Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
Hays: solo un 'italiana su 10 ambisce al ruolo di CEO della propria azienda

Hays: solo un 'italiana su 10 ambisce al ruolo di CEO della propria azienda
Autore: Angela Drammis - Redazione Attualita'
Data: 09/03/2016

Solo l’11% delle donne italiane aspira a diventare CEO o Managing Director della propria azienda.  A rilevarlo il sondaggio “Leading Women Survey” che Hays, società leader nel recruitment specializzato, ha condotto su un campione di oltre 11.500 persone di tutto il mondo.

Secondo lo studio, infatti, le professioniste dei Paesi europei sembrano essere meno ambiziose delle colleghe dei mercati in via di sviluppo. Come le italiane, anche le donne francesi, tedesche e inglesi non puntano al comando della propria azienda. In Inghilterra, ad esempio, solo 1 donna su 10 ambisce alla carica di CEO o MD, rispetto al 28% di Malesia, 22% di Colombia e 18% di Emirati Arabi Uniti.

Le donne europee mostrano, invece, più propensione per i ruoli di middle o senior management. 4 italiane su 10 (39%), ad esempio, dichiarano che si sentirebbero professionalmente appagate se fossero promosse manager. Obiettivo condiviso anche dal 36% delle inglesi. Mentre solo il 33% degli uomini intervistati aspira a raggiungere un livello manageriale.

Dati interessanti che spiegano la mancanza di donne ai vertici delle aziende. La presenza femminile tende, infatti, a concentrarsi più su funzioni di supporto che di leadership. Recenti ricerche* confermano che a livello globale solo il 9% delle donne è Amministratore Delegato (CEO) o Chief Operating Officer (COO), percentuale che sale al 18% se si tratta della figura di Chief Financial Officer (CFO).

“I risultati dell’indagine fanno riflettere – afferma Allistair Cox, CEO di Hays –: è davvero preoccupante che così poche donne vogliano raggiungere posizioni apicali all’interno della propria azienda preferendo, invece, ruoli di middle e senior management”.

Per aumentare il numero delle donne ai vertici aziendali, è necessario promuovere l’uguaglianza di genere nel mondo del lavoro. L’indagine Hays, infatti, mostra ancora una forte diversità di opinione tra uomini e donne: ad esempio, solo 1 uomo su 5 riconosce disparità di stipendio e di opportunità tra colleghi di sesso opposto rispetto al 44% delle donne.

Le aziende sono, quindi, chiamate a definire programmi per favorire il rispetto della diversità e la presenza di donne nelle posizioni apicali. La quasi totalità degli intervistati da Hays dichiara, infatti, che la propria organizzazione non ha una policy finalizzata al rispetto dell’identità di genere (44%) o non è sicura della sua esistenza (28%).

“È importante – continua Cox – che le imprese sviluppino delle iniziative e dei piani per incoraggiare il talento femminile ai vertici. L’uguaglianza di genere può, infatti, offrire ad un’organizzazione innumerevoli benefici come una maggiore produttività o migliori risultati aziendali. Chiaramente è indispensabile che le aziende iniziano a pensare a tali programmi in una logica di lungo termine e non come semplici palliativi”.

* Grant Thornton: Women in business: the path to leadership, 2015




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 04/06/2020 10:36:39

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Angela Frazzetta - Redazione Attualita'
Data: 25/05/2020
60.000 assistenti civici volontari per il rispetto del distanziamento sociale

I sindaci italiani arruoleranno 60.000 volontari maggiorenni, a patto che siano siano disoccupati, percettori di reddito di cittadinanza o di ammortizzatori sociali.

Leggi l'articolo

Autore: Sara Preatoni - Redazione Attualita'
Data: 23/05/2020
Fake news: come riconoscerle

Se volessimo individuare un trend che purtroppo sta caratterizzando questi ultimi anni, sicuramente la diffusione delle “fake news” sarebbe uno di questi. Cosa sono le fake news?

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale di Daniel Abruzzese
Data: 19/05/2020
La crisi del lowcost: la fine dell'Europa?

Al di là dell’ottimismo sbandierato da Ryanair, che vorrebbe invogliare i clienti a tornare a volare ancora prima della fine dell’estate, l’era dei voli lowcost pare volgere al termine. 

Leggi l'articolo

Autore: Sergio Ragaini - Redazione Attualita'
Data: 18/05/2020
Se non puoi combatterli….

Questa è la vita: andare verso la bellezza, andare verso l’armonia. La vita è contatto, scambio. Non è ritrarsi, non è allontanarsi credo che il vero virus sia proprio questo allontanarsi, questo evitare il contatto e lo scambio, questo impedire le relazioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -