Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
L'Italia non e' un paese per gli onesti: primi arresti nell 'ambito dei lavori per il Giubileo

L'Italia non e' un paese per gli onesti: primi arresti nell 'ambito dei lavori per il Giubileo
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/10/2015

Non siamo un paese in cui sia possibile organizzare qualcosa, né a livello locale né – tantomeno – nazionale.

Non sono bastati i recenti scandali legati all’Expo relativamente la ditta Maltauro e il giro di subappalti,  i ritardi nella realizzazione dei padiglioni, i terreni intorno all’area letteralmente stuprati per fare spazio al carrozzone della manifestazione - andando incredibilmente contro il criterio stesso per cui l’Expo esiste - gli appalti truccati…

Ogni qualvolta c’è da realizzare qualcosa, sia essa un’importante infrastruttura o un grande evento, l’Italia in maniera molto determinata, mostra la parte peggiore di sé: quella che parla di corruzione, clientelismo, mazzette, appropriazione di denaro pubblico. Un vizio. Una malattia. Un metodo ormai radicato.

A nulla sono serviti i moniti della Commissione Europea, quando ha stabilito che no, il livello di corruzione in Italia è a livelli fuori misura. Lo stesso fatto che vi siano comunicazioni di tale genere, la dice lunga su come poi nessuno abbia in animo di cambiare registro.

Oggi è uscita la notizia di tre arresti per una gara d’appalto truccata nell’ambito dei lavori di riqualificazione di due strade nella Capitale e in vista del Giubileo: la riqualificazione di via delle Mura Latine e viale di Porta Ardeatina.

I tre arrestati sono Ercole Lalli, funzionario del Comune di Roma del dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana di Roma e Luigi Martella e Alessio Ferrari – due imprenditori - e secondo quanto scoperto dai Carabinieri, lo scorso 27 Settembre hanno consegnato 2.000 euro a Lalli: una mazzetta, in contanti, per ottenere informazioni riservate relative alle aziende in concorrenza.

In un’intercettazione telefonica, le parole dei due imprenditori sono inequivocabili: Se noi c’avemo quelli stavolta sò morti tutti!” E con quel “So morti tutti” intendevano dire che con le informazioni estorte, avevano l’appalto garantito.

Raffaele Cantone, a capo dell’Autorità nazionale anticorruzione, ha messo a segno i tre arresti, mentre l’assessore alla legalità, Alfonso Sabella , ha tenuto a precisare che i tre arrestati, lui li aveva denunciati lo scorso Aprile.

Come possiamo sperare che il nostro paese esca dalla crisi, dal momento che la vera crisi non è economico finanziaria ma sistemica? La conferma di quest’affermazione, risiede nel fatto che, palesemente, soldi da sperperare e rubare sembrano essercene sempre molti. L’Italia non è una nazione in  sofferenza economica ma un paese in crisi di valori.

Il denaro viene sprecato, rubato, mal utilizzato. Ogni nuovo progetto che servirebbe a garantire posti di lavoro e sviluppo economico, viene immediatamente svilito dai soliti giri dei soliti noti: mazzette, appalti truccati, lavori fatti a basso costo ma dai conti milionari.

Temo fortemente che, anche nel caso del Giubileo, assisteremo a una lunga lista di scandali legati agli appalti, all’appropriazione indebita di denaro pubblico, a lavori fatti male, a un’organizzazione carente.

Possibile che mai si metta fine a questo gioco al massacro, a questi metodi delinquenziali che nuocciono non solo all’immagine della nazione ma anche alla tenuta sociale, dal momento che, l’abitudine all’intrallazzo e all’illegalità, da un lato lede la percezione di ciò che è possibile fare e dall’altro fa si che la popolazione perda costantemente fiducia nei confronti delle istituzioni?

Temo fortemente, seppur è un progetto di la da venire, l’eventuale assegnazione delle Olimpiadi all’Italia. Se solo provo a immaginare lo scenario avvilente che ne può scaturire, sento la nausea salirmi allo stomaco.

Dov’è la popolazione? Che fine ha fatto l’opinione pubblica? La gente riversa sui social il proprio scontento, ma così facendo perde energia e non la utilizza nel modo più corretto, che sarebbe quello di organizzarsi in maniera coesa contro un sistema politico che non può più essere accettato perché, come si dice spesso “Cosa possiamo fare noi per cambiare questa situazione”? Non è vero. Non è così.

Il cambiamento è possibile  se solo lo vogliamo, tutti insieme però. Perché il singolo cittadino non può nulla, ma una forza composta da circa 45mln di italiani, potrebbe scomporre completamente il metodo ormai divenuto parte del tessuto nazionale, che il parterre politico ritiene di poter ancora utilizzare.

Pensateci bene: non far nulla contro questo sistema di corruzione, contro gli sprechi di denaro pubblico, contro l’autoritarismo che si abbatte sulla popolazione, significa essere complici di questo sistema.

Davvero sicuri che non si possa, finalmente, abbattere la condizione miserevole in cui stiamo vivendo? Da cittadini, dovremmo esser noi a decidere cosa è bene per il paese. E se questo bene non arriva da chi siede ai posti di comando, è necessario prenderne atto, e chiedere in maniera coesa che tutto questo finisca.

Altrimenti, ripeto, è necessario sapere che ogni singolo individuo che non faccia la propria parte, materialmente, è complice della corruzione in seno agli ambienti istituzionali e non potrà poi discostarsene quando giungerà la resa dei conti. Perché arriva sempre quel momento in cui si giunge a dover prendersi il proprio carico di responsabilità. Da adulti quali siamo. Pensiamoci in tempo, per una volta.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 24/11/2020 23:42:53

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -