Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
La Russia accusa: Erdogan finanzia Isis

La Russia accusa: Erdogan finanzia Isis
Autore: Teresa Corrado - Redazione Esteri
Data: 02/12/2015

 

Sono pesanti le accuse che la Russia muove alla Turchia. Il vice ministro della Difesa russo, Anatoli Antonov ha affermato che il presidente turco Erdogan e la sua famiglia, oltre a esponenti politici di altro grado della Turchia, sono coinvolti in nel "business criminale del traffico illecito di petrolio" che arriva dai territori occupati dell'Isis, in Siria e in Iraq.

Mosca afferma che la Turchia è il maggior consumatore di petrolio dei combattenti dell'Isis e, per questo motivo, è anche il suo maggior finanziatore. Oltre a finanziare l'Isis, la Russia accusa Erdogan di comprare petrolio rubato ai legittimi proprietari che sono Iraq e Siria, causando anche una grave crisi economica ai due paesi.

 

 

A conferma delle affermazioni russe, si sarebbero le prove presentate dal Cremlino. Secondo Mosca sarebbero ben tre le vie utilizzate dall'Isis per portare il petrolio alla Turchia. Ad affermarlo il vice capo di Stato Maggiore russo, Serghiei Rudskoi durante un vertice militare, dove, naturalmente, ha presentato le prove ai suoi colleghi militari.

 

 

Il presidente Erdogan non ha fatto attendere a lungo la sua risposta, che nega categoricamente l'acquisto di petrolio dall'organizzazione Daesh, controllata dall'Isis. "Nel momento in cui potranno provarlo mi dimetterò, come dovrebbero fare quelli che non possono provare le loro accuse", ha sottolineato Erdogan rilanciando al mittente le accuse formulate.

 

 

Le cifre, però sono ingenti. I proventi della vendita del petrolio fruttano all'Isis ben due miliardi di dollari l'anno, denaro che serve a per arruolare miliziani, equipaggiandoli e armandoli, per poi inviarli a compiere attentati.

 

 

Il Pentagono rifiuta categoricamente la tesi presentata da Mosca e afferma che è assurdo pensare che la Turchia sia complice dell'Isis. Il paese, secondo Steve Warren, partecipa attivamente alla coalizione che sta attaccando costantemente i territori controllati dall'Isis.

 

Anche Jeremy Corbyn leader dei laburisti britannici, è intervenuto sulla polemica tra Russia e Turchia, affermando che il petrolio dell'Isis, venduto in altri paesi, giunge alla Turchia, ma la vera risorsa di lotta al terrorismo è anche sapere quali sono le banche che finanziano e permettono la vendita di petrolio e il giro dei soldi che permette la sopravvivenza dello Stato islamico.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/02/2020 19:27:16

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 26/02/2020
E' morto Hosni Mubarak: aveva 91 anni

Hosni Mubarak, ex presidente egiziano, è morto ieri a 91 e dopo una lunga malattia,  presso l'ospedale militare Galaa al Cairo. 

Leggi l'articolo

Autore: Emanuele La Fonte - Redazione Esteri
Data: 18/02/2020
Diamond Princess: il comandante Gennaro Arma resta a bordo

Saranno finalmente rimpatriati i 35 connazionali che, dal 5 Febbraio, sono bloccati a bordo della Diamond Princess. Tutti, tranne il comandante, Gennaro Arma, e 5 o 6 dei suoi ufficiali. 

Leggi l'articolo

Autore: Celine Deluzarche - Redazione Esteri
Data: 17/02/2020
Pablo Escobar: gli ippopotami dell' Hacienda Nápoles rappresentano un pericolo

Pablo Escobar, il più famoso trafficante di droga al mondo, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco dalla polizia su un tetto a Medellìn durante un'operazione speciale il 2 dicembre 1993...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 15/02/2020
Coronavirus: MsF invia tonnellate di materiali sanitari di protezione all'ospedale di Wuhan

A Hong Kong un’equipe di MSF ha avviato a fine gennaio un progetto di educazione alla salute rivolto alle persone più vulnerabili. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -