Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Omicidio di Stato: Renzi si prenda le sue responsabilita'

Omicidio di Stato: Renzi si prenda le sue responsabilita'
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/12/2015

 

Ha perso tutti i risparmi, e si è suicidato. A soli 68 anni. Non è la storia di un giocatore di uno dei tanti giochi d’azzardo legalizzato di Stato: ha si giocato d’azzardo, ma non lo sapeva.

La morte di Luigino D’Angelo, pensionato che viveva a Civitavecchia, è un suicidio di Stato. No, meglio: un omicidio di Stato.

E’ una delle tante vittime del “decreto salva-banche” voluto dal Governo Renzi, quello in cui esiste un ministro il cui cognome, Boschi, è identico a quello del vice presidente di una delle Banche salvate, Banca Etruria, e non è un caso di omonimia: è proprio il padre del ministro Boschi. Quella che piaceva tanto ai pensionati italiani quando venne formato questo governo che sta solo producendo una cosa: vittime.

Siano essi lavoratori, pensionati, malati. Il governo capitanato da Renzi, miete vittime. Ogni giorno.

Il salvataggio di quattro banche di medie dimensioni, Etrutia, Carichieti, Carife e Banca Marche, è stato fatto pagare ai correntisti azionisti. In pure stile USA. Così cominciò nel 2008 la parabola della “crisi economica” fatta pagare alle popolazioni occidentali. Si preferì salvare le banche piuttosto che le popolazioni.

La storia si ripete. E in un battibaleno, ecco che si scoprono altarini satanici. La gente scopre cosa sia il “bail in”, una porcata in tutti i sensi. Se una banca rischia il fallimento, sono i correntisti che cacciano fuori i soldi. E non hanno diritto di replica.

Cos’altro manca all’assurdo? Cos’altro manca per far crollare – finalmente – questo governo che subito ha scoperchiato il pentolone delle troppe menzogne propagandate da Renzi pur di ottenere l’adesione degli italiani?

Un morto suicida, specialmente in un caso come questo, ne vale mille. Diecimila.

Non basta il costante dilapidare di risorse pubbliche che finiscono in spese degenerate fra scorte, voli di Stato usati per scopi privati, spese nazionali che fanno impallidire persino la Corona Inglese, sprechi e abusi di ogni genere.

Cosa è diventata questa nazione? Cosa fa la popolazione, che resta a guardare e al massimo, si incazza sui social per manifestare la rabbia?

Cos’altro deve accadere che non sia già accaduto?

Siamo arrivati al punto in cui un imprenditore come Diego Della Valle, propone ai suoi amici industriali di “aiutare gli italiani”. Ma questo paese non ha necessità di elemosina. No. Ha necessità che si torni a fare. A mettere in atto vere politiche di sviluppo economico. Vere leggi che facciano pagare a chi ha di più, e meno a chi ha poco.

Basta. Davvero basta. Se questa popolazione non si sveglia e chiede – in massa – le dimissioni di questo governo e un blocco di qualsiasi nomina di un nuovo premier, se anche il prossimo deve essere solo una scelta politica che fa comodo ai politici, sarà sempre peggio.

Renzi ha molti morti sulla coscienza, e con lui, i suoi ministri.  Come la Lorenzin, che ha firmato un decreto che riduce al massimo la possibilità di usufruire degli esami diagnostici. Come Poletti, che non si è mai preso la briga nemmeno di prendersi uno straccio di Laurea, ma pontifica sui giovani laureati. Come la Pinotti, che qualcuno ci spieghi perché gli è stato dato un incarico così importante. Oppure Alfano, che gioca a fare il Ministro degli Interni, e non ne imbrocca una.

Basta. Davvero basta. Non se ne può più di questa decadenza. Pretendo politici rispettosi della popolazione. Capaci di fare ciò per cui li paghiamo profumatamente. In grado di comprendere anche, che no, la corda non si deve tirare più di tanto. E pretendo una popolazione che non mi faccia vergognare di essere italiana. Perché ognuno deve prendersi la propria fetta di colpa.

Basta.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 26/01/2020 03:28:24

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/01/2020
Policlinico Umberto I: Dipartimento di chirurgia Valdoni e un bel ricordo da conservare nel cuore

Sapere che sì, esistono luoghi di cura, che ancora oggi si possa contare sull’attenzione, la professionalità e l’umanità di professionisti a cui chiediamo di prendersi la responsabilità della nostra vita, è un grande valore.

Leggi l'articolo

Autore: Emilia Urso Anfuso
Data: 19/01/2020
Università: le scelte alternative per chi non passa il test a Medicina

Nel 2019 sono stati 68.694 gli iscritti ai test d’ingresso, a fronte di soli 11.698 posti disponibili nei vari atenei dislocati sul territorio nazionale...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 12/01/2020
'L’odore della vagina' e la follia di chi la compra

Il punto è la candela, il business, i soldi spesi per un moccolo firmato e profumato? No, il punto è un altro e ve lo spiego. Non esistono più limiti. A cosa? A qualsiasi cosa. Qualcuno potrebbe dire: “Ma dai, che vuoi che sia…” e come al solito si rimette tutto nelle mani del “Esistono cose peggiori e più gravi”.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/01/2020
Dittatura intangibile: gravi le dichiarazioni del ministro Paola Pisano sulla password di Stato

Non esiste libertà quando essa è controllata a 360° dallo Stato. Non esiste libertà attraverso la tecnologia, se è la tecnologia a controllare te.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -