Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Amministrative, italiani: smettete di scegliere il meno peggio

Amministrative, italiani: smettete di scegliere il meno peggio
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/06/2016

 

Ci siamo: domani si torna alle urne, ci sono i ballottaggi per le amministrative. A Roma, puntuale come una cambiale, nei giorni scorsi è arrivato lo tsunami contro la Raggi. Per coloro che non hanno capito di cosa si tratti: il reato è di falso ideologico in atto pubblico. Lo dice la Legge, non io. Lo dichiara anche il Magistrato Sabella: "La candidata M5s non ha dichiarato l'incarico della Asl né nel 2012 né nel 2013 (quando diventa consigliera) né nel 2014. Ma solo nel 2015 dopo che è scoppiata Mafia Capitale”. Guarda caso.

In pratica, la Raggi ottenne alcuni incarichi da una Asl di Roma, che non ha dichiarato poi nei moduli di autocertificazione che ogni consigliere eletto deve compilare nella parte che parla di incompatibilità.

Strategie. Che cozzano violentemente contro l’afflato divino dell’onestà assoluta, di cui i grillini si ritengono depositari per grazia ricevuta. Dalla Casaleggio & Associati. Dallo sponsor Beppe Grillo. Dai sostenitori, cittadini che hanno fatto dell’ortodossia politica la loro ultima speranza.  

La Raggi, avendo – di fatto – dichiarato il falso in atti pubblici, può essere raggiunta da un avviso di garanzia. Ciò non significa che non sia candidabile. Significa semmai, che le sfumature dell’onestà sono poliedriche.

Ok, capisco che Sabella sia stato indicato da Giachetti, candidato Sindaco per Roma del PD, nel ruolo di capo di gabinetto, e che tutto ciò appare essere un gioco al massacro contro la candidata grillina. In ogni caso, qualcosa di poco trasparente, effettivamente, c’è.

Non basta: la candidata a Sindaco di Roma – Virginia Raggi – è oscurata anche da alcune omissioni sul proprio curriculum, come ad esempio aver svolto il praticantato legale, dal 2003 al 2006, nello studio Previti. Si, proprio lo studio di quel Cesare Previti che fu condannato a 11 anni per corruzione giudiziaria: si parla del processo Imi-Sir.

Poi, volendo, si potrebbe discutere molto su quel contratto che, la Raggi - così come tutti gli altri componenti politici del M5S - ha firmato con la Casaleggio&Associati: come si sa infatti, al di la di slogan del tipo: "Uno vale uno", nessun pentastellato ha indipendenza di azione e di pensiero. Tutto deve essere gestito, controllato, esaminato, dall'organizzazione che, a tutti gli effetti, ha creato dal nulla questo movimento.

La legalità e la trasparenza dovranno essere il nostro faro”, è la dichiarazione di apertura della campagna elettorale della Raggi. Ma se la trasparenza è determinata, come sempre, dal criterio del  meno peggio, allora, meglio usare altri termini.

Non che dal versante Giachetti, l’avversario PD al ballottaggio delle amministrative, tiri un’aria più pulita. Le storie dei due “Casaletti a Subiaco” di cui è proprietario, sono finite sulle pagine dei giornali. Motivo? Giachetti parla di “Due casaletti” ma nella realtà dei fatti, si tratta di una mega villa, accatastata come “casa popolare” e la cui piscina non compare al catasto. Non basta: il grande parco che circonda la villa, compare agli atti come “Terreno agricolo”. Alla faccia dell’onestà.

Al di là delle asimmetrie comportamentali dei due candidati, asimmetrie palesi tra ciò che dichiarano e ciò che fanno, penso sia arrivato il momento di smetterla di pensare: “Cosa vuoi che sia, c’è chi ha fatto molto, ma molto peggio”!

No, il sistema si cambia dicendo NO a qualsiasi tipo di malaffare, fosse una falso ideologico in atto pubblico, che è un reato penale, o un accatastamento taroccato. Tutto ciò fa comprendere come, a furia di sentire e leggere scandali di ogni sorta, gli italiani abbiano modificato il loro criterio di disonestà.

A parte tutto questo, lo dico in tempi non sospetti, chiunque sarà chiamato ad amministrare una città come Roma, dovrà: rimettere a posto l’enorme buco nei bilanci (circa 20 miliardi, anche se si continua a dichiarare che siano “solo” 14 miliardi) trovare miliardi per rimettere in sesto un città in cui è diventato pericoloso persino camminare sui marciapiedi, trovare altri miliardi – finora “generosamente” prestati dalle banche – per dare regolarmente gli stipendi agli oltre 15.000 dipendenti comunali, fare piazza pulita del malaffare, controllato e gestito dalle cosche malavitose, che dubito abbiano intenzione di togliere le tende, spazzati via dall’aura sacrale di pseudo onestà dei candidati a Sindaco.

Soluzioni: l’unica, sarebbe il commissariamento, e non solo al Comune di Roma. E non certo da un pool di tecnocrati italiani. Ci vorrebbe un commissariamento straniero. Commissari che giungano dal Nord Europa, o dal Giappone. Gente col solo scopo di rimettere in piedi un sistema ormai crollato, sotto il peso della corruzione. Fantascienza, allo stato puro…

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 05:52:03

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -