Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Cronaca  
Roma: una citta' lasciata alla deriva

Roma: una citta' lasciata alla deriva
Autore: Teresa Corrado - Redazione Cronaca
Data: 03/11/2015

Il sindaco Ignazio Marino alla fine ha lasciato la sua poltrona, dopo un anno e mezzo di lavoro, impegni e soprattutto progetti, relativi alla mobilità. Un impegno che lo stesso ex sindaco si era preso alla vigilia delle elezioni, quando, con il suo camper, ha girato per i quartieri di Roma, cercando di ricevere dai cittadini stessi, indicazioni sulle problematiche di quella che rappresenta la metropoli meno gestita d'Italia.

Un nodo fisso per la capitale, infatti, restano proprio i mezzi di trasporto che sono tra i più criticati non solo dalle opposizioni, ma anche dagli stessi cittadini e visitatori. Era stato lo stesso Marino che aveva utilizzato l'argomento come "cavallo di battaglia" della sua amministrazione. Da subito, infatti, era partita la pedonalizzazione dei Fori Imperiali, una delle zone a maggior afflusso turistico, ma anche una delle zone maggiormente a rischio anche a causa dei lavori per la Metro C, che da anni, condizionano la vivibilità e la viabilità della zona.

Tanto è stato fatto, ma tanto è stato anche distrutto. Ad oggi, dopo la caduta, anche se voluta in modo machiavellistico dagli stessi sostenitori del sindaco, la viabilità di Roma è giunta ad un bivio morto, meglio espresso con la difficoltà giornaliera di pendolari e cittadini che, venendo in contro al traffico ingestibile della città, si sono affidati al servizio pubblico. Ma questo si è dimostrato, con il tempo, un flop di dimensioni enormi, che ha coinvolto tutti. Dalle aziende che si sono appoggiate e fidate della stessa Atac, ai dirigenti che la gestiscono, ai lavoratori e non per ultimi, ai viaggiatori che utilizzano i mezzi pubblici.

Raccontare cosa accade realmente quando vengono utilizzati autobus, metro e tramvie, credo che sia ormai superfluo. Non si rispettano gli orari, che piova o che ci sia bel tempo, corse che saltano senza motivo e per questo, mezzi che arrivano stracolmi di viaggiatori, dove diventa difficile, se non impossibile, salire e scendere e per questo fertile terreno per ladruncoli di ogni specie. Una situazione più volte denunciate dagli stessi utenti, dalle associazioni, dagli stessi lavoratori che hanno manifestato attraverso scioperi di massa. Soluzioni non se ne sono travate, tante che, senza un intervento nazionale, ancora una volta, dal 1 gennaio 2016 gli utenti saranno costretti a dover pagare per gli errori e le incompetenze dei vertici dell'Atac, dell'amministrazione romana e dei responsabili della mobilità regionale e nazionale. Alla fine, come sempre, saranno i cittadini a dover pagare lo scotto di una cattiva gestione. Ferrovie dello Stato e Cotral staccheranno i propri abbonamenti da quelli dell'Atac, vantando, da quest'ultima, debiti mai saldati.

Ma Roma non è solo mobilità che non funziona, è anche una piccola discarica a cielo aperto. Basta girare per la città, per il centro cittadino e non solo, per venire accolti, di giorno e di notte, da piccoli esseri che camminano per le strade insieme ai turisti e ai semplici cittadini. Solo giovedì scorso, ma è un esempio ultimo per far chiarezza su un problema assolutamente grave, a Trastevere, alle 20.00, tra turisti che gustavano un gelato in piazza e viaggiatori, giravano anche topolini che, per nulla impauriti dalle persone, camminavano tranquillamente alla ricerca di cibo.

La periferia non fa sconti. Nonostante molte scuole abbiano richiesto, ormai dall'inizio dell'anno scolastico, una derattizzazione della zona vicina agli ambienti scolastici dove sono stati trovati numerosi escrementi di topi, il Comune non ha effettuato alcuna operazione per liberare la zona dai topi.

Ecco cosa è rimasto dell'amministrazione Marino, non solo la sua assenza nei momenti peggiori che la città ha attraversato, ma anche una città sporca e mal servita. Certo, non è una cosa da attribuire solamente al sindaco uscente, non sono problematiche nate e sviluppatesi con la sue elezione, ma non sono state prese in considerazione nemmeno soluzioni che potessero risolvere eventuali problemi sorti all'interno della città ormai martoriata anche dalla presenza di indagini giudiziarie relative a Mafia Capitale e altre forme di delinquenza che dalle periferie raggiungono il centro cittadino, basti pensare alla retata sul racket della zona di piazza Bologna o all'escalation di Torre di Nona. 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/07/2020 12:01:41

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca

Autore: La Redazione
Data: 15/05/2020
E' morto il Maestro Ezio Bosso, aveva 48 anni

Restiamo senza parole per la morte del Maestro Ezio Bosso, esempio di cultura, genialità, capacità artistica ma anche grande cuore, onestà intellettuale e sensibilità umana.

Leggi l'articolo

Autore: Valerio L'Abbate - Redazione Economia
Data: 13/05/2020
Agricoltura: pronti i fondi per rilanciare il settore apistico

In Italia ci sono circa 56.000 apicoltori, con 1,5 milioni di alveari e una produzione annua pari a 23.000 tonnellate concentrate per lo più nelle regioni del Nord, che ci collocano al quarto posto tra i Paesi Ue.

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Rubrica LiberaMente
Data: 08/05/2020
Fasi lunari, curve dei contagi e bufale...

Si era generata tanta aspettativa sull’agognata “Fase 2”. molti si aspettavano davvero una libertà di circolazione...

Leggi l'articolo

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Cronaca
Data: 04/05/2020
Roma: una donna da fuoco sul balcone al corpo senza vita di un 59enne

Sono stati i vicini ad allertare le forze dell’ordine, quando dalle loro finestre hanno visto l’incendio sul balcone: era il corpo dello sloveno, dato alle fiamme.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -