Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Muore migrante marocchino chiuso in valigia

Muore migrante marocchino chiuso in valigia
Autore: Teresa.Corrado - Redazione Esteri
Data: 04/08/2015

Nuova tragedia per un migrante. Un marocchino di 27 anni è morto tentando di entrare in Europa chiuso in una valigia. Una tragedia nella tragedia, se si pensa che ad aiutarlo a chiudersi in quello che sarebbe diventato un contenitore di morte, è stato il fratello, che ha poi sistemato la valigia nel bagagliaio della sua macchina.

Il migrante è stato ritrovato morto poco prima che il battello sul quale viaggiava, arrivasse sulle cose spagnole. A riferire l'accaduto le autorità di Almeria, che hanno anche confermato l'arresto del fratello, lui, invece, con passaporto francese.

Chiudersi in valigia per poter attraversare il confine e riuscire ad entrare in Europa è un metodo che viene utilizzato sempre più spesso ma che, come in quest'ultimo caso, può rivelarsi letale. Un altro caso che aveva appassionato il mondo, era quello del piccolo Abou, un bimbo di otto anni di origini sud-sahariane che aveva tentato di entrare in Europa allo stesso modo. Il piccolo venne poi individuato alla dogana di Ceuta. La sua storia è una di quelle finite bene, visto che, successivamente, le autorità gli hanno concesso il permesso di restare in Spagna con la sua famiglia.

L'ondata di migranti che cercano di giungere in Europa non si ferma e complice il periodo estivo e il mare calmo, gli sbarchi sono sempre più frequenti. Al porto di Palermo sono giunti 529 migranti salvati davanti alle coste libiche dalla nave "Bourbon Argos" di Medici Senza Frontiere che opera nelle acque del Mediterraneo. Sulla nave anche cinque salme. La "Bourbon Argos" sabato aveva effettuato due salvataggi, uno con 111 e l'altro con 107 persone. Anche nell'ultima operazione di salvataggio di sabato, secondo i migranti che erano con loro, le persone erano in buono stato quando sono salite su gommone, ma poi sono decedute durante le tredici ore di permanenza in acqua. Secondo le indagini e le autopsie, i migranti sarebbero morti per disidratazione.

Anche Parigi, come Roma, da qualche giorno si sta confrontando con rifugiati e richiedenti asilo. La gendarmerie francese ha sgombrato le tendopoli a Parigi e adesso un centinaio di sans-papiers di origine africana pernottano nelle zone più frequentate dell'estate parigina. Il Lungosenna della Cité de la Mode è diventato il luogo di pernottamento dei migranti, tra discoteche chic e locali alla moda. Si alzano le proteste dei cittadini parigini che non vedono di buon grado la situazione dei migranti in una delle più frequentate zone parigine. Il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo ha convocato una riunione per affrontare la situazione, nella quale sono state convocate anche le Ong.

Sempre in Francia resta alta la tensione a Calais, dove un poliziotto è stato ferito al volto dal lancio di una pietra. Sembra infatti, che circa 1700 migranti abbiano cercato di intrufolarsi nel Tunnel sotto la Manica. Mille sono stati fermati subito, altri settecento sono stati intercettati all'interno del tunnel stesso.

Anche Londra ha cominciato la "dura" repressione per eliminare i migranti. È caccia aperta e sfratti senza processo per gli "irregolari". Nella "lotta agli irregolari", sono stati coinvolti anche i padroni di casa che dovranno sfrattare, senza pensare ai contratti e senza attendere i giudizi della magistratura, tutti quei richiedenti asilo la cui domanda risulta scaduta o non accolta.

La stampa inglese schieratasi in gran parte, con la linea dura di David Cameron e del suo partito conservatore. L'allarmismo esploso sulle pagine dei tabloid inglesi servirebbe anche ad accettare la linea dura dei provvedimenti contro l'immigrazione che il governo Cameron sta preparando e la cui approvazione dovrebbe essere imminente. Si prospettano anche fino a 5 anni di carcere per i proprietari inadempienti alle direttive di sfratto dei migranti non in regola. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/05/2022 03:11:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/05/2020
COVID-19: Ationaid: Allarme in Kenia. Subito acqua e kit igienici'

Acqua pulita e kit igienici per prevenire il diffondersi del coronavirus tra le comunità più vulnerabili in Kenya. Dal 1° maggio al 15 giugno attivo il numero solidale 45511 per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/10/2019
Libia: chiude il centro di detenzione di Misurata. Profughi e migranti in condizioni inumane

Uomini, donne e bambini arbitrariamente detenuti per mesi e in molti casi per anni, con poco accesso a cibo, acqua e accesso all’aria, saranno esposti alle stesse condizioni disumane. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/10/2019
Roberta Pinotti (PD): 'L'Europa deve far sentire la propria condanna alla Turchia'

“L’Europa deve far pesare la propria indignazione e condanna con delle sanzioni economiche nei confronti della Turchia”

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 11/10/2019
Siria: la Turchia all'attacco dei curdi. Erdogan 'Vi invieremo 3,6 milioni di rifugiati'

Secondo il rapporto delle forze curde 5 soldati turchi sarebbero rimasti uccisi. Nel frattempo ad Ankara è scattata un'inchiesta per "propaganda del terrore" e le indagini si concentrano i leader filo-curdi.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -