Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Il Brexit ai tempi del TTIP: tempi duri per gli USA

Il Brexit ai tempi del TTIP: tempi duri per gli USA
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 24/06/2016

Alla fine, il responso referendario è stato: “Out”. Una vera sorpresa, dal momento che, fino a notte fonda, si era ormai certi per il “Remain”. Il primo effetto del responso referendario inglese, è stato tangibile a livello finanziario: borse a picco, Sterlina in affanno.

C’è però da chiedersi se questo effetto non possa poi essere voluto: i mercati finanziari possono essere manipolati, se si vuole. Dare un segnale negativo, dopo un referendum come quello inglese, che ha fatto scegliere alla popolazione se restare o uscire dall’Unione Europea, potrebbe significare molte cose.

La prima, un monito alle altre nazioni in odore di seguire le orme inglesi, vedi l’Olanda. La seconda, inviare un messaggio subliminale a tutti i governi: attenzione, chi esce muore.

D’altra parte, è pur vero che l’Europa ha assoluta necessità di Inghilterra, ma l’Inghilterra non ha alcuna necessità di Europa. Almeno, non di questa Europa. Mal gestita, mai davvero concretizzata, e certamente non garante di solidità, economica e politica.

Cosa volete che gliene importi all’Inghilterra, di continuare a fare da caposaldo europeo, se – di fatto – non è mai stata una nazione totalmente europea? La moneta corrente è la Sterlina (e gli effetti positivi per l’Inghilterra si sono visti tutti, dal 2001 ad oggi) la Corona continua a essere una forte garanzia per i sudditi: ha tutte le carte in regola per permettersi di decidere contro tutto e tutti.

L’Inghilterra  è anche la nazione che, probabilmente, non ha alcuna intenzione di sottostare alle nuove regole in arrivo: quelle imposte dal TTIP, il patto transatlantico di libero scambio commerciale tra USA, Canada ed Europa.

Eh si, perché nessuno ha accennato – in questo periodo – qualcosa relativamente il periodo storico in cui l’Inghilterra ha deciso di realizzare questo referendum. Gli USA erano in fibrillazione: l’uscita dell’Inghilterra dall’Europa è un duro colpo per gli USA, messi non tanto bene sotto il fronte dell’Economia. A parole dicono di essere ben saldi. Ma i dati economici e la realtà vissuta dalla popolazione, la dicono lunga su cosa stia davvero accadendo, a livello economico, politico e sociale, in quella che si continua a denominare “La più potente nazione al mondo”.

Talmente potente ed economicamente salda, da avere l’impellente necessità di allargare i propri confini oltre oceano, e venire a dettar legge in Europa al solo scopo di riprendere potere agli occhi del mondo, oltre che di assicurarsi solidi avamposti militari sulle coste del Mediterraneo.

Oltretutto, ciò che più assilla gli USA – ora che il responso referendario è chiarito – è il temuto effetto domino: se altre nazioni europee seguiranno – e accadrà di certo – l’esempio inglese, ecco che il sogno americano va in mille pezzi, e con esso, la possibilità di tornare a rappresentare il potere mondiale. Un flop, sotto tutti gli aspetti.

Per ora quindi, si dice – e si continuerà a dichiarare - che l’effetto Brexit peserà sul futuro dell’Inghilterra. Ma, a tutti gli effetti, ritengo di poter dire che accadrà l’esatto opposto. L’Inghilterra andrà per la sua strada, o meglio: continuerà ad andare per la sua strada. I mercati azionari dovranno farsene una ragione e pensare – in tempi brevissimi – a trovare un bel parafulmine per l’eventuale fuoriuscita di altre nazioni forti, come la Francia o l’Olanda.

Gli USA, sicuramente, svilupperanno – se non hanno già pronto un piano B – una strategia diversa, ma che li porti a raggiungere lo stesso obiettivo: il dominio politico ed economico sul versante mediterraneo.

E noi? Per noi non cambia nulla. La situazione economica e politica è talmente grave e vacillante, che non cambierà di una virgola ciò che sta per accadere: il crollo del sistema politico ed economico, che – fino ad ora – è stato tenuto malamente in piedi, solo grazie alle strategie sull’immigrazione, che ci fanno ricevere un  bel po’ di miliardi, le richieste di deroghe all’UE per ciò che riguarda il debito pubblico e un sistema politico che – ormai è palese – va compatto a braccetto, e va avanti a colpi di dichiarazioni e pronte contro dichiarazioni, un po’ per agitare le acque un po’ perché così, non si permette alla popolazione di comprendere fino in fondo gli accadimenti.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 27/11/2021 05:46:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/05/2020
Indagine Covid-19 - parte V - Trattati, accordi, riforme e omissioni

Quanti di voi conoscono i retroscena della riforma Lorenzin? Tracciati e documentai tutto nel mio libro inchiesta. Pecorelli, l’allora presidente AIFA, volò negli USA con la Ministro Lorenzin, per prendere questo importante incarico, assegnatoci direttamente dagli Stati Uniti: ciò conferma ciò che faccio emergere da anni, e che in pochi capiscono ancora. Le decisioni, in special modo quelle importanti, su economia, fisco, sanità, banche, sicurezza, nel sistema politico ed economico internazionale moderno, non sono prese internamente alle singole nazioni. Esistono trattati, accordi, strategie.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Videogames: il governo sostiene le startup del settore

Una sorpresa inaspettata è arrivata con il varo del tanto atteso “Decreto rilancio”: sostegni alle startup che sviluppano videogiochi. In particolare, ai commi dal 15 al 21 dell’articolo 46 del decreto, in tema di sostegni alle startup innovative, si delinea un vero e proprio fondo – denominato First Playable Fund - che sarà creato per sostenere economicamente lo sviluppo del settore.

Leggi l'articolo

Autore: Inchiesta del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/05/2020
Indagine Covid-19 - Parte IV - diffusione nella bassa lodigiana: i dubbi sul depuratore

Ai tempi della Sars il mondo scientifico internazionale concordò su un punto: la diarrea è un veicolo di trasmissione da non sottovalutare, perché fu la causa del contagio nel 20% dei casi. A causa delle scariche di feci molli in pazienti che avevano contratto la malattia, un focolaio di Sars esplose a Hong Kong nel complesso residenziale di Amoy Gardens. Portare le mani alla bocca o agli occhi, dopo una scarica di diarrea, è uno dei fattori di contagio, eppure non se ne parla in maniera diffusa.

Leggi l'articolo

Autore: Intervista del direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 13/05/2020
Intervista ad Andrea Vianello - Ogni parola che sapevo

“Ogni parola che sapevo”, edito da Mondadori e nelle librerie dal 21 Gennaio. L’ha scritto il collega Andrea Vianello, ex direttore di Rai3 e noto al pubblico per aver condotto, dal 2004 al 2010, la trasmissione televisiva Mi manda Rai3, oltre ad Agorà, Enigma, La strada della verità, il TG2 e infine Rabona nel 2018, trasmissione che ha condotto fino a poco prima che avvenisse il suo dramma, raccontato con umanità e lucidità, tanto da farti sentire dentro la carne e nella profondità dell’anima le sue emozioni.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -