Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Aggressioni a Colonia: sembra la trama del film 'Sesso e potere'...

Aggressioni a Colonia: sembra la trama del film 'Sesso e potere'...
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/01/2016

 

Se serve alla causa, tutto si può fare. L’importante è che appaia reale. Questa è l’estrema sintesi del criterio di propaganda politica.

Un criterio molto ben spiegato e sviluppato nel film “Sesso e potere”, del 1997, diretto da Barry Levinson e magistralmente interpretato da Dustin Hoffman e Robert De Niro.

Vi sintetizzo la trama, ma vi consiglio di vederlo. ammesso che non l'abbiate già visto: per occultare uno scandalo a sfondo sessuale che coinvolge il presidente degli Stati Uniti, al fine di spostare l’attenzione della popolazione e dell’opinione pubblica internazionale, si decide – di concerto con lo staff comunicazione del presidente – di mettere in atto un vero e proprio bluff: creare una finta guerra contro l’Albania, in maniera tale che lo scandalo passi inosservato.

Per realizzare la finta guerra, viene incaricato un regista cinematografico. Viene quindi deciso che la motivazione dello scoppio del conflitto debba essere l’accusa, da parte degli USA contro l’Albania, di aver fatto entrare alcune cellule terroristiche pronte a scagliarsi contro gli Stati Uniti.

E’ solo l’inizio di un teatrino che porterà a un finale sconcertante.

Questo film, spiega molto bene e con dovizia di particolari, come la politica – a livello internazionale – fin dai tempi antichi, utilizzi ogni strategia che possa giovare a seconda del periodo storico e politico.

Le messinscene poste in essere dalla macchina che si occuopa delle strategie di propaganda politica, in tutto il mondo, sono degne della migliore cinematografia mondiale. Cambia solo una cosa: nel caso della propaganda, gli spettatori – cioè le popolazioni – si convincono che ciò che viene propinato, sia assoluta verità.

Volendo fare un esempio concreto, analizziamo i recenti fatti accaduti a Colonia.

La notizia diffusa dai media a livello internazionale, in sintesi è questa: la notte di Capodanno, a Colonia – Germania – durante i festeggiamenti organizzati nella piazza antistante  il Duomo di Colonia, un gruppo di 1.000 uomini avrebbe molestato, aggredito, derubato e persino stuprato – almeno in un caso – decine e decine di donne.

Analizziamo la questione, basandoci su ciò che i media internazionali ci stanno propinando.

Primo punto: la notizia è stata diffusa tre giorni dopo l’accaduto. Solo a tre giorni dai fatti si parla di un accadimento che sarebbe dovuto immediatamente schizzare sulle prime pagine di tutti i giornali del mondo.

Secondo punto: viene fornito un numero troppo preciso degli aggressori – 1.000, non uno di più né uno di meno – mentre non si conosce il numero esatto delle donne aggredite. Si dice che, molte di loro, abbiano preferito non presentare denuncia. Per quale motivo?

Terzo punto: in un’epoca in cui ormai si riprendono video in diretta, grazie all’uso degli Smatphone, di tutto ciò che ci accade intorno, non esistono – o almeno non sono stati diffusi – video che mostrino le aggressioni contro le donne.

Quarto punto: com’è possibile che, durante la notte di Capodanno si possa compiere un’aggressione di massa contro qualche centinaio di donne? Costoro erano sole? Non erano accompagnate? Erano relegate tutte insieme in un’area specifica della piazza?

Quinto punto: 1.000 uomini aggrediscono e rapinano centinaia di donne ma nessuno va in loro soccorso.

Sesto punto: l’unica video-intervista a una vittima,  che viene proposta in televisione. Mostra un’anonima signorina, di spalle rispetto alla telecamera, che racconta ciò che è accaduto. Perché dare le spalle alla telecamera? In questo caso la privacy cosa dovrebbe coprire?

Settimo punto: la polizia tedesca entra in azione in ritardo, arresta pochissime persone - solo cinque - appare evidentemente poco aggressiva contro chi si sarebbe macchiato di reati gravi contro la persona.

Ottavo punto: nessuno ha ancora chiarito se, effettivamente, i protagonisti delle aggressioni fossero immigrati.

A parte questi punti, su cui ognuno può riflettere, è necessario ora analizzare l’attuale situazione in Germania rispetto ai migranti e al loro accoglimento.

Per la prima volta nella storia della sua carriera politica, Angela Merkel si trova in difficoltà. Il suo governo vacilla, a causa dell’accesa discussione sulla linea politica da adottare relativamente i flussi migratori e il controllo alle frontiere, e con l’area Shengen in pericolo a pochi passi dai confini con la Danimarca, ecco che si crea l’impellente necessità di operare un netto dietro-front sulle decisioni prese rispetto l’apertura all’accoglienza dei migranti.

Non basta: dopo la diffusione della notizia delle aggressioni di massa che si sarebbero verificate a Colonia, ecco arrivare notizie di denunce - presentate da donne - che anche nelle città di Zurigo, Helsinki, Salisburgo e Amburgo, sarebbero state vittime di palpeggiamenti, aggressioni e stupri la notte di capodanno. Guarda caso, tutti questi accadimenti, si realizzano in Nord Europa, quella parte di mondo che vuole chiudere le frontiere...

Oltre ciò, le stragi accadute in Francia, a cominciare da quella accaduta all’interno della redazione del giornale satirico Charlie Hebdo, sono un forte traino che ingolosisce i governi europei e occidentali che possono sfruttare l’ondata di terrore del terrorismo che opprime ormai le popolazioni.

Un bombardamento mediatico basato fondamentalmente sull'inoculazione sistematica di uno stato d’allerta costante, generato dalla presenza di extracomunitari potenziali attentatori, sostiene di fatto la volontà di rinnegare qualsiasi programma di accoglienza dei migranti, cosa che non sarebbe possibile non avendo in mano gravi accadimenti da addurre a motivazione per chiudere le frontiere.

Alternativa alla riflessione precedente: poniamo che non sia la Merkel a dover trovare una strategia per cacciare i migranti e chiudere le frontiere, sarebbero allora i suoi oppositori ad aver trovato il modo per metterla all’angolo, generando un evento grave e che mette l’accento anche sulla totale incapacità delle forze dell’ordine ad arginare un’aggressione di gruppo.

Insomma, considerando l’opacità delle notizie relative ai fatti accaduti a Colonia, considerando l’attuale situazione politica tedesca e considerando anche l’attuale situazione socio politica europea, direi che sarebbe possibile che, la multi aggressione avvenuta a Colonia, possa essere frutto di una strategia ben congegnata.

In tutto ciò, resta la reazione dell’Opinione Pubblica, che in ogni caso subisce l’impatto mediatico di accadimenti raccontati, diffusi e subito assimilati come reali.

Se si dovesse scoprire che i fatti di Colonia sono frutto di un progetto ben organizzato e ordito per creare da un lato dissesto alla traballante amministrazione tedesca presieduta da Angela Merkel e dall’altro per catalizzare l’attenzione delle popolazioni su temi diversi rispetto a quelli centrali – che sono sempre gli stessi e relativi alle tasse, ai flussi migratori, alle politiche sociali negate, alla sanità etc… - non sarebbe uno scoop, ma solamente la dimostrazione concreta del criterio di propaganda politica, a volte difficile da dimostrare.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 05:38:09

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -