Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Siria: venti di guerra

Siria: venti di guerra
Autore: Teresa.Corrado - Redazione Esteri
Data: 08/10/2015 21:21:56

In Siria si respira aria di guerra. La Siria è diventato ormai il pomo della discordia e il pretesto delle scelte militari in Medio Oriente. Dopo i raid delle forze russe, unilaterali, secondo quando affermato dagli oppositori di Assad, che hanno colpito non solo l'Isis, ma anche zone controllate da oppositori moderati, le forze europee si muovono, spostando pedine all'interno del Mediterraneo. L'attacco russo non avviene solo per via aerea, ma parte anche dalla flotta russa.

Dopo la Francia, ecco l'annuncio della Gran Bretagna che annuncia l'invio di un centinaio di soldati nei paesi baltici. Sotto l'egemonia della Nato, infatti, le truppe inglesi dovranno rassicurare gli alleati che si trovano in quelle zone. A dichiarare le ferma decisione della Gb, il ministro della difesa Michael Fallon a Bruxelles. Secondo i media si tratterebbe di un centinaio di truppe.

Pronta e immediata la risposta di Mosca che, a fronte di un rafforzamento militare nei paesi baltici, con il rafforzamento delle basi Nato, provvederà a ristabilire, militarmente, la parità, ha dichiarato il portavoce del Cremlino.

Intanto arrivano anche dichiarazioni contro la Russia, da parte del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, il cui spazio aereo è stato violato dagli aerei russi senza permesso. Il presidente turco ha minacciato di non comprare più il gas dalla Russia oltre a fermare la collaborazione, sempre con i russi, della prima centrale nucleare ad Ankara, se dovessero continuare gli sconfinamenti del cielo turco.

Secondo quando riferito dall'agenzia governativa Sana, il generale Ali Abdullah Ayub ha annunciato l'inizio di una forte offensiva contro i "terroristi" che è destinata a liberare le città e le regioni che sono ancora sotto il predominio delle forze "terroristiche". Intanto ci sono ben undici città che sono state raggiunte da missili calibro 26, lanciati dalla flotta russa che stanzia nel Mar Caspio: Raqqa, Aleppo, Idlib sono le provincie colpite. Sostenuti da questi attacchi, anche l'esercito siriano ha intrapreso l'offensiva contro i "terroristi".

La Nato, riunitasi dopo il progredire dei raid russi in Siria, ha preso una dura posizione contro la Russia, accusata di colpire non solo basi dell'Isis, ma anche quelle dei ribelli, oltre a violare il cielo turco. Per i ministri della Difesa della Nato, il governo di Assad deve lasciare il potere e passare ad un governo di transizione. Inoltre la Nato ha sottolineato che "è pronta a difendere tutti gli alleati, compresa la Turchia", dispiegando forze militari nel paese se necessario. Non a caso il numero degli uomini è passato a 40 mila con la possibilità di mobilitarne altri in 48 ore.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/10/2019 06:58:35

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/10/2019 07:14:36
Messico: alla ricerca delle tombe clandestine nell'ex prigione di Topo Chico/Nuevo Leòn

Il governo locale ha deciso di aprire queste indagini dopo accuse secondo cui in quella prigione controllata dal cartello dei Los Zetas sono scomparsi diversi detenuti.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/10/2019 08:13:31
Johnson & Johnson condannata a 8 miliardi di dollari per i danni causati dal Risperdal

La giuria di un tribunale in Pennsylvania ha oggi condannato la multinazionale Johnson & Johnson a pagare $ 8 miliardi di danni per non aver notato che uno dei suoi farmaci usati in psichiatria gonfia il petto degli uomini

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/10/2019 11:29:17
Premio Nobel per la Pace al premier etiope Abiy Ahmed Alì

Alla fine, il premio Nobel per la Pace è stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Alì con questa motivazione: "I suoi sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa di risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea"

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 21/09/2019 17:10:04
Albania: scossa di terremoto 5.8

Alle 16:04 di oggi - ora italiana - una scossa di terremoto di magnitudo 5.8 ha fatto tremare la terra in Albania sulla costa settentrionale.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -