Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Riforma costituzionale: e' urgente comprendere il significato di Democrazia

Riforma costituzionale: e' urgente comprendere il significato di Democrazia
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 17/05/2016

Partiamo da un presupposto fondamentale: la Democrazia non è solo una forma di governo, ma è un sistema sociale.  Solo partendo da questo criterio, si può riuscire a comprendere ciò che accade da anni ormai, nel nostro paese e contro la popolazione.

Il criterio di Democrazia, si fonda sulla partecipazione attiva , sui pari diritti dei cittadini, sull’uguaglianza, sul sostegno, sul concetto di benessere comune, sulla condivisione.

Negli ultimi anni, complice un sistema politico che ha lavorato costantemente per privare i cittadini di rappresentanza, di diritti civili e del criterio di uguaglianza, mettendo in atto riforme assolutamente inverse al criterio di Democrazia – basti pensare alla Riforma Fornero o al più recente Jobs Act – la popolazione è giunta  a non comprendere più il significato di Repubblica a regime democratico, ed è arrivato a convincersi che, gli unici che possano a tutti gli effetti mettere in atto la Democrazia, siano i rappresentanti politici.

Il cittadino comune, oggi è convinto che, se ha meno diritti di un tempo, saranno i politici a rimettere a posto la questione, senza minimamente rendersi conto che, quei diritti gli sono negati proprio da una politica che, sempre più, palesa una deriva autoritaria.

Uno dei trucchetti più usati per mascherare quest’abominio, è l’abuso dei termini. Democrazia. Democratico. Diritti. Uguaglianza. Riforma che rende liberi. Un bluff. Un terribile e temibile bluff.

I politici, si sono appropriati della gestione della Democrazia, e questo è l’atto più antidemocratico che potessero compiere. Hanno estorto ai cittadini questo elemento essenziale di civile convivenza, attraverso la negazione alla partecipazione, e anche attraverso l’inosservanza delle norme costituzionali.

Come possono aver negato la partecipazione, e quindi, la sovranità, ai cittadini? E’ semplice. E’ sufficiente, ad esempio, indire un referendum, far votare il popolo, e poi, non prendere in considerazione il responso referendario. L’ultimo esempio in ordine di tempo, è il referendum sulla privatizzazione dell’acqua pubblica. Il popolo ha deciso NO. Il governo se n’è altamente fottuto.

In tal modo, si ottengono due risultati. Il primo: si dichiara apertamente alla popolazione, che la volontà popolare non conta nulla. Il secondo: si abitua la popolazione a non prender parte alle questioni nazionali, che interessano da vicino ognuno di noi. L’attuale livello di sfiducia nei confronti delle istituzioni infatti, si palesa proprio attraverso la disertazione delle urne. Ci avevate mai pensato? Il trucchetto ha funzionato.

Volete un altro esempio recente? Il referendum sulle piattaforme di estrazione di petrolio e gas. Lo ricordate, vero, il caos indegno generato dal mondo politico? Scarsissima informazione, e persino, il capo del governo che invita la popolazione a disertare le urne. Tradotto in italiano corrente e comprensibile anche ai bambini, il significato di questo invito significa: cittadini, inutile che andiate a votare. In ogni caso, faremo come diciamo noi, e ce ne sbatteremo se il responso referendario dirà il contrario.

Questa forma di governo, è già una forma di governo autoritaria. Come mai lo è stata prima. A Renzi, sono stati dati pieni poteri di distruzione dei residui di Democrazia che i precedenti governi non avevano ancora fagocitato. D’altronde, è sempre sotto il governo Renzi, ad esempio, che è stata approvata la Legge elettorale antidemocratica per eccellenza: l’Italicum. Che non permette scelte, preferenze, decisioni. Che palesa, in ogni modo, che l’unica Legge elettorale vigente si chiama “broglio elettorale”.

Ora, siamo a un passo decisivo. Un passo terribile, dal nome moderno, ma che ci porterà - se l’esito sarà il SI – indietro di anni, forse fino a prima della rivoluzione francese, che accese la miccia a una nuova consapevolezza popolare: esistere e, di conseguenza, avere diritti.

La riforma costituzionale, viene propagandata come “innovativa” vincente”  “assolutamente necessaria”.

La domanda da porsi è: per chi? Non certo per la popolazione. Non certo per i bilanci delle famiglie. Non certo per i lavoratori, gli anziani, i giovani. Così come è stata scritta, è una riforma che nega qualsiasi forma di sistema sociale democratico.

La voce del popolo non avrà alcun titolo, ma – a differenza di oggi – sarà sancito dalla Costituzione.

Le decisioni, per tutto il paese, saranno prese da una sola persona – il presidente del Consiglio – che non dovrà più passare sotto le maglie dell’attuale sistema bicamerale, per ottenere l’approvazione di qualsiasi decreto.

Si potrebbe eccepire: “Ma anche adesso fanno come gli pare. Pensa a quanti decreti passano subito grazie alla fiducia”. Vero. Così come è vero che questo sistema è reso possibile dall’assoluta mancanza di un elemento fondamentale: il popolo. Che non si oppone. Non si ribella. Lascia fare. Accetta. Al massimo, s’indigna. Ma torna subito, a testa bassa, a pensare ai fatti suoi. Come se i fatti della nazione non fossero affari di tutti noi.

Il prossimo Ottobre, saremo chiamati alle urne, per votare SI o NO alla riforma costituzionale. Non è una riforma che riguarda questo governo, ricordatelo bene. E’ una riforma che resterà dopo il governo Renzi e per i governi a venire. Toglietevi dalla mente che il motivo per cui è necessario votare questo referendum sia, votando NO, la caduta del governo Renzi, perché non è questo il motivo.

E’ necessario votare NO  per non permettere che una Repubblica a regime democratico, si tramuti – ufficialmente  - in una repubblica a regime dittatoriale. Punto. Non vi sono altre motivazioni.

Semmai, chiedetevi il motivo per cui è stata subito ritirata la proposta avanzata da Angelino Alfano, di prolungare a due giorni, anche per il referendum costituzionale, la durata delle votazioni. Renzi voleva questo prolungamento, ma solo per le prossime Comunali. Ovviamente, subito si è capito che sarebbe stato troppo lampante dover concedere un giorno in più anche per il referendum costituzionale. Per non concedere alla popolazione più tempo per partecipare al referendum, la proposta fatta passare attraverso Alfano, non è arrivata nemmeno sul tavolo del Consiglio dei Ministri.

Prima di concludere, ma con la promessa di parlare presto, più approfonditamente, del contenuto della Riforma costituzionale, ponetevi un’ultima domanda: sicuri che, se dovesse vincere il NO al referendum, Renzi si dimetterebbe il giorno dopo? Ma quando mai. Non avete notato che, dopo tanti governi lampo, alcuni durati una manciata di mesi, questo permane a qualsiasi costo? Certo. I vitalizi adesso, si acquisiscono solo dopo una legislatura. E di neo politici, Renzi ne ha nominati parecchi…

Come ho già fatto in passato, vi consiglio la lettura della nostra attuale Costituzione: è scritta in maniera chiara, comprensibile a tutti. Così si scrivono le cose fatte bene e che non nuocciono al popolo...

Costituzione Italiana

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 05:14:03

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -