Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
245 euro per una T-Shirt con logo DHL: quando il vuoto interiore si sana con il marketing

245 euro per una T-Shirt con logo DHL: quando il vuoto interiore si sana con il marketing
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 23/04/2016

Paghereste circa 250 euro per comprare una maglietta con il logo di un Corriere di trasporti espressi? Se la risposat di getto è "No", sappiate che ci sono state già molte persone che, per possedere questa T-Shirt, non hanno avuto problemi a metter mani al portafoglio e scucire una somma di tutto rispetto.

La T-Shirt in questione, è gialla e - al centro - campeggia il logo della DHL, la famosa impresa di spedizioni internazionali, di proprietà di Deutch Post. A creare il caso, e la maglietta, il marchio francese Veements, che l'ha presentata lo scorso Ottobre a Parigi. Appena messa in vendita, la T-Shirt è andata esaurita in tutti i negozi dove era stata distribuita.

Il successo incredibile di una T-Shirt del genere, è dato - anche e sopratutto - dalla diffusione, sul profilo  Instagram della modella Sarah Snyder, fidanzata col figlio di Will Smith, Jaden Smith, che la ritrae con la maglietta gialla indosso, mentre siede su un furgone della DHL.

Il profilo Instagram della modella è seguito da oltre 600.000 persone, e ciò a scatenato - tra i fan - la corsa all'acquisto della T-Shirt.

La DHL invece, ha pubblicato su Twitter, una foto che ritrae Ken Allen, amministratore delegato dell'azienda, con indosso la maglietta gialla.

Questi fenomeni devono far riflettere molto, su come le persone si lascino affascinare da simboli creati ad arte, in special modo nel campo della moda, per poi esser venduti a peso d'oro.

Il vuoto interiore, la mancanza di carattere e di cultura, che sempre più affligge parte dell'umanità, viene sanato dalla rappresentazione esteriore, sempre più spinta all'eccesso da un senso di inadeguatezza, che spinge certe persone a voler almeno somigliare a certe altre persone, ritenute vincenti.

Una T-Shirt - peraltro non bella - venduta a circa 250 euro, la dice lunga sull'incapacità collettiva a discostarsi dai diktat imposti dal mercato. Un dato su cui riflettere.

Si continua ad essere famelici di simboli, di involucri, di immagini, tralasciando di conseguenza, ciò che davvero conta nella vita: i contenuti.

Una società malata di mode ha una motivazione: l'assoluta mancanza di educazione ai veri valori dell'esistenza. La gente, sempre più, è ciò che possiede, ciò che indossa, proprio perchè si ritiene "difficile" e "arduo" lavorare su se stessi piuttosto che concentrarsi su come si appare.

La domanda da porsi è: cosa può divenire l'umanità se dovesse trovarsi priva degli orpelli di cui si invaghisce, convinta di esistere attraverso simboli commerciali? Opporsi al Capitalismo appare impossibile se, a sostentarlo, sono proprio coloro che poi, in altre situazioni, palesano scontento per ciò che gli esseri umani subiscono costantemente, da parte del potere economico mondiale.

E' un andamento schizofrenico, su cui il mercato mondiale fonda il proprio trionfo. Uscirne è possibile? Dipende. In alcuni casi, sarebbe necessario rieducare le persone. Ma chi potrebbe mai realizzare una rieducazione dell'umanità tesa a rendere prioritario l'essere piuttosto che l'apparire? Non certo i governi, stretti da un patto di alleanza con le industrie di produzione.

Ancora una volta, sarebbe necessario un ripensamento individuale delle priorità essenziali. Un pensiero utopico per quanto semplice e di facile attuazione. Ma l'umanità, sempre più, ritiene difficile ciò che non lo è. E viceversa. Compromessa ormai la possibilità di riabilitare se stessi, si continua ad alimentare tutto ciò che è inutile e superfluo.  Una società malata, famelica di possesso, che si specchia non per guardare a se stessa ma sempre al di fuori di sè.  "Esisto se sono simile ad altri". Bizzarra interpretazione dell'individualità.

In una costante competizione con il mondo esterno. Difficile da imitare, perchè in ogni caso, anche quando non ci si rende conto, l'individuo esiste, ed è dissimile dai suoi simili. Peccato non accorgersene e non essere in grado di valorizzare l'unicità...


©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina.
 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 06:37:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -