Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Politica Italiana  
Lettera aperta di Marianna Sturba, che si e' dimessa da segretario del circolo PD di Subiaco

Lettera aperta di Marianna Sturba, che si e' dimessa da segretario del circolo PD di Subiaco
Autore: Marianna Sturba - Ex segretario del circolo PD di
Data: 14/03/2016 09:23:38

Riceviamo e pubblichiamo:

Lettera aperta 


Chiunque è in grado di esprimere qualcosa deve esprimerlo al meglio”.

Questo affermava Giovanni Falcone e questo pensiero sostiene le mie dimissioni dall’incarico di segretario del Circolo PD di Subiaco e la mia uscita dal partito

Con rammarico tiro le somme di un anno di lavoro portato avanti con dedizione e passione, ma che non ha prodotto quel rinnovamento radicale di cui il circolo necessitava.

Il segretario nazionale Matteo Renzi, ha professato la necessità di un rinnovo e di un potenziamento della classe dirigenteche avrebbe lo scopo di rinnovare e riattivare una partecipazione positiva alla vita politica tanto danneggiata dall’antipolitica. Purtroppo si assiste ad un rinnovamento solo di facciata che cela dietro nuovi visi, vecchie logiche e soliti padroni.

Io non intendo prestare il mio nome e la mia immagine per il repulisti di nessuno. Ho provato sulla mia pelle che le novità indipendenti, invece di essere accolte e inserite vengono osteggiate e denigrate agli occhi dell’opinione pubblica. 

Non mi riconosco in un’azione politica come quella che si sta intraprendendo per le prossime amministrative che vede il PD in una alleanza che non basa il proprio esistere nella fiducia reciprocaalleanza che chiede a due realtà eterogenee di stare insieme su basi fragili, che continua a passare la maggior parte del tempo a sfidarsi tra veti e tatticismi reciprochi, e che ad oggi ha discusso di tutto fuorché di programmi e visione del territorio.

Non mi riconosco in chi svolge trattative parallele e non condivise al fine di riaffermare la propria supremazia sul Circolo e sul territorio.

Non mi riconosco in una visione del territorio che non metta al centro le esigenze vere di Subiaco e sceglie invece di seguire logiche “di componente”.

Scelgo di andar via perché in questo contesto non sento di essere nelle condizioni di dare il meglio di ciò che ho. Scelgo di lasciare un partito in cui tanto credevo e che pensavo capace di operare quel cambiamento che l’Italia merita.

Ho contestato la L.107, dedicata alla scuola, perché foriera di una visione della missione educativa che vede il dirigente come uomo solo al comando depauperando il valore e il peso degli organi collegiali, oltre a prevedere l’apertura a finanziamenti privati che metterebbero a rischio l’autonomia dell’istituzione scolastica pubblica e a non sciogliere quelli che sono le vere criticità, ho comunque contribuito nel mio piccolo ad una riflessione su tale legge all’interno del partito; ho partecipato ad incontri informativi per comprendere le scelte di riforma costituzionale portate avanti dal governo; ho tollerato un circolo condotto da logiche personalistiche, ma ad oggi non riesco a condividere e sostenere le scelte operate dal Partito.

Ora quindi lascio la mia mansione, a chi meglio di me, può essere portavoce di questo modo di intendere la politica. La mia propensione all’inclusione, alla pluralità, alla partecipazione non è ciò che piace a chi detiene la “maggioranza” all’interno del circolo e che non si preoccupa di essere rappresentativo della “maggioranza” degli elettori del PD.

Lascio in poche parole perché ritengo non sia rappresentata l’etica che ogni politico dovrebbe incarnare.

Ci tengo a dire che continuo a credere nei partiti e nella politica. Solo nei partiti , quelli veri, quelli che sollevano discussioni e approfondimenti, quelli che dialogano con gli altri attori della politica locale, quelli che hanno un’etica condivisa e non autoreferenziale, solo in questo tipo di partiti si può continuare a parlare di Politica. 

Immagino che ci sarà chi mi dirà che si deve restare per apportare il cambiamento in cui si crede, l’ho fatto, ma si può rimanere lì dove si percepisce la possibilità di produrre cambiamento.

Ringrazio quelle persone che mi hanno sostenuta in questo anno e che mi hanno testimoniato stima e fiducia.

“ La politica è l’arte del possibile” e questo continuerò a perseguire.

 

Marianna Sturba


L'articolo ha ricevuto 2400 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 18/09/2019 19:21:14

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Italiana

Autore: Redazione Politica
Data: 18/09/2019 06:59:32
Francesco Boccia: 'Non capisco la scissione di Renzi'

"Non capisco il senso di questa scissione. Non so se il gruppo di Renzi nasce per una questione di bilanciamento di poteri"...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 15/09/2019 07:34:56
 Maurizio Landini: 'Incidenti sul lavoro: siamo di fronte a una strage'

“Siamo di fronte ad una strage, siamo ad una media di circa tre morti al giorno”.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 12/09/2019 06:20:01
Abbandono scolastico: un problema da risolvere urgentemente

Nel 2018, 600mila ragazzi in fuga dalla scuola. L’Organizzazione SOS Villaggi dei Bambini ogni anno sostiene la formazione per centinaia di bambini e ragazzi privi di cure familiari, prevenendo la dispersione scolastica.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 11/09/2019 06:12:32
Fipe al governo: 'Turismo e ristorazione di qualità siano la base del nuovo umanesimo'

"Il governo Conte ha l’opportunità di fare ciò che nessun altro governo ha avuto il coraggio di fare prima d’ora: valorizzare un’eccellenza italiana che ci rende famosi in tutto il mondo".

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -