Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Agricoltura e olivicoltura: migliaia di produttori a rischio fallimento

Agricoltura e olivicoltura: migliaia di produttori a rischio fallimento
Autore: Silvia Piliego - Redazione Attualita'
Data: 02/03/2016

L’olio d’oliva è l’immancabile compagno delle nostre tavole. E’ il prodotto tradizionale nostrano per eccellenza, che eleva l’Italia a leader riconosciuto in tutto il mondo. Extravergine, Dop, Igp o biologico, l’oro verde è un lusso irrinunciabile. Si cerca qualità, garanzia, sapore. L’olio è parte del DNA nazionale, prodotto tipico della nostra alimentazione, così apprezzato e invidiato da non poter evitare, come vini e formaggi, imitazioni e contraffazioni. Cade quindi come un macigno sulle abitudini di ognuno di noi il grido d’allarme di Compag, l’associazione nazionale dei commercianti di prodotti per l’agricoltura che, per voce del Presidente Fabio Manara, da tempo richiama l’attenzione di istituzioni e consumatori su un dramma che si sta compiendo lentamente e inesorabilmente: una vasta parte delle 776 mila aziende olivicoltrici italiane è a rischio chiusura. Siccome l’olivicoltura è in mano a piccole e medie imprese agricole, più del 70% di esse risulta oggi inadempiente perché non in possesso del patentino richiesto dalla legge che regolamenta l’uso dei fitofarmaci.

Perché la legge c’è, e si chiama PAN (Piano d’Azione Nazionale). E’ entrata in vigore lo scorso 26 novembre con decreto del 22 gennaio 2014. Il PAN prevede che tutti i fruitori di agrofarmaci, da chi li compra a chi li vende, siano in possesso di regolare patentino rilasciato da organi competenti a seguito della frequentazione di un corso di abilitazione. Una norma giusta, riconosciuta come tale perché studiata per aumentare la conoscenza e la coscienza di quanti potrebbero creare danni alla salute e all’ambiente.

Nulla sarebbe se i corsi ci fossero, se le abilitazioni richieste fossero conseguibili. I corsi invece sono inesistenti o insufficienti in tutta Italia, nessuna Regione esclusa. Lo Stato ne ha demandato l’organizzazione alle Regioni, e queste si sono perse in una pletora di organi territoriali come l’ispettorato agrario, la Forestale, le Ulss, l’Avepa o altri enti di formazione che avrebbero dovuto rispondere alle richieste, ma non lo hanno fatto. E così imprenditori grandi e piccoli, hobbisti, produttori amatoriali e appassionati di ogni genere si trovano fuori legge, impossibilitati ad acquistare quanto serve per combattere batteri e insetti devastanti come la mosca dell’olivo Bactrocera oleae, la tignola dell’olivo Prays oleae, la cocciniglia Saissetia oleae. E gli ulivi secolari si infestano, infestano, si seccano e muoiono, rendendo inutilizzabili intere aree contaminate. L’olio, l’olio buono che si comprava dal contadino amico, che si trovava nel ristorante a km zero, l’olio extravergine prodotto nella determinata zona e così caratterizzante per densità e sapore non c’è più. Si fermerà una filiera che occupava 1 milione e 150 mila ettari di terreno agricolo e che produceva oltre tre milioni di quintali d’olive per un controvalore di circa un miliardo di euro.

E non è tutto, perché in questa cieca gestione del potere, in questa incapacità di capire le priorità e di movimentare il sistema affinché il meccanismo burocratico sia a servizio della popolazione c’è anche chi, come Regione Veneto e Regione Lombardia, restringe la norma a suo piacimento escludendo dall’acquisto di fitofarmaci anche le realtà terze in possesso di patentino e fino ad ora utilizzate dalle aziende agricole con regolari contratti. Un’interpretazione, un abuso amministrativo, vieta alle aziende agricole la possibilità – riconosciuta per legge - di appaltare il lavoro di esecuzione dei trattamenti fitosanitari ad aziende abilitate. Quale speranza?

www.compag.org

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/06/2020 10:23:04

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -