Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Ignazio Marino: il Sindaco latitante votato all' incoerenza

Ignazio Marino: il Sindaco latitante votato all' incoerenza
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 01/10/2015

Aborro le polemiche e il giornalismo polemico, però… Però questa storia di Marino che vola a Philadelphia, che millanta inviti mai ricevuti, contro i quali si scaglia lo stesso Papa Francesco con il suo categorico: “Io il Sindaco Marino non l’ho invitato. Chiaro”?. E in quel “Chiaro”? c’è la sintesi di una vergogna nazionale. L’ennesima. Che si veste con la pelle dell’orso sfregiando persino la razza animale (Un orso non farebbe mai e poi mai nulla del genere…)

Tornato dal viaggio, il Sindaco latitante Ignazio Marino, sfodera una grinta poco convincente e si scaglia contro “la campagna atta a demolire l’immagine di Roma”. No caro Sindaco. Qui non si tratta dell’immagine di Roma, semmai della sua. Lei doveva essere il legale rappresentante della Capitale, innanzitutto nei confronti dei cittadini romani e per finire, nei confronti del resto del mondo che, si sa, ha sempre gli occhi e l’attenzione puntati sulla Città eterna.

Credo che Marino stia facendo confusione sul significato del termine “commissariamento”. Che non significa che Gabrielli sia divenuto il suo vice, semmai, ne è divenuto il controllore, di lavori che dovevano partire mesi fa, per il Giubileo, e invece eccoci qui a raccogliere i pezzi dell’ennesimo scandalo.

Il viaggio a Philadelphia è costato – si dice – 15.000 euro. Che il denaro sia stato prelevato dalle casse del Comune di Roma, è lo stesso Marino a confermarlo, durante l’intervista che ha rilasciato stamane a Uno Mattina: "Mi hanno accompagnato anche un ambasciatore che lavora in Comune e il capo del nostro cerimoniale - ha spiegato Marino-. Quelle spese sono state supportate dal Comune, come è normale che sia per i sindaci delle grandi e piccole città". E sugli importi di queste spese Marino precisa: "Io esattamente il conto esatto non lo conosco. Posso dire che per quel che mi riguarda per i miei spostamenti personali ho avuto anche una macchina messa a disposizione dal Comune di Philadelphia".

A parte questo, si dice che Marino abbia preso un gettone dalla Temple University per la conferenza tenuta durante la sua quattro giorni americana sul tema ‘Il trapianto: dal fegato alla salvaguardia dei monumenti di Roma'. I suoi portavoce, ovviamente, hanno smentito o meglio: hanno stemperato l’entità del fatto, dichiarando che no, Marino non ha preso alcun “gettone” ma solo il rimborso parziale del suo volo aereo.

Se invece fosse vero il fatto del “gettone” preso per aver tenuto la conferenza, non si tratterebbe di peculato? Vola negli USA a spese del Comune di Roma e poi prende denaro per la Conferenza? E’ una domanda, un dubbio, cui nessuno forse darà risposta.

Ma poi dico: nel caos totale in cui ci troviamo, con Gabrielli che appena Marino ha rimesso piede sul suolo italiano, l’ha chiamato in riunione per fare il punto sulla disastrosa situazione dei progetti per i lavori per il Giubileo, era così importante volare negli USA per tenere una Conferenza dai contenuti così poco urgenti? Marino parla della “lenticchia nana” mentre a Roma tutto crolla, a cominciare dall’immagine del primo cittadino. Perché no, non è l’immagine di Roma a subire gli effetti dell’assoluta dissolutezza di questo Sindaco fuori dalle righe, ma lui stesso.

In ogni caso, Marino sta facendo la figura più barbina di tutta la sua carriera di uomo pubblico e, palesemente, non è nemmeno in grado di difendersi per una semplice ragione: è indifendibile. E se perfino il Papa più democratico della Storia della Chiesa è un tantinello incazzato beh…Abbiamo chiaro tutti, come Ignazio Marino non ne stia combinando una giusta.

C’è da chiedersi poi, come mai Marino ultimamente è tornato così spesso negli USA, sua ex patria professionale da cui fu letteralmente buttato fuori per quel brutto caso dei rimborsi che il Sindaco chiedeva due volte: una all’amministrazione statunitense e una a quella italiana. 8.000 euro in tutto, ma in America per molto meno, si perde il posto e la faccia, mica come in Italia. Per caso sono cambiati i nomi degli amministratori dell’Università presso la quale aveva qualche incarico e pensa di tornare negli States?

Se così fosse, sarebbe meglio dimettersi, lasciare la Capitale commissariata e sperare che l’8 Dicembre, giorno di inizio del Giubileo, il mondo non si faccia grasse risate di fronte allo scempio di una città antica al punto tale da avere le strade con i reperti archeologici a cielo aperto… Quando è troppo è troppo.

Video dell'intervista al Sindaco Marino di stamane, su UnoMattina

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 01/10/2020 14:19:45

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -