Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Immigrazione  
Macedonia, aperta la frontiera 8mila profughi in transito

Macedonia, aperta la frontiera 8mila profughi in transito
Autore: Teresa.Corrado - Redazione Esteri
Data: 24/08/2015

Continua il grande esodo che dalla Grecia sta portando profughi siriani in Macedonia. Da qui i fuggiaschi cercano di superare la Serbia e arrivare quindi in Ungheria. Un esodo che non si ferma nemmeno dopo le disposizioni delle autorità che alcuni giorni avevano anche tentato di chiudere le frontiere respingendo i migranti con il filo spinato, con granate stordenti e manganelli. Ma la forza della disperazione, il desiderio di vivere in un paese in pace, ha portato i profughi a combattere per riuscire a superare le restrizioni.

Alla fine le donne e i bambini, gli anziani, le famiglie, hanno sfondato la barriera e passato la frontiera. A Preservo, nel sud della Serbia, nel centro di accoglienza allestito per accogliere i profughi, sono arrivati almeno ottomila persone. A riferirlo con dati alla mano, il presidente di zona della Croce rossa, Ahmet Halimi. La Macedonia, infatti, è solo un luogo di passaggio, come lo è la Serbia, anche se le frontiere non riescono a fronteggiare un così gran numero di persone. Nel centro di Presevo la notte è passata cercando di identificare tutte le persone arrivate, mentre altre duemila persone sono state indirizzate in un altro centro di accoglienza nel villaggio si Miratovac, vicino a Presevo.

Nei giorni scorsi vari incontri fra le autorità greche, macedoni, serbe, hanno impedito che le frontiere venissero chiuse, ma anche gli aiuti che vengono dati ai profughi, cominciano a scarseggiare. Intorno alle frontiere e nei campi di accoglienza operano i medici di Senza Frontiere, che offrono assistenza medica, ma anche molte altre associazioni che somministrano cibo e acqua. Secondo le autorità, in questo periodo di grande esodo, le risorse non sono sufficienti a garantire, a lungo, la distribuzioni di generi di prima necessità.

La meta di moltissimi è l'Ungheria, un paese che in queste ore sta ultimando, a protezione dei confini, un muro alto quattro metri, fatto di ferro spinato e lamette, per impedire ai profughi di passare e fermarsi nel paese, o di andare oltre.

Anche in Italia continuano a giungere carrette del mare cariche di profughi, stipati nelle stive o sui gommoni, che attraversano le acque del Mediterraneo, in questi giorni calmo, sperando che non si rovescino a causa dell'enorme peso che trasportano. Nel Canale di Sicilia la Guardia Costiera ha coordinato diverse operazioni di soccorso.

Circa 4400 migranti sono stati tratti in salvo dopo aver lanciato un messaggio di aiuto, in 22 operazioni. Tutti viaggiavano su gommoni o barconi in difficoltà, carichi fino all'inverosimile. Nelle operazioni, oltre alle navi italiane hanno partecipato anche la nave norvegese Siem Pilot e quella irlandese Niamh entrambe inserite nel dispositivo Triton, ma anche la nave Enterprise facente parte dell'operazione Eunavfor Med




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/05/2022 11:37:56

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Immigrazione

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/05/2020
COVID-19: Ationaid: Allarme in Kenia. Subito acqua e kit igienici'

Acqua pulita e kit igienici per prevenire il diffondersi del coronavirus tra le comunità più vulnerabili in Kenya. Dal 1° maggio al 15 giugno attivo il numero solidale 45511 per fronteggiare l’emergenza sanitaria.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 18/10/2019
Libia: chiude il centro di detenzione di Misurata. Profughi e migranti in condizioni inumane

Uomini, donne e bambini arbitrariamente detenuti per mesi e in molti casi per anni, con poco accesso a cibo, acqua e accesso all’aria, saranno esposti alle stesse condizioni disumane. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 12/10/2019
Roberta Pinotti (PD): 'L'Europa deve far sentire la propria condanna alla Turchia'

“L’Europa deve far pesare la propria indignazione e condanna con delle sanzioni economiche nei confronti della Turchia”

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 11/10/2019
Siria: la Turchia all'attacco dei curdi. Erdogan 'Vi invieremo 3,6 milioni di rifugiati'

Secondo il rapporto delle forze curde 5 soldati turchi sarebbero rimasti uccisi. Nel frattempo ad Ankara è scattata un'inchiesta per "propaganda del terrore" e le indagini si concentrano i leader filo-curdi.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -