Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Finanza  
Approvata la manovra economica 2015: ecco le novita' punto per punto

Approvata la manovra economica 2015: ecco le novita' punto per punto
Autore: Max Murro - Redazione Economia
Data: 15/10/2015

Dopo l'approvazione della Legge di stabilità, Renzi non la chiama più così ma "Legge di fiducia".

”Fino a qualche anno fa il mondo tirava, l'Italia arrancava. Adesso l'Italia è ripartita e il mondo non si sente benissimo. Non sappiamo cosa accadrà nei prossimi mesi ma il punto è che va sottolineato con forza è che l'Italia è tornata alla crescita. Lo slogan di questa legge di stabilità è Italia con segno più” ha dichiarato il Premier Renzi.

Di seguito, i punti salienti:

SGRAVI PER CHI ASSUME Dall'anno prossimo ci saranno "ancora sgravi per chi assume", ma "meno di prima, affrettarsi prego".  Per chi assume "entro il 31 dicembre ci saranno  sgravi nella loro interezza fino al 2018, per chi assume nel 2016 lo sgravio si riduce del 40%" e nel 2017 si ridurrà ancora. "Più soldi a chi contratta sulla produttività e il welfare aziendale". Stanziati 500 milioni per la contrattazione di secondo livello.

PENSIONI - "Sul fronte delle pensioni non c'è flessibilità, vogliamo evitare interventi che alla lunga dimostrano per alcuni aspetti complicati. Ci sono quattro misure: no tax area , opzione donna, settima salvaguardia (per esodati.ndr), part time".

PARTITE IVANella legge di stabilità ci sono "i minimi per le partite Iva", una sorta di "Jobs act dei lavoratori autonomi". 

TASSE SULLA CASA - Confermato anche l'annunciatissimo addio a Imu e Tasi. "Dopo gli 80 euro e l'Irap un altro segno di fiducia per gli italiani: via le tasse sulla prima casa", scrive il premier su Twitter. C'è anche un intervento da 170 milioni sulle case popolari.

IRES -  Piccolo giallo intorno all'Ires. "La abbattermo dal 2016", dice Renzi. Ma nelle slide ra riduzione al 24% parte dal 2017. Il taglio sarà anticipato "qualora fosse riconosciuto" dall'Unione europea l'ulteriore margine di flessibilità.
stabilità.

IMU AGRICOLA -  Azzerata l'Irap e cancellata l'Imu per le imprese agricole. Confermato l'impegno di Renzi e del Ministro Martina con un taglio di tasse immediato per le imprese agricole.

PARTECIPATE E TAGLI AI SUPERDIRIGENTI Tra le voci di spending, oltre al previsto taglio alle partecipate alla legge sulla P.A. (da 8mila a mille), una sforbiciata al numero dei super-dirigenti; il taglio del 10% ulteriore agli uffici di diretta collaborazione dei ministeri; l'applicazione dei costi standard come regola generale della pubblica amministrazione.

CULTURA E SANITA' - Cento milioni in più per la cultura e 500 assunzioni. Il ministro Giannini aggiunge: Per la sanità previsti 111 miliardi nel 2016: "ci sono più soldi in sanità rispetto a scorso anno, poi dobbiamo vedere applicati i costi standard". 

POVERTA' - "Contro la povertà verranno stanziati 600 milioni per il 2016 e 1 miliardo nel 2017 e altrettanti nel 2018. A questi vanno aggiunti 100 milioni nel rapporto proficuo con le fondazioni bancarie, i Comuni e il terzo settore".

AGEVOLAZIONI FISCALI - Nessun intervento sulle tax expenditures, ovvero le agevolazioni fiscale.  "Intervenire oggi significa aumentare le tasse e noi volevamo dare il messaggio di non aumentarle e quindi non tocchiamo neanche quella parte di detrazioni fiscali e bonus che andrebbero rivisti".

SUPERAMMORTAMENTI -  Arrivano i superammortamenti per chi investe nei beni strumentali della propria azienda. "Chi investe ammortizza al 140% anziché - si legge - al 100%. Si tratta di uno sconto per chi ci crede da subito, un superbonus che possono spendere - dice Renzi - dal 15 ottobre".

CONTANTI  - Nella manovra ci sarà anche l'innalzamento del limite dei contanti, già annunciato, da mille a tremila euro.  Rispetto agli anni scorsi, quando c'erano norme più stringenti. "sono cambiate delle cose. Intanto il Paese ha una legge sull'autoriciclaggio. Poi ha visto la lotta all'evasione dare frutti. Nel 2015 lo split payment e altre misure tecnologiche di contrasto hanno portato a un aumento del gettito fiscale". Inoltre, "nel 2016 le banche, grazie ad un'azione europea a cui ha contribuito il ministro Padoan ai tavoli comunitari, ridurranno il costo della movimentazione del contante".

SUD E COMUNI - "Diamo risposte per il Sud: 450 milioni per chiudere la ferita della Terra dei fuochi", promette Renzi. Gli investimenti dei comuni, ciò che è bloccato dal patto di stabilità, ovvero 670 milioni di euro, sarà sbloccato. "Per scuole, giardini, strade e, aggiungo, per le frane". Lo ha detto Matteo Renzi in conferenza stampa a Palazzo Chigi. 

CITTA' METROPOLITANE "Le città metropolitane non hanno tagli nel 2016, le province sì, di 600 milioni di euro. Salvaguardiamo le funzioni essenzali: strade e scuole".




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/10/2021 17:18:15

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Finanza

Autore: Chiara Vicario - Redazione Economia
Data: 27/05/2020
Settore giochi: scatta l'allarme cassa  integrazione straordinaria

Un allarme occupazionale che preoccupa un intero settore, ancora chiuso per il lockdown e che non intravede una possibile data di ripartenza del business. 

Leggi l'articolo

Autore: Lettera dei Presidenti Dario Gallina e Paolo Scudi
Data: 26/05/2020
Lettera di Unione Industriale di Torino e ANFIA al Presidente Conte

“Sollecitare un intervento governativo è vitale per recuperare l’operatività del settore automotive e la sua capacità di sviluppo decisiva per il progresso economico” – si legge nella lettera.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 26/05/2020
Settore giochi e Fase 2: Ughi (Obiettivo 2016) 'Settore discriminato e beffato'

Un danno economico addizionale poiché non vi sono previsioni sulla data di riapertura dei luoghi di vendita (sale scommesse, sale bingo, sale giochi ecc...

Leggi l'articolo

Autore: Diletta Regoli - Redazione Economia
Data: 25/05/2020
Inchiesta Altroconsumo: l'impatto del Covid-19 sul portafogli degli italiani

L’emergenza coronavirus in corso non riguarda solo la salute ma anche l’economia delle famiglie, per questo Altroconsumo ha condotto un’indagine per analizzare il peso che sta avendo la pandemia sui bilanci degli italiani

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -