Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
A Italandia va tutto bene...

A Italandia va tutto bene...
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 11/06/2016 17:15:15

La nascita del termine “Propaganda”, viene collocata -  storicamente - nel 1622, quando fu coniata la denominazione latina “Congregatio de propaganda fide”, per titolare un’organizzazione clericale con la missione di diffondere la fede cristiana.

Col passare del tempo, al termine “propaganda”, è stato dato il significato – negativo – di comunicare a grandi masse, notizie e informazioni atte a modificare i fatti reali. Accade in politica, con la cosiddetta “Propaganda politica”, ma anche in altri settori, come quello industriale o economico.

La tipologia di propaganda maggiormente conosciuta, resta comunque quella utilizzata sempre più spesso in ambito politico: si imbelletta la realtà, si smussano gli angoli della verità, al solo scopo da far percepire alla popolazione, una situazione di gran lunga migliore rispetto a ciò che accade realmente.

Funziona? Funziona. Considerando che, persino ai nostri giorni, in una società che dovrebbe essere maggiormente in grado di avere una visione globale e indipendente, rispetto agli accadimenti socio economici e politici, molte persone tendono a credere fermamente alle dichiarazioni che giungono dal mondo della politica.

Alcuni esempi pratici. Il premier Renzi, si sta attestando come il maggior utilizzatore di dichiarazioni propagandistiche nella storia della Repubblica Italiana.

Volete qualche esempio? Leggete di seguito.

Viene approvato il Jobs Act, che di fatto, con la cancellazione dell’art. 18 cancella alcuni diritti fondamentali dei lavoratori, ma continua a dichiarare che questa misura è a vantaggio dei lavoratori. Potrà continuare a dichiarare queste cose, fino alla fine del triennio 2014/2016, quello in cui – per effetto di una norma contenuta nel Jobs Act – le aziende che assumono nuova forza lavoro, possono avere grandi sgravi fiscali, fino a 8.000 euro l’anno per lavoratore. Ma solo per tre anni. Dopodichè, ha facoltà di licenziamento. Senza se e senza ma.

Sulla stessa norma, Renzi continua a dichiarare, e lo fanno anche istituti quali l’Istat, che grazie al Jobs Act, il numero dei disoccupati è calato. Nulla di più falso: la maggior parte dei nuovi contratti di lavoro a tempo indeterminato, sono in realtà contratti di lavoro a termine già in essere, riconvertiti dai datori di lavoro per ottenere i famosi sgravi fiscali.

Malgrado il lampante gioco delle tre carte, diversi cittadini sono convinti che il Jobs Act stia realmente risolvendo il problema ormai annoso della disoccupazione e del precariato. Aspettiamo la fine del primo triennio, prima di tirar le somme e vedere quanti di questi lavoratori conserveranno il posto.

Altro esempio spiccio di propaganda politica: la riforma costituzionale. Come si sa, a inizio Ottobre, saremo chiamati al referendum costituzionale. I quesiti referendari, come sempre, sono scritti male. La stessa riforma sembra scritta da chi di politica non capisce un fico secco.

Denis Verdini, novello “padre costituente”, molto discusso per le sue vicende giudiziarie e per le sue "riconversioni politiche", intervistato qualche tempo fa a Quinta Colonna, trasmissione tv condotta su Rete4 da Paolo Del Debbio, alla domanda: “Perché gli italiani devono votare SI”? praticamente non ha dato alcuna risposta concreta. Dichiarare che "La riforma va fatta perchè anche negli altri paesi europei stanno riformando la Costituzione" oppure "Perchè è così" o ancora: "Perchè così il paese diventa più simile agli altri", davvero è al limite del sopportabile.

Trattare i cittadini al pari di tanti deficienti non in grado di intendere e di volere, dovrebbe essere sancito dalla Legge. Oppure nemmeno Verdini sa perchè è bene che passi la Riforma Costituzionale...?

Se volete vedere il video dell'intervista, collegatevi al link: Verdini a Quinta Colonna (potreste dovervi registrare al portale)

Potrete però anche ascoltare le dichiarazioni di Renzi, relativamente la riforma costituzionale. Alla fine di questo video, il premier dice: “la nostra legge elettorale (l’Italicum) sarà copiata in tutta Europa”. Si, è molto probabile. Andrebbe però spiegato il motivo. Sta per entrare in vigore il TTIP – patto transatlantico per gli scambi commerciali tra USA, Canada ed Europa  - di cui ho parlato anche recentemente in questo editoriale. Malgrado le – ovvie – espressioni di giubilo che contornano la messa in atto di un trattato che, di fatto, serve a togliere ulteriormente gli ultimi brandelli di democrazia, uno degli elementi fondanti dei nuovi regimi autoritari europei, è proprio l’approvazione di una Legge elettorale che non consente al popolo di scegliere. La propaganda nella propaganda

Ma ci sono molti altri esempi di come si distorca la realtà per far passare altri messaggi. Ve ne racconto un altro.

Il prossimo 19 giugno, per le amministrative, anche nella Capitale si terrà il ballottaggio. I candidati in lizza sono la Raggi del M5S e Giachetti, del PD.

Prendiamo il programma elettorale della Raggi. E’ uno dei soliti programmi che mirano a sollevare le problematiche ormai diffuse, in una nazione che è al primo posto per livello di corruzione in Europa e al 61° posto su scala mondiale.

La manutenzione delle strade, che non vengono manutese perché i finanziamenti finiscono nelle tasche dei soliti noti e ignoti. La razionalizzazione del sistema di mobilità pubblica, fatto a pezzi dai motivi precedentemente scritti. La risoluzione di un debito di circa 20 miliardi, dovuto anche al fatto che a Roma, tra un po’ ci saranno più impiegati comunali che cittadini, e i soldi per gli stipendi, da anni ormai, si traggono da debiti contratti con le banche, in una situazione ormai traballante di tutto il sistema bancario nazionale, che ha sempre dato generosi finanziamenti ai soliti noti e ignoti, tanto poi, a pagare, sono i correntisti…

Ebbene: se si solleva il dubbio sul fatto che, anche per la Raggi, sarà praticamente impossibile rimettere a posto i conti (dove li trova 20 miliardi?) cacciar via il malaffare, rappresentato dalle cosche malavitose e da politici corrotti, trovare i finanziamenti necessari – e urgentissimi – per ricreare i manti stradali, l’illuminazione pubblica e una lunga serie di cose che davvero non possono più attendere, dal M5S e dai suoi sostenitori, si alza un muro, al grido: “L’onestà della Raggi risolverà tutto”.

Chi sostiene che io sia “pessimista”, quando avanzo i miei dubbi, non vuol proprio accettare che io sia, semmai, realista. Ma come si sa, all’italiano puoi togliere tutto: soldi, dignità, moralità, diritti civili…Mai la speranza che le cose possano migliorare. Quest’ultimo criterio, molto diffuso nella nostra nazione, è proprio quello che ci ha portati alla rovina. Ma vuoi mettere? Meglio prendersi tutti per il culo, e sperare che “A Italandia va tutto bene” o potrebbe, un giorno, andar bene. Quando, non è dato sapere…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 12/11/2019 00:10:08

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 08/11/2019 13:01:32
Emissioni di CO2: per salvare il pianeta staccate la connessione a Internet

Quando si invia una mail, non la affidiamo a un piccione viaggiatore. I dati viaggiano attraverso server fisici che prendono in carico il messaggio, lo smistano e lo veicolano fino a consegnarlo – in tempi rapidissimi – al destinatario.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 27/10/2019 14:32:34
Cile ed Ecuador in stato di guerra civile ci insegnano da cosa nasce la ribellione popolare

Perché racconto questi stralci di realtà che stanno accadendo lontano da noi? Primo: perché è importante comprendere cosa accade, oggi, in questo momento, nel mondo. Ed è importantissimo conoscere le ragione di queste proteste, e sapere anche come esse vengono tacitate dal potere governativo.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 24/10/2019 14:10:16
Forti coi più deboli e zerbini coi potenti

Il potere non puzza. Come il denaro. Ciò che trovo squallido è lo stile mentale adottato da una fetta di italiani, che hanno gettato il cervello alle ortiche, si son piegati al diktat dell’ignoranza generalizzata piuttosto che alzare il capo oltre il livello di merda in cui stiamo vivendo tutti, anche chi, come me, non ha contribuito a questo stato di cose.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/10/2019 16:18:42
Ogni volta che Di Maio esulta in Italia muore un pezzo di Democrazia

Attualmente, il numero di cittadini per singolo deputato è pari a 96.000 mentre ogni singolo senatore rappresenta 188.424 italiani. con la riforma di cui stiamo parlando, a ogni deputato corrisponderanno 151.210 abitanti e a ogni senatori 302.420.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -