Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
350 miliardi di sofferenze bancarie: ecco chi ha creato lo Tsunami che si abbattera' sui correntisti

350 miliardi di sofferenze bancarie: ecco chi ha creato lo Tsunami che si abbattera' sui correntisti
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/02/2016

Ci sono molte cose che non quadrano su ciò che si sta diffondendo – a livello giornalistico - in merito alle “sofferenze” bancarie che i gruppi bancari nazionali starebbero “subendo”.

Per il cittadino comune, la lettura di veri e propri trattati di economica, in cui si rincorrono termini quali “Bad bank” “Bail in” o “crediti deteriorati” appare essere assolutamente non interpretabile. Da parte dei colleghi che scrivono per altre testate, occorrerebbe uno sforzo maggiore, per rendere comprendibile ai più, ciò che peraltro sta per abbattersi – al pari di un vero e proprio Tsunami – sull’economia di milioni di famiglie e PMI.

Mi rendo conto però, che altri devono scrivere non tanto ciò che sarebbe utile alla comprensione del  cittadino, ma in maniera tale da confondere ancor di più la gente comune. Perché lo fanno è cosa risaputa: le testate cosiddette “nazionali”, rispondono ai diktat dei partiti di riferimento. E i partiti politici, nutrono la popolazione di propaganda, non certo di informazioni trasparenti.

D’altronde, se rendessero facilmente comprensibili certi temi, certi magheggi, certe azioni tossiche nei confronti del benessere dell’intera comunità, lo Tsunami si abbatterebbe su di loro. Il cittadino informato diverrebbe un cittadino con una sviluppata capacità critica, in grado di renderlo capace persino di scegliere. O di chiedere – e ottenere – le dimissioni di un intero governo. Da evitare. Come la peste.

Molti di voi, hanno certamente seguito le vicende delle quattro banche cooperative che hanno lasciato sul lastrico migliaia di risparmiatori obbligazionisti. Ricordo che le banche in questione sono quattro e non solo Banca Etruria, come strategicamente si è deciso di diffondere, nel tentativo infame di oscurare le vittime di Carichieti, Carife e Banca Marche.

Poiché nel caso di Banca Etruria è coinvolto il padre di Miss Boschi, ecco che i media hanno dato maggior rilievo alle notizie di questa banca, tralasciando – che meschina “dimenticanza” – di parlare e dare voce alle vittime delle altre tre banche cooperative. Devono riuscire ad appassionare la popolazione su una vicenda che scateni le passioni popolari, mica informare sui rischi che si stanno correndo.

Sembrava che tutto si chiudesse lì, col salvataggio strategico e in corner delle quattro banche e con l’espropriazione dei risparmi di una vita per migliaia di famiglie – che ad oggi non hanno la minima garanzia di tornare in possesso di ciò che gli è stato tolto – e invece no: qualche tempo fa, ecco uscire la lista di altre 15 banche sull’orlo del fallimento, ma a questa notizia è stato dato davvero poco spazio. I cittadini, devono stare “tranquilli”. Semmai devono appassionarsi al tema del momento: decidere se il sesso degli angeli debba essere legalizzato o meno…

Tornando al tema centrale: si è parlato ultimamente di questi 200 miliardi di sofferenze bancarie, e posso immaginare la faccia di molti correntisti e obbligazionisti nazionali, nel momento in cui hanno letto o ascoltato la notizia in tv.

Ma via, si passa ad altro, ci mancherebbe che si affronti un tema così spinoso e si getti la popolazione nello sconforto più totale. Le spiegazioni non servono a nulla. Le banche “sono solide” – ripetono come un mantra il Ministro dell’Economia Padoan e il Premier Renzi. Talmente solide che…

Andiamo per punti.

Primo: a quanto pare, le “sofferenze bancarie” non ammonterebbero a 200 miliardi ma a oltre 350, forse addirittura 370. Lo dice chiaramente l’Economist, in un articolo dello scorso 28 Novembre, in cui calcola anche che tale importo è pari al 21% del PIL. Eco la fonte originale dell'articolo: Burden sharing

A fronte di queste “sofferenze” – di cui vi parlerò più avanti – nell’analisi dell’Economist viene chiarito che, gli istituti bancari non fanno l’unica cosa che li metterebbe nelle condizioni di guadagnare, e cioè: dare soldi a prestito. Perché è bene chiarire una cosa: l’attività primaria di una banca, è prestare denaro, sui cui calcola percentuali a debito che sarebbero la fonte primaria di guadagno, oltre ovviamente ai conti azionari che fanno guadagnare a seconda del guadagno o perdita che il cliente realizza tramite l’acquisto e la vendita di azioni e obbligazioni.

Ora: le banche non prestano denaro e non accettano richieste di mutui, ormai da anni. Se lo fanno, la loro percentuale è risibile. Se non prestano denaro a famiglie e imprese, va da se che non possono andare in “sofferenza” con importi così vertiginosi. Allora la domanda da porsi è: a chi ha dato denaro il nostro sistema bancario negli anni, tanto da giungere al tracollo che sta per abbattersi contro la popolazione e in special modo ai correntisti oltre i 100.000 euro e a coloro che sono anche titolari di obbligazioni?

Per avere la risposta, basta ragionare su ciò che è accaduto alle 4 banche cooperative, che per moti anni non hanno fatto altro che essere di manica larga nell’erogazione di grossi finanziamenti. Attenzione però, non a famiglie e imprese, bensì ai soliti amici degli amici.

Possibile? Possibilissimo. Approfondendo un poco le notizie relative ad esempio, al crac di Banca Etruria, si scopre che, il grosso delle sofferenze subite, è relativo a imprese del settore immobiliare, ma non pensate che si parli di nomi di esimi sconosciuti. Ecco alcuni debitori impenitenti di Banca Etruria: Francesco Bellavista Caltagirone - si proprio lui, il palazzinaro – la Coop rossa Castelnovese, che si occupa di rifiuti e vede coinvolto Tiziano Renzi, padre di Matteo.

Ritroviamo il nome Caltagirone anche nel crac di altre banche, come nel caso della Cassa di Ferrara e la cosa che deve far riflettere è che, gira che ti rigira, i nomi di chi ha creato le sofferenze del nostro sistema bancario, sono sempre gli stessi e, praticamente, sempre nel settore immobiliare. Un caso? Impossibile.

Mettiamola così: negli USA il crollo del sistema finanziario, avvenne a causa dell’apertura indiscriminata al credito a tutti i cittadini. La motivazione era un sogno irrealizzabile: una casa di proprietà per ogni americano. Compresi ovviamente clochard o famiglie indigenti, che mai e poi mai avrebbero avuto la capacità economica di restituire i mutui contratti. Poi certo, ci si misero pure le agenzie finanziarie coi titoli tossici, e con tutta una serie di misteriosi movimenti di alta finanza – tossica -  che fecero scaturire la crisi finanziaria peggiore che mai sul pianeta terra si era verificata.

Da noi no: le banche chiudono strettamente – e da anni – i cordoni della borsa nei confronti della propria clientela “comune”, ricevono sostanziosi finanziamenti di cui si perdono le tracce in pochi secondi, anno ampi margini di finanziamento a politici-imprenditori e ai palazzinari nazionali da Nord a Sud, per poi scoprire che tutto il sistema bancario crolla, e per non farlo crollare, si preleva – forzosamente – il risparmio di cittadini che un Caltagirone, un Tiziano Renzi o altri di pari livello, non sanno nemmeno chi siano.

A conferma di quanto vi dico, vi basta dare un’occhiata all’entità delle sofferenze bancarie e dalla tipologia di clientela che ha usufruito dei maggiori finanziamenti: guardate coi vostri occhi. I clienti che hanno avuto i più alti finanziamenti, sono la percentuale maggiore. E quali sono le imprese che maggiormente hanno avuto accesso al credito? Quelle del settore immobiliare.

 

Il fatto poi, che proprio il settore immobiliare nel nostro paese stia conoscendo una crisi senza fine, rappresenta in maniera netta la motivazione di questi 350 e passa miliardi di sofferenze. Anche se, lasciatemelo dire, di fronte a nome così “eccellenti” vorrei vedere se, crisi o non crisi le banche e il governo in carica di turno, avrebbe fatto fallire i clienti invece che le banche, potendo peraltro salvare entrambi con la paraculata del bail in e con il metodo di far accollare i debiti alla popolazione.

Ecco un'altro schema che spiega in maniera lampante, a chi vegono erogati i maggiori finanziamenti: 

Vi è chiaro adesso, cosa è successo e cosa sta per abbattersi sui cittadini correntisti e obbligazionisti? Salveranno le banche, che hanno salvato imprenditori spregiudicati che se ne fottono allegramente dei risparmi di una vita di un’intera popolazione.

Più chiaro di così, non riesco a spiegarlo.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 06:12:12

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -