Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Whistleblower, Stepchild adoption, Jobs act: come rendere incomprensibile la Politica

Whistleblower, Stepchild adoption, Jobs act: come rendere incomprensibile la Politica
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 21/01/2016

Che I politici, da molti anni, abbiano deciso di rendere incomprensibili I loro discorsi, è cosa nota. “Politichese” viene chiamata quella che a tutti gli effetti appare essere una lingua, assolutamente incomprensibile e indecifrabile, forse persino a coloro che la parlano.. Paroloni su paroloni, concetti astrusi, biechi e inquietanti neologismi.

Se vivessimo nel mondo perfetto, nessuno si azzarderebbe a rendere incomprensibili cose che hanno stretta pertinenza con la vita di ogni singolo cittadino. Invece, il metodo – adottato da tempo e ormai stabilizzato – è proprio l’opposto: si fa di tutto per far si che il più alto numero di cittadini non capisca un fico secco di ciò che un politico dichiara pubblicamente.

Anche questo è un metodo per togliere diritti alle persone, cui viene negata la possibilità di rendersi partecipi della vita della Comunità in cui si vive.

Hanno iniziato trasformando i titoli delle Leggi: da “Finanziamento pubblico ai partiti” a “Rimborsi elettorali” da “Legge finanziaria” a “Legge di stabilità”. Di fondo, non cambia il contenuto, ma cambiando strategicamente il titolo della Legge, ammorbidendone il concetto, ecco che si crea una vera e propria truffa ai danni dei cittadini.

Prendiamo ad esempio il cambio di nome della “Legge finanziaria”. Metteva paura. Era immediatamente riconducibile a nuove ondate di tasse, tagli indiscriminati ai comparti sociali, nuove imposizioni fiscali. Scegliere di chiamarla “Legge di stabilità” l’ha trasformata, nell’opinione collettiva, in qualcosa che non toglie diritti ma crea opportunità per il paese, stabilizzandone l’Economia. A spese dei contribuenti, il cui titolo modificato non migliora certo la condizione economica privata.

Ora però siamo arrivati a un metodo diverso e per molti aspetti inquietante: denominare le Leggi italiane con un titolo in Lingua inglese.

Via al Jobs Act – Riforma del lavoro – avanti con Stepchild Adoption, e ancora di più con Whistleblower, un termine che già in lingua originale è un vero e proprio enigma, visto che deriva dall’immagine del poliziotto inglese intento a soffiare il fischietto per attrarre l’attenzione di un malintenzionato.

Il Jobs Act, si sa, è la riforma del mercato del lavoro. Il nome può effettivamente metter meno ansia della denominazione “Riforma del mercato del lavoro”, ma il contenuto è aberrante, visto che contiene alcune negazioni di diritti dei lavoratori, come l’ormai tristemente famosa cancellazione dell’art. 18 dello statuto dei lavoratori, quello che permetteva la richiesta di reintegro in caso di lavoratore ingiustamente licenziato che aveva il diritto di replica sulla decisione del datore di lavoro.

Per ciò che riguarda la Stepchild adoption, che sta infervorando la politica di ogni colore, e non solo nel nostro paese, probabilmente la traduzione in “Adozione del figlio del compagno/a” era troppo cruda. Meglio smorzare i toni e non far comprendere un’acca a chi ascolta la frase guardando di sbieco la TV mentre cena dopo una giornata di lavoro (nella migliore delle ipotesi).

Ma la vera chicca, è la normativa denominata Whistleblower, che ha già passato la prima commissione alla Camera, col beneplacito di M5S e del PD.

Cosa diamine significherà mai questa parola straniera e così poco pronunciabile? Siamo alle comiche a sfondo noir. La parola, inglese, sta ad indicare il poliziotto nell'atto di soffiare nel fischietto in dotazione, per imporre l'alt a un malintenzionato.

In pratica, dopo lo scandalo dei “furbetti del cartellino” che ha fatto scattare l’onda sempiterna di indignazione nazionale quegli impiegati pubblici che – da tempo immemore – timbrano si il cartellino, anche di colleghi assenti, ma poi si dedicano ad altre attività, non legate al lavoro.

La figura del Whistleblower, è in pratica quella del segnalatore di casi di corruzione. Tu, cittadino modello, sei testimone di un’azione scorretta, illegale, puoi – anzi devi – segnalare alle autorità competenti, i nomi e i fatti così come li hai visti e ascoltati.

Un grande fratello stile orwelliano, o – se vogliamo fare un esempio più vicino alla realtà – i segnalatori del ventennio fascista.

La normativa che regolamenta i Whistleblower, integra la Legge Severino in  materia di impiegati pubblici e crea una protezione di anonimato garantita ai segnalatori. Dichiarazioni di giubilo sono già state fornite da M5S e PD: lotta alla corruzione. Contro i cittadini, mica contro la politica. Ci mancherebbe.

C’è da chiedersi: un cittadino che segnali un atto corruttivo da parte di un politico, otterrà la stessa garanzia di protezione e sarà considerato un eroe della Repubblica Italiana? Ho molti dubbi.

Ora, fra politichese, titoli in lingua inglese, contenuti delle Leggi incomprensibili persino a chi li redige, la domanda sorge spontanea: a quando la stesura delle Leggi in Sanscrito?

Tutto ciò, capita peraltro durante un governo presieduto da un Premier – Renzi – che non spicca certo per capacità linguistiche straniere. Deve essere proprio una fissazione: mettere in risalto i difetti, per non palesare le carenze.

Che Dio ci salvi…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 05:12:34

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -