Canton Ticino. I lavoratori italiani, sono costretti a presentare, ogni giorno, l'estratto del casellario giudiziario, per dimostrare che non hanno carichi penali. Questo viene applicato solo nel Canton Ticino e per i lavoratori italiani.

Il Ministro degli esteri si è subito rivolto all'Ambasciatore e non solo, ricordandogli che le misure adottate violano l'accordo europeo del 1999 sulla libera circolazione dei cittadini europei. Non solo ma sono discriminanti nei confronti dei lavoratori italiani, ma anche in contraddizione delle relazioni bilaterali che tra i due stati sono sempre stati buoni.

L'Ambasciatore svizzero ha dato ragione all'Italia, affermando che anche le autorità federali svizzere hanno espresso il loro dissenso ritenendo la decisione ticinese "incompatibile con gli obblighi derivanti dall'accordo". Dal canto suo il Presidente leghista del Governo del Canton Ticino, Norman Gobbi, difende la sua scelta, replicando alle rimostranze italiane e svizzere e affermando che dall'attuazione della richiesta nessuno ha fatto ricorso, poi ha affermato in un'intervista alla Radio della Svizzera Italiana, "L'Italia dovrebbe comunque porsi la domanda sul perchè, ogni giorno, nonostante tutto, 60mila lavoratori frontalieri vengono a lavorare in Ticino e, annualmente, migliaia di italiani scelgono il Ticino come luogo di residenza".

La campagna contro i lavoratori frontalieri italiani non è nata adesso. Da molto, infatti, nelle pubblicità del Canton Ticino ci sono chiari riferimenti alla politica contrastante e volti all'intolleranza contro i lavoratori italiani, definiti, in alcuni, come persone che entrano per rubare il lavoro agli svizzeri.

Contro il Governatore Norman Gobbi è sceso in campo anche il governatore della Lombardia Roberto Maroni, anche lui leghista, che aveva già rimproverato Gobbi per la sua decisioni e invitato i lavoratori frontalieri italiani a restare a casa per un mese, a spese della regione, per vedere come se i ticinesi possono cavarsela senza di loro.

Da Berna fanno sapere che si muoveranno affinchè la norma venga abolita e si ritorni alla libera circolazione dei cittadini italiani anche nel Canton Ticino.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 07/07/2020 16:58:55

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -