Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Hebron: a causa del picco di violenza, MSF assiste cinque volte piu' pazienti del normale

Hebron: a causa del picco di violenza, MSF assiste cinque volte piu' pazienti del normale
Autore: Ufficio Stampa MsF
Data: 23/10/2015 16:34:56

Riceviamo dall'Ufficio Stampa di Medici Senza Frontiere Italia:

Roma, 23 ottobre 2015 - A seguito del rapido aumento delle tensioni nella città palestinese di Hebron - tra le famiglie palestinesi che vivono nella zona denominata H2, nel centro storico, e i vicini coloni israeliani - MSF sta assistendo un numero di pazienti cinque volte maggiore rispetto a un periodo di normale attività, in quella che è la più grande città della Cisgiordania.

Nei giorni scorsi, MSF ha offerto assistenza psicologica a circa 521 beneficiari attraverso 40 sessioni psico-formative di gruppo e 95 sessioni di primo soccorso psicologico (PFA). Le équipe di supporto psicosociale e di salute mentale stanno visitando ospedali, famiglie di palestinesi feriti o uccisi dall’esercito israeliano, e le aree colpite da attacchi da parte di coloni e militari israeliani. Inoltre, MSF è in contatto con istituzioni locali e organizzazioni che sono state formate dall’organizzazione in passato in modo da offrire servizi di PFA alle proprie comunità e segnalare i casi che necessitano di essere tenuti sotto controllo.

In queste condizioni, i nostri pazienti soffrono di paura, ansia, disturbi psicosomatici, rabbia, frustrazione e disperazione. I bambini bagnano spesso il letto; hanno paura di lasciare la loro casa e di andare a scuola, non hanno le forze per studiare e non riescono a concentrarsi”, spiega Marcos Matias Moyano, psicologo di MSF a Hebron. “Molti adulti soffrono di disturbi alimentari e del sonno, piangono, vivono nella paura e nella disperazione. Anche se si tratta di un conflitto che dura da tempo, il livello di stress acuto che abbiamo osservato nelle ultime settimane è preoccupante. Avrà un serio impatto sulla capacità delle persone di affrontare la situazione”.

Proteste frequenti, attentati, omicidi e sparatorie non possono essere letti come eventi isolati rispetto a decenni di costante e ricorrente violenza in Cisgiordania. Oggi, dopo quasi tre settimane di proteste, gli scontri e le aggressioni continuano ad avere un forte impatto sulla vita delle persone, sul loro benessere e sulla mobilità. Restrizioni agli spostamenti, ripetute incursioni notturne, demolizioni di case, molestie e attacchi da parte dei coloni, smembramento dei nuclei familiari a causa della detenzione o dell’omicidio non soltanto generano lesioni fisiche ma conducono spesso a traumi psicologici.

 I bambini sono i più colpiti


Le donne che hanno preso parte a sessioni psico-formative nell’area di Jabel Juhar, nell’H2, hanno detto di essere vittime di violenza da parte degli occupanti, che attaccano per lo più nella notte, continuando fino all’alba. Un leader della comunità locale ha raccontato a MSF che i bambini sono i più colpiti da questa violenza; sono circa settanta i bambini che vivono nel quartiere.

MSF ha inoltre fornito farmaci, forniture mediche e attrezzature all’ospedale Alia (l’ospedale pubblico di Hebron) poiché il bisogno di cure da parte delle persone ferite sta crescendo velocemente. Allo stesso modo, MSF ha anche donato forniture sanitarie e mediche al Centro di beneficienza di Hebron.

 

MSF è una presenza strutturata e consolidata in Palestina, dove fornisce assistenza psicologica gratuita in maniera imparziale alle persone che ne hanno più bisogno e come risposta lle conseguenze violente dell’occupazione. In Cisgiordania, MSF porta avanti programmi di salute mentale nei governatorati di Jenin, Hebron, Nablus e Qalqilya dal 2000. MSF ha iniziato a lavorare a Hebron nel 1996. A Gaza, MSF fornisce assistenza medica, inclusa chirurgia, assistenza post-operatoria, medicazioni specialistiche, assistenza psicologica, riabilitazione e fisioterapia. MSF si fa carico di bisogni sanitari specifici che non possono trovare risposta nel sistema sanitario di Gaza e fa fronte alle conseguenze dirette e indirette della violenza.

 

 


L'articolo ha ricevuto 544 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 25/06/2019 12:17:46

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Cronaca
Data: 24/06/2019 08:52:35
Indonesia: scossa di terremoto 7.1

Indonesia: una fortissima scossa di terremoto di magnitudo 7.1 è stata registrata alle 11:53 ora localeal largo dell'arcipelago indonesiano delle Molucche.

Leggi l'articolo

Autore: Nathalle Mayer - Redazione Attualita'
Data: 20/06/2019 06:38:06
La città più grande del mondo

Per determinare quale sia la “più grande città” del mondo, bisogna intendersi sul termine. “Più grande” in termini di popolazione o superficie?

Leggi l'articolo

Autore: Angela Urso - Redazione Cronaca
Data: 16/06/2019 16:00:17
Maxi black out tra Uruguay, Argentina e Brasile: 50 milioni di persone senza corrente

Le Un maxi black out si sta verificando in Argentina e Uruguay, causato da un grave guasto n sistema di interconnessione elettrica, ha lasciato le due nazioni senza corrente.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/06/2019 08:41:03
Ebola: MSF interviene per rispondere all’epidemia in Uganda

Un’équipe di Medici Senza Frontiere (MSF), composta da medici e logisti, è operativa nel distretto di Kasese, in Uganda, dove sono stati dichiarati dallo scorso 11 giugno tre casi di Ebola, tutti facenti parte di un unico nucleo familiare in viaggio dalla Repubblica Democratica del Congo (RDC).

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -