Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Politica, capitalismo e delirio di onnipotenza: verso la distruzione del pianeta Terra

Politica, capitalismo e delirio di onnipotenza: verso la distruzione del pianeta Terra
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/03/2016

 

L’11 Dicembre 1997 nella città giapponese di Kioto, durante la Conferenza delle Parti "COP3", 180 nazioni redassero il Protocollo di Kioto. Il documento, è praticamente un accordo internazionale che fissa le linee guida generali, per abbattere le emissioni di CO2 responsabili del surriscaldamento globale.

Come si sa, all’origine del dissesto ambientale – di cui tutti ormai possiamo concretamente valutare gli effetti – c’è l’insensato sviluppo dell’industrializzazione, con conseguenti emissioni di gas quali Metano, idrocarburi, Ossido di Azoto, Idrofluorocarbuti e altre sostanze.

Aver aderito al protocollo di Kioto, non corrisponde ad averne assimilato il contenuto al fine di mettere in pratica le procedure atte ad abbattere le emissioni di gas serra. Per far ciò, era necessario che – almeno 55 dei paesi aderenti – ratificasse il protocollo.

Dal 1997, anno della creazione del protocollo di Kioto, si è dovuto attendere il 2004 per concretizzare la condizione minima per avviare il processo di abbattimento delle emissioni: la Russia infatti, ha aderito formalmente solo dopo 7 anni.

Considerando i ritardi nella realizzazione effettiva delle linee guida generali, e anche il fatto che – ad esempio – gli USA, responsabili di circa il 40% delle emissioni globali di Biossido di Carbonio , non hanno mai aderito all’accordo, non c’è da stupirsi se oggi, la situazione relativa al surriscaldamento globale sia giunta a un tale livello di gravità, da non poter più essere celato agli occhi dell’Opinione pubblica internazionale.

Questo preambolo, serve a giungere a una considerazione: il delirio di onnipotenza che alberga in coloro che siedono ai posti di comando del pianeta Terra.

Pur di alimentare - con una sorta di patologia bulimica - il proprio potere, attraverso uno sviluppo incontrollato dell’industria e dei danni conseguenti che impattano negativamente sull’ambiente a livello globale, molte nazioni hanno preferito non ratificare un trattato che, oltretutto, per garantire la salvaguardia del pianeta, avrebbe dovuto esser messo in atto, in tutte le sue parti e attraverso i metodi proposti,  entro il 2015.

A cosa porta questa decisione è sotto gli occhi di tutti: siamo talmente in ritardo con l’attuazione delle strategie atte ad abbattere l’emissione di gas serra, da non esistere più alcuna speranza che questo pianeta possa essere salvaguardato. Con esso, i suoi abitanti e – incredibilmente – gli stessi autori di questa distruzione sistematica dell’ambiente e del clima, dal momento che vivono anch’essi sulla Terra.

A meno che, lo sparuto gruppo di veri potenti mondiali, non abbia già pronto un piano B, che consideri – ad esempio – la possibilità di lasciare la Terra e trasferirsi altrove, armi, bagagli e familiari stretti,  su Marte magari o sulla stazione orbitante, altrimenti davvero non si spiega.

Questa perdita della percezione della realtà, che porta a distaccarsi dagli eventi e dalle situazioni, sta trascinando l’intera popolazione mondiale verso il baratro, e ciò che salta agli occhi, è l’assoluta mancanza di resistenza degli esseri umani a questo vero e proprio suicidio collettivo.

Arrestare la corsa verso la distruzione di massa, sarebbe stato possibile – fino a qualche anno fa – solo se i popoli avessero opposto - con tutte le forze, e in maniera coesa – un “NO” alla totale mancanza di interesse per la garanzia della salute del sistema climatico e ambientale. Ma è un’ideale irraggiungibile, visto che a ogni latitudine, si tende semmai a frammentare le popolazioni, obbligandole a guardare al massimo al proprio territorio e mai a intendere il pianeta come territorio comune. Questa è follia.

Non si può tornare indietro e non si può andare avanti seguendo lo schema politico e industriale utilizzato fin'ora. Poiché però, non si nota una presa di coscienza da parte di chi gestisce le economie e la politica mondiale, e non vi sono tracce – almeno iniziali – di un’inversione della tendenza allo sfruttamento delle risorse naturali e allo sviluppo industriale che viene  spinto alla massima produzione, ecco che possiamo confermare con certezza, come questo pianeta e i suoi abitanti siano destinati all’estinzione, e in tempi medi.

La patologia che affligge chi muove i fili della politica e dell’economia mondiale è talmente grave, da non aver permesso un dietro front strategico, internazionale, compatto, che potesse porre fine a quello che a tutti gli effetti appare avere le stesse caratteristiche di un virus: l’umanità e la sua bramosia di potere e denaro.

Non so quanto tempo abbiamo ancora a disposizione. Spero sono di non essere più in vita al momento in cui si dovrà assistere a eventi tali da procurare orrore collettivo incontrollato. Oggi sembra la trama di un film di fantascienza, eppure, è a questo che andiamo incontro.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 06:03:29

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -