Sei nella sezione Italia   -> Categoria:  Attualita  
La nostra normalita' e la nostra paura vinceranno il Terrorismo

La nostra normalita' e la nostra paura vinceranno il Terrorismo
Autore: Di Umberto Calabrese
Data: 24/03/2016 10:18:22

La paura ci rende coraggiosi, è la paura che ci ha fatto evolvere e creare la nostra civiltà. Non chiudetevi nelle case, nel privato: è quello che vogliono i terroristi islamici! Certamente dobbiamo essere prudenti, essere informati e seguire alla lettera le disposizioni che le autorità ci diranno di seguire.

Ma provare paura è cosa naturale, la provarono i nostri avi, e la proveranno i nostri discendenti: senza paura l'uomo non evolve. Non è forse la paura di non avere da mangiare, che ci trasformò da nomadi in agricoltori? Non è forse la paura di non avere acqua da bere, che fece dell'antica Roma il più grande Impero, che sì impose sì con le armi, ma s’impose soprattutto con la sua capacita di portare l'acqua con i suoi acquedotti in tutto il mondo conosciuto? La paura ci rende forti, e coraggiosi.

La nostra Civiltà dell'Amore, dell’umanesimo, la nostra civiltà cristiana, la nostra solidarietà, il nostro progresso con le sue ombre e luci, l'emancipazione delle donne, la nostra arte, la nostra quotidianità è questo e non altro che i Terroristi Islamici odiano e vogliono destabilizzare.

Sono una minuscola parte dell''Islam, ma ci stanno colpendo, nel cuore della nostra civiltà, vogliono vederci rinchiusi, tremanti, nelle nostre case, vogliono che cambiamo le nostre millenarie abitudini, vogliono che rinneghiamo le nostre lotte sociali e alle donne chiedono di rinunciare  all'emancipazione ottenuta in tutto l'occidente.

Vogliono che rinunciamo alle nostre feste, ai nostri modi di passare in allegria e cultura il nostro tempo libero. Vogliono mettere in ginocchio la nostra economia. La risposta, la nostra risposta di semplici uomini e donne italiani, europei, cristiani, laici, atei, conservatori, progressisti, che costituiamo la Civiltà occidentale, è continuare la nostra vita quotidiana, con prudenza, con paura, quella paura che ci fa diventare coraggiosi, non eroi, non abbiamo bisogno di eroi, ma di gente normale che banalmente continua a vivere nei propri valori, nella propria cultura, che non rinuncia al gusto di mangiare al ristorante, che non rinuncia al piacere di una bella serata al cinema o teatro.

Che ogni mattina prende l'auto, autobus, la metropolitana e si reca a lavorare o a studiare. Noi abbiamo il dovere verso noi stessi, verso i nostri figli, di restare nella nostra normalità. Certo con le prudenze, con il rispetto e applicazione delle norme di sicurezza che le autorità ci diranno di applicare. Ma la nostra risposta al terrorismo islamico è continuare a essere quello che siamo: Uomini e Donne del 2016 loro, questa minoranza islamica integralista, sono nel buio del medio evo, noi siamo il futuro!

Umberto Calabrese
direttore di Agorà Magazine
quotidiano on line oscurato dai Terroristi Islamici

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/10/2019 06:58:22

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Attualita

Autore: Redazione Attualita'
Data: 16/10/2019 07:11:11
Seggiolini anti-abbandono in auto: saranno obbligatori dal 2020

E’ stato necessario il verificarsi del decesso di diversi bimbi prima di arrivare alla conclusione di varare una legge che obblighi i genitori a dotarsi di speciali seggiolini anti-abbandono

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 12/10/2019 07:13:10
Web: cresce l'interesse degli italiani per il settore food

In Italia, nell’ultimo anno, le ricerche online di questi prodotti sono letteralmente cresciute: si parla infatti di un +80,5% per gli alimenti e le bevande e un +21,6% per i piccoli elettrodomestici. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 10/10/2019 06:48:09
Affitti in aumento: Torino è la città che registra il rincaro maggiore

In Italia, Milano si conferma regina incontrastata del caro affitti: una stanza singola per studenti e giovani lavoratori costa più di 630 euro, un monolocale oltre 900 e un bilocale quasi 1200 euro.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 11/10/2019 06:33:36
Class Action contro Facebook: i motivi per cui è stata lanciata

Ultimamente fa molto discutere la Class Action avviata su proposta dell’associazione a sostegno dei diritti dei consumatori Altroconsumo, stavolta contro il più famoso e diffuso social network: Facebook.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -