Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Globalizzazione  
Nuova Coalizione Globale per mettere fine alla violenza sui bambini

Nuova Coalizione Globale per mettere fine alla violenza sui bambini
Autore: Rossella Panuzzo - Redazione Attualita'
Data: 13/07/2016

Terre des Hommes: fondamentale prevenzione e raccolta dati

#ENDviolence 

Ogni 5 minuti nel mondo un bambino muore per cause legate alla violenza. Solo nell’ultimo anno un miliardo di bambini hanno vissuto sulla loro pelle esperienze di violenza fisica, sessuale o psicologica quest’anno. Ogni giorno, in ogni Paese – sia ricco che povero – milioni di bambini sono vittime di violenza a casa, a scuola e nelle loro comunità.

Ma la violenza contro i bambini non è inevitabile, si può prevenire.

www.end-violence.org

Oggi al Palazzo di Vetro dell’ONU i rappresentanti degli stati membri, istituzioni internazionali, università, ONG, fondazioni, aziende e associazioni giovanili hanno stretto un patto di portata mondiale per rendere l’eliminazione della violenza sui bambini una priorità assoluta, che deve essere raggiunta con l’impegno e la responsabilizzazione di tutti. La nuova coalizione End Violence Against Children - The Global Partnership, di cui fa parte Terre des Hommes, opererà attivamente con progetti sul campo, azioni di sensibilizzazione e gruppi di pressione per contrastare gli abusi, lo sfruttamento lavorativo e sessuale, il traffico, la tortura e tutte le forme di violenza sui bambini. A supporto della coalizione è stato creato un fondo fiduciario, sul quale sono già a disposizione 40 milioni di sterline, donate dal governo inglese appositamente per l’eliminazione dello sfruttamento sessuale online dei minori.

“La Global Partnership End Violence Against Children sta mobilitando il mondo”, ha dichiarato Ban Ki-moon, Segretario Generale delle Nazioni Unite. “Non ci può essere un modo più incisivo e diretto per realizzare gli obiettivi che ci siamo posti con l’Agenda per lo Sviluppo Sostenibile 2030”. I governi di tutto il mondo si sono dati l’ambizioso obiettivo di mettere fine alla violenza sui bambini entro i prossimi 14 anni e adesso, con la nuova coalizione, possono mettere in comune risorse e competenze per raggiungerlo.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) in tutto il mondo un bambino su 4 è vittima di violenza fisica, 1 bambina su 5 è vittima di violenza sessuale almeno una volta nella vita. “Troppo spesso la violenza sui bambini viene considerata una pratica normale, accettabile, oppure una questione privata”, ha sostenuto Susan Bissell, Direttrice della Global Partnership. “Ma la violenza non è inevitabile se sfidiamo lo status quo che reca danni alle vite di un numero spropositato di bambini, mettendo a repentaglio la serenità del loro futuro.

“Ogni bambino merita di avere la possibilità di crescere sano, di poter andare a scuola e diventare un adulto capace di dare un contributo alla società. Perché questo succeda le bambine e i bambini hanno bisogno di vivere in un ambiente sano, pacifico e stimolante, sia in casa che a scuola e nelle loro comunità”, ha detto Lysiane André, Presidente della Federazione Internazionale Terre des Hommes, presente all’evento di New York.

“Proteggere i bambini dalla violenza non vuol dire solo evitare delle tragedie individuali, ma anche sostenere la base stessa della nostra società”, ha affermato Anthony Lake, Executive Director di UNICEF e co-presidente del consiglio direttivo della Global Partnership.

Per sostenere il lavoro della Coalizione è stato creato un fondo fiduciario. Il Governo inglese erogherà a breve un contributo di 40 milioni di sterline destinato a progetti per combattere lo sfruttamento sessuale online dei bambini nei prossimi 4 anni. “Questo fenomeno è un crimine globale che trascende le frontiere e richiede una risposta globale”, ha dichiarato Joanna Shields, Ministro inglese per la Sicurezza su Internet. Terre des Hommes è una delle organizzazioni più all’avanguardia in questo campo, con il progetto Sweetie per l’identificazione dei predatori online.

Il fondo andrà a finanziare anche interventi per la prevenzione della violenza sui bambini che vivono nelle aree in conflitto e per la riduzione degli abusi sui bambini nella vita quotidiana, individuando i paesi che vogliano fare da apripista per l’attuazione di buone pratiche contro la violenza.

All’evento di lancio erano presenti i rappresentanti dei governi di Svezia, Messico, Indonesia e Tanzania, che si sono impegnati pubblicamente a sviluppare piani specifici per combattere la violenza sui bambini, contrastando anche abitudini e tradizioni che promuovono la violenza, rendendo più sicure le scuole e rafforzando il lavoro di raccolta dati sull’incidenza della violenza e del maltrattamento sui bambini.

“Monitorare i casi di violenza sui bambini, raccoglierli in un database comune in modo uniforme, vuol dire poter avere le basi per mettere in atto politiche efficaci di contrasto e prevenzione”; sostiene Federica Giannotta, Responsabile Advocacy di Terre des Hommes Italia. “Con le nostre indagini sul Maltrattamento sui bambini in Italia nel 2013 e nel 2015 abbiamo dimostrato che è possibile farlo con risorse contenute grazie alla collaborazione e alla sensibilizzazione dei vari attori. Su un altro fronte abbiamo lavorato per mettere a punto strumenti che aiutassero a intercettare precocemente e arginare la violenza sui bambini, puntando sul miglioramento della formazione di pediatri e medici di famiglia. Con le nostre campagna Indifesa, Invisibile agli Occhi e, negli anni scorsi Fiocco Giallo, abbiamo puntato alla sensibilizzazione del pubblico italiano sul fenomeno della violenza sui bambini”.

La nuova Global Partnership ha lanciato INSPIRE, un pacchetto di 7 strategie con un’efficacia dimostrata per combattere e prevenire la violenza sui bambini, formulate con la consulenza di enti internazionali tra cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità e UNODC, l’ufficio dell’ONU per la lotta alle droghe e al crimine. Queste strategie partono dall’approvazione e attuazione di leggi per il contrasto alla violenza, la creazione di spazi sicuri per i bambini – specie in situazioni di conflitto e disastri, il sostegno economico a famiglie vulnerabili, servizi di pronto intervento e assistenza a lungo termine per le vittime, il potenziamento dei servizi educativi e di formazione alle competenze di vita (life skills).




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 20/01/2021 23:42:08

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Globalizzazione

Autore: Redazione Scientifica
Data: 27/06/2019
Onesta': uno studio svela quanto lo siamo

L’onestà è stata molto studiata da psicologi ed economisti, ma raramente nella vita reale, e mai in 40 Paesi tutti insieme.

Leggi l'articolo

Autore: Remy Demichelis - Redazione Attualita'
Data: 31/05/2019
Ricchezza e competenza non vanno sempre a braccetto

Per sembrare competente quando non lo sei, ci vuole un sacco di coraggio. E per avere quel coraggio, l'appartenenza a una classe benestante può aiutare?

Leggi l'articolo

Autore: Primo Mastrantoni - Redazione Politica
Data: 29/05/2019
Stati Uniti d'Europa: il caso Huawei

L'Unione fa la forza. E' un antico proverbio comprensibile a tutti, lapalissiano, diremmo. Quanto più un gruppo è compatto tanto più si riescono ad ottenere risultati.

Leggi l'articolo

Autore: Cav. Dott. Claudio S. Martinotti Doria
Data: 17/01/2017
Dietro il grande esperimento di lotta al contante in India ci sono gli USA

Come recitava un diffuso detto popolare “il diavolo fa le pentole ma non i coperchi”, qualche errore lo si commette sempre, soprattutto quando si ha la supponenza di pretendere di prevedere le reazioni di esperimenti così cruenti e su una popolazione particolare, eterogenea e numerosa come quella indiana

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -