Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Non chiamatela 'Crisi economica'

Non chiamatela 'Crisi economica'
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/05/2016

Dal 2008, in tutto il mondo, il leitmotiv si chiama “Crisi economica”. Il termine ha un significato ben preciso: significa che,  crolla il  sistema economico di una nazione, a causa – nella maggior parte dei casi – di bilanci in rosso, che si creano per spese di mantenimento e gestione della macchina statale, troppo elevate rispetto al denaro che confluisce nelle casse del Tesoro.

Non servono grandi statisti ed economisti, per fare i conti della serva. Se si spende più di ciò che si incamera, è ovvio che si creino problemi economici.

Un esempio: negli ultimi anni, in Inghilterra, il governo ha verificato le spese della Corona, e quando si è evinto, in un paio di casi, che determinate spese erano troppo esose e quindi incidevano sui bilanci pubblici, la Corona ha messo in atto tagli atti a diminuire la pressione sulla nazione e quindi, sulla popolazione. E parliamo della Corona d’Inghilterra.

Nel nostro paese, si sta sfruttando alquanto il tema della crisi economica. Da circa 8 anni, da che cioè è avvenuto il dissesto del sistema bancario statunitense, che si è poi pensato di salvare, facendo ricadere sulle popolazioni mondiali il peso degli errori e delle decisioni economiche, anche l’Europa è entrata in quella che – appunto – viene ancora denominata come un mantra“Crisi economica”.

In effetti, ciò che sta accadendo da anni ai cittadini delle popolazioni coinvolte dalla crisi, è una cosa diversa, e si chiama: abbattimento della capacità economica.

Tutto ha inizio nel 2001, con l’avvento dell’euro. L'introduzione della nuova moneta, ha - di fatto -raddoppiato il costo della vita ma non sono stati – parallelamente  - raddoppiati gli importi di stipendi e pensioni.

Così facendo, si è iniziato il processo di destabilizzazione della capacità economica dei cittadini. Esempio: se prima dell’avvento dell’euro, un impiegato di primo livello percepiva uno stipendio netto pari a 3 milioni di lire, con il cambio in euro, lo stesso impiegato ha iniziato a percepire 1.500 euro.

Poniamo ora un altro esempio: questo impiegato, che ora prende 1.500 euro di stipendio, abita in una casa in affitto. Prima del cambio in euro, pagava un affitto di 500.000 lire. Con il cambio in euro, non si è trovato a pagare 250 euro, bensì 500 euro. Esattamente il doppio di quanto pagava fino al 31 Dicembre 2000.

L’esempio, va applicato ad ogni settore della vita quotidiana. L’impiegato, se vivessimo in un mondo in cui l’equità sociale è prioritaria rispetto ad altri criteri, dovrebbe vedere in busta paga, un netto pari a 3.000 euro, invece, con il giochetto teso all’abbattimento della capacità economica, lo stipendio è stato di fatto dimezzato, a fronte di spese che, nella migliore delle ipotesi, sono subito raddoppiate.

Se a questo si aggiunge un incredibile incremento della pressione fiscale, ecco che, la capacità economica delle famiglie, subisce un costante abbattimento.

Di contro, le spese di gestione di una nazione come l’Italia, non sono mai state riviste e corrette. La famosa “Spending review” è stata solo decantata, ma mai messa in atto. Anzi: gli “sforbiciatori” di spesa pubblica nel nostro paese fanno una brutta fine...

A cosa serve abbattere la capacità economica di una popolazione, vi chiederete? A renderla schiava di un sistema. Politico e industriale. Che ormai non si vergogna nemmeno di palesare un livello altissimo di corruzione e la propensione ad appropriarsi, molto allegramente, di risorse pubbliche, generosamente donate dai contribuenti.

E’ pur vero che l’Italia è uno dei paesi in cui – ancora oggi – il risparmio dei privati è solido. Però, dovendo far fronte ai mille oneri fiscali e dovendo fare i conti con il precariato lavorativo, che si abbatte soprattutto sui giovani, ecco che anche le famiglie che - per decenni - hanno saputo fare le brave formichine, si vedono ora costrette a metter mano ai conti deposito.

Semmai di crisi vogliamo parlare, è di sistema. E per “sistema” non intendo quello politico ed economico, ma parlo del sistema globale.

Ci si lamenta del parterre politico corrotto, ma non si fa nulla per contrastarlo. Evidentemente, quando il popolo non si ribella, ha ancora molte risorse su cui contare.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 06:02:21

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -