Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Parigi: sciopero netturbini e caos rifiuti

Parigi: sciopero netturbini e caos rifiuti
Autore: Teresa.Corrado - Redazione Esteri
Data: 09/10/2015 08:19:20

Parigi è stretta nella morsa dei rifiuti. I netturbini della città francese hanno incrociato le braccia e da quattro giorni non ritirano i rifiuti. Lungo le strade della capitale francese restano cassonetti stracolmi di spazzatura non ritirata mentre il puzzo degli scarti, anche a causa delle piogge di inizio settimana, è diventato intenso.

I netturbini parigini, che lavorano ancora per il comune e non per le concessionarie private, sono in sciopero perché chiedono una rivalutazione del loro stipendio. Il braccio di ferro con il sindaco di Parigi Anne Hidalgo, resta attivo fino al raggiungimento dell'obiettivo. Il sindaco sembra fiduciosa nel trovare una soluzione già oggi, quando si siederanno ad un tavolo per negoziare sugli scatti di anzianità e gli aumenti di stipendi.

I cittadini intanto lamentano il degrado del centro cittadino, lasciato alla mercé della spazzatura tra puzza e cassonetti colmi e soprattutto per l'immagine di una città che richiama ogni anno milioni di turisti, costretti a convivere e girare per la città con tanto di emergenza rifiuti. Anche i ristoratori, i negozianti, lamentano la cattiva immagine per le loro attività.

La Francia non se la passa poi tanto bene, non solo per lo sciopero dei netturbini. È solo di qualche giorno fa la notizia della rivolta dei dipendenti di Air France. Un centinaio di dipendenti sono riusciti a penetrare all'interno della sede della compagnia urlando slogan contro i dirigenti, alcuni sono stati aggrediti, come Xavier Broseta, capo delle risorse umane, costretto a fuggire a torso nudo e a scavalcare delle barriere per salvarsi. Un'immagine che ha fatto il giro del mondo e che ha mostrato l'esasperazione dei lavoratori.

L'assalto alla sede della Air France è avvenuto dopo che i dirigenti della stessa hanno presentato un piano con la riduzione del personale di terra, volo e hostess di 3900 unità. In una proposta presentata prima di quella che prevedeva i licenziamenti, era stato chiesto ai lavoratori di lavorare di più, in alcuni casi di raddoppiare le proprie ore, senza nessun costo aggiuntivo.

Il governo francese non osserva solo preoccupato per le crisi dei netturbini e l'Air France. In piazza sono scesi anche i lavoratori del settore pubblico e privato che protestano contro i tagli a causa della crisi. Tra questi anche il settore scolastico che è uno settori più colpiti, uno dei cartelli annuncia: "L'Education ne payera pas la crise".


L'articolo ha ricevuto 576 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/07/2019 01:19:36

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 21/07/2019 07:23:29
FAO: oltre 820 milioni di persone soffrono la fame

Sono oltre 2 miliardi le persone nel mondo che non hanno accesso regolare a cibo sicuro, nutriente e sufficiente. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 20/07/2019 06:22:15
Pakistan: aumentano i casi di Leishmaniosi cutanea

Il centro di MSF a Peshawar unica possibilità di cura nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa. Da sei mesi i casi di leishmaniosi cutanea, uno dei principali problemi di salute in Pakistan, continuano ad aumentare nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 16/07/2019 06:58:44
Ebola in Congo: primo caso a Goma conferma che l'epidemia non è sotto controllo

“Il caso di Ebola a Goma dimostra che la situazione continua a essere preoccupante e che di fatto l’epidemia non è sotto controllo” dichiara Ruggiero Giuliani, medico infettivologo e vicepresidente di MSF, che ha lavorato nella risposta all’epidemia.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 13/07/2019 06:25:53
Infanzia: fondi insufficienti per la protezione umanitaria

In occasione del summit politico in corso a New York sugli obbiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e sull’impegno presoper porre fine alla violenza contro i bambini, un nuovo rapporto rivela enormi lacune nei fondi per la protezione dei minori

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -