Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Turchia: chiusa tv anti-Erdogan

Turchia: chiusa tv anti-Erdogan
Autore: Teresa Corrado - Redazione Esteri
Data: 28/10/2015 22:54:55

La polizia turca ha evacuato il gruppo editoriale Ipek a Istanbul. Il blitz, compiuto per ordine del Governo, mira ad eliminare quella parte della stampa che è contraria al presidente Recep Tayyip Erdogan, che si prepara alle elezioni presidenziali.

A pochi giorni dalla tornata elettorale, dove i cittadini turchi sono chiamati a decidere non solo del loro futuro, ma anche della politica di Erdogan che domenica cerca l'affermazione al suo potere, il presidente rafforza la stretta contro i suoi oppositori. Non a caso già da qualche tempo il presidente ha aumentato la stretta sui media, con leggi che ne impediscono la libera espressione e imprigionandone molti, accusati di essere oppositori.

La tv bloccata, infatti, fa parte di quel gruppo di giornalisti e oppositori che criticano le azioni del presidente. L'accusa contro la Ipek è quella di legami con la rete illegale del magnate e imam Fethullah Gulen, un ex alleato di Erdogan e diventato, nel tempo, il nemico numero uno dell'attuale presidente.

La polizia ha attuato in vero e proprio blitz, all'interno delle sedi del gruppo editoriale. Una volta entrato all'interno, infatti, ha tranciato i cavi per le trasmissioni che andavano in diretta, interrompendole all'istante. Il tribunale ha poi sostituito i vertici dell'azienda con due amministratori.

Le proteste non si fermano e il direttore di Bukun tv, Tarik Toros ha accusato in diretta il presidente di censura nei confronti dei media per voler influenzare le elezioni anticipate di domenica prossima. Le tv sono riuscite a mandare in diretta gi scontri che sono avvenuti tra i sostenitori dei gruppo Ipek e le forze dell'ordine nel quartiere centrale di Sisli, intorno alle 8.00 del mattino. Gli agenti hanno usato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua per disperdere i manifestanti. In molti sono stati fermati dalle forze di polizia, tra cui anche alcuni giornalisti. Tra i manifestanti anche molti deputati dell'opposizione.

Intanto sta facendo il giro del web l'immagine di una tessera stampa insanguinata, nelle mani del reporter Mustafa Kilic giornaista del Millet. Il reporter avrebbe sporcato la sua tessera durante gli scontri della mattina fra le forze dell'ordine e i manifestanti che tentavano di impedire l'ingresso nella sede del gruppo Ipek. Un'immagine che sta diventando l'emblema della protesta turca contro la forte stretta della censura sulla libertà di stampa, e quindi di parola, che il presidente Erdogan sta attuando all'interno del paese.

Le operazioni di censura di Erdogan da giorni hanno attaccato tutti i media che sono critici contro le sue riforme. Non è un segreto che il presidente turco sta provando a cambiare la Costituzione del proprio paese per poter racchiudere nelle proprie mani maggior potere. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 19/10/2019 08:09:57

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 19/10/2019 06:46:25
Rapporto Oxfam: la dura condizione dei lavoratori delle aziende agricole nel mondo

I salari molto bassi, le dure condizioni di lavoro e la discriminazione basata sul genere sono diffusi nelle aziende agricole e nelle piantagioni che forniscono tè, frutta e verdura a catene di vendita al dettaglio come Lidl, PLUS e Whole Foods

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/10/2019 07:14:36
Messico: alla ricerca delle tombe clandestine nell'ex prigione di Topo Chico/Nuevo Leòn

Il governo locale ha deciso di aprire queste indagini dopo accuse secondo cui in quella prigione controllata dal cartello dei Los Zetas sono scomparsi diversi detenuti.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/10/2019 08:13:31
Johnson & Johnson condannata a 8 miliardi di dollari per i danni causati dal Risperdal

La giuria di un tribunale in Pennsylvania ha oggi condannato la multinazionale Johnson & Johnson a pagare $ 8 miliardi di danni per non aver notato che uno dei suoi farmaci usati in psichiatria gonfia il petto degli uomini

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/10/2019 11:29:17
Premio Nobel per la Pace al premier etiope Abiy Ahmed Alì

Alla fine, il premio Nobel per la Pace è stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Alì con questa motivazione: "I suoi sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa di risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea"

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -