Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Non fatevi fregare dalla 'Resilienza' ...

Non fatevi fregare dalla 'Resilienza' ...
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 30/06/2016 08:46:38

Un termine particolarmente usato, e abusato, nell’ultimo periodo è: “Resilienza”. Lo troviamo un po’ dappertutto: dagli articoli sui giornali femminili e di attualità, alle sentenze che vengono costantemente ri-diffuse sui social network.

Il termine, preso a prestito dal mondo della Fisica, con il significato di: “Capacità di un materiale di assorbire un urto senza rompersi”, è da tempo utilizzato in Psicologia per indicare le persone che: “sono in grado di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza alienare la propria identità.”.

Ecco: questa reinterpretazione del termine “resilienza” è una vera e propria fregatura. In pratica, vogliono metterci in testa che, le persone forti, quelle che – pur essendo sensibili – hanno un alto senso della dignità personale, e sanno affrontare la vita senza lasciarsi abbattere troppo dagli eventi negativi, sono “resilienti”. Al pari di un materiale inerte che è in grado di assorbire gli urti.

Nossignore: questo termine non va utilizzato per le persone che, a dispetto degli aspetti bui e gravi che la vita porta a ognuno, sono in grado di cadere e rialzarsi, andare avanti, rimboccarsi le maniche, provare dolore ma affrontarlo. Far si che le esperienze della vita, siano un’opportunità di crescita e non di decadimento psichico.

Il valore delle persone sensibili ma forti, deve essere espresso con tutti i colori che questo tipo di carattere porta con sé. Non è negazione degli eventi negativi, è saperli vivere tutti fino in fondo. Trarne insegnamento. E’ la capacità, non di adattarsi agli eventi negativi, ma di evolvere anche grazie ad essi.

E’ la capacità di dare un senso ad ogni cosa. E’ vivere profondamente. E’ sapere di poter far conto su se stessi.

Resilienza:  un termine arido, come i materiali inerti che presentano la resilienza come caratteristica maggiore. Si usano i “materiali resilienti” per poter contare sulla loro particolare capacità di assorbire i colpi, gli urti.

Nel periodo storico in cui viviamo, in cui agli esseri umani è stata fatta perdere umanità, scambiandola con altri criteri, e chiamando gli umani con termini quali: “consumatori” “contribuenti” “elettori”, non ci serve essere appellati anche come “resilienti”.

Siamo esseri umani, magari maggiormente capaci di affrontare la Vita. Ma mai e poi mai, “resilienti”. Un termine che, peraltro, somiglia a quelli utilizzati per gli abitanti di qualche strano pianeta dei personaggi di Spazio 1999.

Non fatevi fregare dal termine “Resilienza”: anche questo, è un attacco alla dignità umana. Non di piccola entità.

E' un termine molto utile a chi sta facendo degli esseri umani, solo carne da macello, ma in grado di resistere. Siete proprio sicuri, di voler essere considerati "Resilienti"?

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 

 


L'articolo ha ricevuto 2368 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 23/08/2019 18:45:44

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 21/08/2019 07:42:00
Una crisi della Madonna

Nutro qualche dubbio su ciò che dicono in queste ora molti italiani, e cioè che Salvini non sia in grado di capire le scelte fatte negli ultimi giorni, e che solo per timore di perder la poltrona sia giunto addirittura a ritirare la mozione di sfiducia al Premier Conte. 

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 18/08/2019 13:52:56
Crisi di governo: si poteva evitare scegliendo altre strategie

Salvini in questi mesi ha concentrato le sue energie verso la chiusura dei porti, per dimostrare a una fetta di elettorato che si poteva fare, ma ha dovuto incassare gli sbarchi metodici dei migranti dalle navi delle ONG che, puntualmente, li hanno trasferiti sulle nostre coste. Il Ministro degli Interni ha fatto un errore madornale: avrebbe dovuto puntare tutto sulla spiegazione del perché i migranti arrivino tutti sulle nostre coste, invece di abbracciare la missione – impossibile - di sbarrare loro l’accesso.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 14/08/2019 08:34:51
La vita non è correre sul tapis roulant

Nadia Toffa è volata via a 40 anni. La sua dipartita apre una riflessione che travalica ogni discussione filosofica sulla vita e la morte, perché consente di riflettere sugli umani del terzo millennio, e su una parte di essi, che hanno assimilato una convinzione contorta su ciò che siamo e su come interagiamo tra noi, attraverso gli strumenti tecnologici che fan sentire moderni e civilizzati anche gli individui che, nel percorso dell’evoluzione della specie, son rimasti parecchio indietro.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 06/08/2019 12:06:52
Lezione di Educazione Civica: l'importanza dell'eloquio

Ora leggete quanto segue: "Hai rotto i coglioni, tu e i tuoi seguaci. Qua si fa come dico io e basta. E chi se ne frega della vostra proposta. Non ho alcuna intenzione di ritornare sui miei passi. Fattene una ragione. Chiusa qui".

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -