Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Caso Guidi: l 'insostenibile leggerezza del potere

Caso Guidi: l 'insostenibile leggerezza del potere
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 05/04/2016

Il caso dell’ex Ministro Federica Guidi, intercettata al telefono mentre conferma al compagno, Gianluca Gemelli l’avvenuta approvazione di un particolare emendamento, non accenna a defluire. Anzi. Gianluca Gemelli,  41enne rampante, proveniente da una famiglia della borghesia siciliana, è nell’occhio del ciclone per l’inchiesta sui rapporti tra Total e il Governo Renzi, ma da questa storia, che ha più i contorni di una storiaccia, si evincono altre cose, affatto positive.

A poche ore dallo scoppio dello scandalo, come si sa, Federica Guidi rassegna le dimissioni dal suo incarico di Ministro dello Sviluppo Economico. Un ruolo che ha sempre cozzato, anche, con il suo ruolo di imprenditrice e coi suoi rapporti personali con Gemelli che, a quanto si dice, deve molto della sua ascesa professionale a una serie di Signore che via via, lo hanno sostenuto.

Quel che appare oggi però, venendo a conoscenza di alcune intercettazioni telefoniche realizzate dalla Squadra Mobile, tra Federica Guidi e Gianluca Gemelli, non è altro che la conferma che un reato è stato commesso.

«Mi stai utilizzando» piange la Guidi al telefono con Gemelli. Quindi, era conscia che il fidanzato sfruttava ampiamente il suo ruolo di Ministro dello Sviluppo Economico per i propri interessi professionali e per ottenere quei subappalti milionari per la Tempa Rossa.

Altra ammissione di colpa, a mio avviso, è il fatto che la Guidi abbia lasciato Gemelli, col quale peraltro, si dice non abbia mai convissuto realmente, pur avendo generato un figlio insieme. Un rapporto sofferto, almeno per la Guidi.

Altro elemento: Renzi si è immediatamente “appropriato” della paternità dell’emendamento incriminato,  e lo ha fatto appena si è saputo che, in questa brutta storia, era coinvolta anche il Ministro Boschi. Le malelingue non hanno dubbi sui motivi di questo atto da vero paladino dell’onore della Boschi e della Guidi.

A pensar male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca, si dice…

Ora: l’entourage di Renzi, sostiene con tutte le forze la bontà del procedimento e di quell’emendamento che, a sentire Renzi e pure la Boschi, già interrogata dai Magistrati di Potenza, servirebbe a “Sbloccare importanti opere pubbliche”. Peccato che, tutto questo, capiti a pochi giorni dal referendum che si continua a definire “sulle trivellazioni” quando, nella realtà dei fatti si dovrebbe chiamare “Referendum sulle piattaforme petrolifere e di estrazione di gas”, dal momento che le “trivelle” sono quelle che si utilizzano sulla terraferma, ma – a quanto pare – fa più effetto, sull’immaginario collettivo, far pensare al mare trivellato…Valle a capire certe metodiche utilizzate per sortire determinate reazioni sulla popolazione…

La reazione di Renzi è stata sicuramente troppo forte, anche se si parla di due componenti del suo governo. Arrivare a rivendicare la paternità di un emendamento, pur di far uscir pulita la Boschi, ha qualcosa di molto simile alla letteratura romanzesca di fine ‘800.

Ognuno tragga le conclusioni che desidera.

Tornando alle piattaforme petrolifere, al referendum, al tempismo incredibile dello scoppio di questo scandalo: di fatto, appare “bizzarro” come tutto sia concatenato. Renzi che invita la popolazione a disertare il referendum e che, in queste ore, auspica addirittura che "Il referendum fallisca": una dichiarazione gravissima da parte di un premier, considerando che il Referendum è l'ultimo strumento rimasto in mano alla popolazione, per esprimere la propria sovranità.

Scoppia lo scandalo Guidi/Gemelli/Boschi.

Renzi che si erge a paladino salvatore di Ministri in gonnella. E in tutto ciò, il sapore amaro di un sistema che ormai, si autoalimenta di potere, che non lascia possibilità alcuna, alla popolazione, di poter scegliere e decidere su quali debbano essere i criteri di accettazione e ammissibilità di comportamento, per ciò che riguarda la dirigenza del paese.

La magistratura ci farà sapere cosa è accaduto, se reato è stato commesso, se la Guidi era consapevole o meno di trasmettere informazioni utili all’accaparramento di appalti da parte del fidanzato manager, se la Boschi era consapevole che certi emendamenti avvantaggiano certi imprenditori e anche se, a questo punto, Renzi si rende conto che sta collezionando una lunga serie di scivoloni.

Concludo con una nota, utile a chi fosse interessato a recarsi al voto il prossimo 17 Aprile: il quesito referendario recita: ““Volete che, quando scadranno le concessioni, vengano fermati i giacimenti in attività nelle acque territoriali italiane anche se c’è ancora gas o petrolio?”

Significa: volete voi che, le piattaforme entro le 12 miglia, si fermino quando scadranno le concessioni, anche se ci fosse ancora petrolio o gas da estrarre? Vi ricordo infatti che, anche ammesso che vinca il “SI” e ammesso poi che il responso venga preso in considerazione e attuato, che nessuna piattaforma verrebbe fermata subito, ma solo a scadenza delle concessioni. E ricordate che si parla solo delle piattaforme collocate entro le 12 miglia, non delle piattaforme che si trovano oltre le 12 miglia o le trivelle che estraggono sulla terraferma.

Ancora una volta, purtroppo, non solo non è stato comunicato in maniera chiara cosa si propone, ma in più, si aggiungono ombre sulla correttezza di certe manovre politiche. Attendiamo gli esiti delle indagini, sperando di ottenere un po’ di trasparenza prima che tutti si dimentichi questo ulteriore triste capitolo della storia politica italiana.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 06:06:59

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -