Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Turchia: due bombe esplodono durante un corteo per la pace. 30 morti e 126 feriti

Turchia: due bombe esplodono durante un corteo per la pace. 30 morti e 126 feriti
Autore: Neri Riondino - Redazione Cronaca
Data: 10/10/2015 14:45:56

Marciavano per la pace con il Pkk curdo vicino alla stazione ferroviaria di Ankara quando si sono verificate due violente esplosioni.

A diffondere la notizia, l'agenzia statale Anadolu. Il primo bilancio è di 30 vittime e 126 feriti.

Kemal Kilicdaroglu
, leader dell'opposizione (Chp), ritiene che a realizzare le due esplosioni potrebbero essere stati due Kamikaze.

Per ovvie ragioni di sicurezza, il corteo è stato annullato.

Dura la condanna del presidente Recep Tayyip Erdogan: "Attacco contro l'unità del Paese. Condanniamo con forza questo attacco che prende di mira l'unita'. Siamo contro ogni forma di terrorismo".

Il premier turco Ahmet Davutoglu ha convocato, nella sua residenza ufficiale,  una riunione urgente sulla sicurezza.

Il leader del partito filo-curdo Hdp, Selahattin Demirtas: "Enorme massacro. Stiamo assistendo a un enorme massacro. Un atroce e barbaro attacco è stato compiuto. E' una continuazione di quelli di Diyarbakir e Suruc".

Già lo scorso Venerdi si avvertiva molta tensione: alcuni manifestanti avevano protestato contro le autorità che volevano vietare il passaggio del cadavere di un combattente turco morto in Siria durante azioni contro l'Isis. Violenti gli scontri fra manifestanti e forze dell'ordine.

Ma ciò che ha fatto esplodere la violenta ondata di polemiche, è stata la decisione governativa di opporsi al cessate il fuoco, seppur temporaneo,  con il Pkk in vista delle elezioni anticipate del primo novembre.


L'articolo ha ricevuto 720 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/07/2019 02:02:52

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 21/07/2019 07:23:29
FAO: oltre 820 milioni di persone soffrono la fame

Sono oltre 2 miliardi le persone nel mondo che non hanno accesso regolare a cibo sicuro, nutriente e sufficiente. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 20/07/2019 06:22:15
Pakistan: aumentano i casi di Leishmaniosi cutanea

Il centro di MSF a Peshawar unica possibilità di cura nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa. Da sei mesi i casi di leishmaniosi cutanea, uno dei principali problemi di salute in Pakistan, continuano ad aumentare nella provincia di Khyber Pakhtunkhwa. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Scientifica
Data: 16/07/2019 06:58:44
Ebola in Congo: primo caso a Goma conferma che l'epidemia non è sotto controllo

“Il caso di Ebola a Goma dimostra che la situazione continua a essere preoccupante e che di fatto l’epidemia non è sotto controllo” dichiara Ruggiero Giuliani, medico infettivologo e vicepresidente di MSF, che ha lavorato nella risposta all’epidemia.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 13/07/2019 06:25:53
Infanzia: fondi insufficienti per la protezione umanitaria

In occasione del summit politico in corso a New York sugli obbiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e sull’impegno presoper porre fine alla violenza contro i bambini, un nuovo rapporto rivela enormi lacune nei fondi per la protezione dei minori

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -