Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Repubblica Democratica del Congo: MSF risponde a grave epidemia di malaria

Repubblica Democratica del Congo: MSF risponde a grave epidemia di malaria
Autore: Redazione Esteri
Data: 21/05/2016 09:49:33

 “Esistono farmaci efficaci: gli attori coinvolti nella lotta alla malaria si mobilitino al più presto”

Un’epidemia di malaria particolarmente grave ha colpito la Repubblica Democratica del Congo nord-orientale. Lo scorso 9 maggio, 141 bambini sono stati ricoverati durante la notte presso l’ospedale generale di Pawa, nella provincia di Haut-Uele. Ognuno dei 22 letti del reparto pediatrico ospitava due o tre bambini e altri hanno trovato posto su materassi poggiati a terra tra i letti o nei corridoi.

“Siamo così stanchi di vedere i bambini morire!” ha esclamato il capo delle comunità di Gatua durante un incontro con l’infermiere di Medici Senza Frontiere (MSF). “Da marzo seppelliamo senza sosta corpi di bambini. La struttura sanitaria non ha più medicine contro la malaria e le madri stanno portando i propri figli a morire a casa. L’unica cosa che possiamo fare è rinfrescarli con l’acqua per cercare di abbassare la febbre”.

All’inizio di maggio MSF ha avviato un intervento di emergenza nei distretti sanitari di Pawa e Boma Mangbetu in risposta all’appello lanciato dalle autorità sanitarie, sopraffatte dall’emergenza. Il primo passo che l’organizzazione ha compiuto è stato quello di distribuire circa 10.000 trattamenti a base di artemisinina per la malaria e un numero ancora maggiore di test diagnostici rapidi a 32 centri sanitari per garantire che la malattia venga trattata in modo immediato, efficace e gratuito su base locale.

“Abbiamo affrontato una situazione simile una sola volta: nel 2012, durante un intervento nell’area di Ganga-Dingila, Pawa, Poko e Boma-Mangbetu abbiamo curato oltre 60.000 bambini affetti da malaria”, spiega Florent Uzzeni, vice coordinatore di MSF per l’emergenza. “Oggi il nostro obiettivo principale è quello di curare i bambini affetti da malaria semplice il più rapidamente possibile, in modo che non sviluppino complicazioni”.

Se la malattia è trattata in tempo con il farmaco giusto, il rischio di complicazioni può essere notevolmente ridotto. Tuttavia, l'attuale indisponibilità di farmaci e il loro costo eccessivo hanno fatto sì che i casi di malaria grave si siano moltiplicati, portando molti bambini a morire a casa senza alcun accesso alle cure. Per questo MSF fornirà anche supporto agli ospedali principali a Pawa e Boma Mangbetu nel trattare i casi complicati, che spesso richiedono cure intensive, trasfusioni di sangue e ossigeno-terapia. Staff medico di MSF rafforzerà l’équipe medica del Ministero della Salute. L'organizzazione fornirà inoltre attrezzature, farmaci e formazione necessari per migliorare la qualità delle cure.

“Porteremo le cure nelle aree con il maggior numero di casi di malaria, ma sappiamo che ci sono altri distretti sanitari nelle province di Haut-Uele, Bas-Uele e Ituri che sono stati colpiti”, continua Florent Uzzeni di MSF. Esistono trattamenti efficaci: se tutti gli attori coinvolti nella lotta alla malaria nel Paese si muoveranno in fretta, saremo in grado di evitare la morte di tanti bambini per l’epidemia.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
Commento di: slocorriernorri Ip:107.151.136.194 Voto: 0 Data 24/05/2016 04:10:23

Commento 2)
Commento di: slocorriernorri Ip:107.151.136.194 Voto: 7 Data 24/05/2016 04:10:19

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Attualita'
Data: 19/10/2019 06:46:25
Rapporto Oxfam: la dura condizione dei lavoratori delle aziende agricole nel mondo

I salari molto bassi, le dure condizioni di lavoro e la discriminazione basata sul genere sono diffusi nelle aziende agricole e nelle piantagioni che forniscono tè, frutta e verdura a catene di vendita al dettaglio come Lidl, PLUS e Whole Foods

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/10/2019 07:14:36
Messico: alla ricerca delle tombe clandestine nell'ex prigione di Topo Chico/Nuevo Leòn

Il governo locale ha deciso di aprire queste indagini dopo accuse secondo cui in quella prigione controllata dal cartello dei Los Zetas sono scomparsi diversi detenuti.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 13/10/2019 08:13:31
Johnson & Johnson condannata a 8 miliardi di dollari per i danni causati dal Risperdal

La giuria di un tribunale in Pennsylvania ha oggi condannato la multinazionale Johnson & Johnson a pagare $ 8 miliardi di danni per non aver notato che uno dei suoi farmaci usati in psichiatria gonfia il petto degli uomini

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 11/10/2019 11:29:17
Premio Nobel per la Pace al premier etiope Abiy Ahmed Alì

Alla fine, il premio Nobel per la Pace è stato assegnato al premier etiope Abiy Ahmed Alì con questa motivazione: "I suoi sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale, e in particolare per la sua decisiva iniziativa di risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea"

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -