Sei nella sezione Economia   -> Categoria:  Occupazione  
Le discipline STEM per risolvere la mancanza di professionisti specializzati

Le discipline STEM per risolvere la mancanza di professionisti specializzati
Autore: Angela Drammis - Redazione Attualita'
Data: 21/06/2016

Si chiamano STEM, acronimo inglese di Science, Technology, Engineering e Mathematics e sono le 4 discipline che potrebbero salvare il mondo del lavoro dalla carenza di professionisti specializzati. Ne sono convinti gli esperti Hays, società leader attiva da 10 anni in Italia nel recruitment di profili di top e middle management che, nell’ultimo numero dell’Hays Journal, evidenziano la necessità di promuovere lo studio di queste materie. Fin dai primissimi anni di scuola.

Negli ultimi anni, la rapidità dell’evoluzione tecnologica ha determinato un’impennata nella richiesta di professionisti specializzati in ambito STEM. “Il progresso digitale – spiega Carlos Soave, Managing Director di Hays Italia – ha portato ad una crescita esponenziale delle opportunità lavorative che richiedono competenze sempre più specialistiche che la forza lavoro globale non è in grado di soddisfare. Da qui la necessità per imprese, governi e scuole di collaborare al fine di individuare soluzioni efficaci per colmare questo gap, garantendo una crescita economica costante”.
Secondo Hays, è fondamentale incoraggiare lo studio di queste discipline fin dalla tenera età.

Se le materie STEM venissero presentate in maniera coinvolgente ai bambini, già sui banchi di scuola, si potrebbe generare in loro interesse e curiosità, favorendo terreno fertile per la scelta in futuro di determinati percorsi professionali. Cercare di coinvolgere i ragazzi negli anni della scuola superiore potrebbe essere già troppo tardi perché, a quell’età, si sono già fatti un’opinione di massima sul loro futuro e sulle materie che non vorrebbero più studiare.

La soluzione ideale sarebbe quella di avvicinare i bambini alle discipline e alle carriere STEM fin dai primi anni di formazione, sfruttando poi la scuola secondaria per rafforzare gli schemi di apprendimento in vista degli anni universitari.

“Non si devono educare solo i bambini sulle professioni che potrebbero essere intraprese in seguito allo studio delle materie STEM, ma anche i genitori. Ingegneristica, per esempio, è un termine decisamente troppo ampio: genitori, insegnanti e soprattutto studenti, dovrebbero avere ben chiaro quali sono le sfaccettature di questa disciplina e quali le opportunità lavorative ad essa collegate - aggiunge Soave - Si tratta davvero di uno sforzo comune da parte di tutti: i docenti per ispirare ed educare, le aziende per coinvolgere le scuole e le istituzioni per inserire e promuovere le materie STEM nei programmi scolastici”.




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 17/10/2021 14:38:15

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Occupazione

Autore: Emilia Urso Anfuso - Redazione Economia
Data: 24/05/2020
Decreto rilancio: approvato il Bonus colf e badanti

Nella precedente versione del decreto, gli importi del sostegno economico erano stati fissati dai 400 ai 600 euro...

Leggi l'articolo

Autore: Andrea Pascale - Redazione Economia
Data: 10/05/2020
Fase 2, allarme delle imprenditrici: ''Le donne rischiano di essere tagliate fuori''

“Nel dibattito sulla fase due le donne sono del tutto assenti. Il Governo sembra essersi dimenticato di mettere le imprenditrici e le lavoratrici... 

Leggi l'articolo

Autore: Fausta Tagliarini - Redazione Economia
Data: 30/04/2020
Covid-.19: Cassa Dottori Commercialisti: online il bando per contributi agli iscritti

È online da ieri sul sito della Cassa Dottori Commercialisti il bando per la richiesta di contributi assistenziali a supporto degli iscritti che lavorano in uno studio professionale in affitto.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Economia
Data: 27/04/2020
Settore ristorazione: si rischia il fallimento

Moriranno oltre 50.000 imprese e 350.000 persone perderanno il loro posto di lavoro. Bar, ristoranti, pizzerie, catering, intrattenimento, per il quale non esiste neanche una data ipotizzata...

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -