Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Cronaca dal Mondo  
Nigeria: Nello stato di Borno le condizioni sanitarie sono disastrose

Nigeria: Nello stato di Borno le condizioni sanitarie sono disastrose
Autore: Redazione Esteri
Data: 22/07/2016

Le condizioni sanitarie nello stato di Borno, nel nord est della Nigeria, sono critiche. Almeno 500 mila persone, sfollate o isolate nelle enclave fuori dalla capitale Maiduguri, hanno un bisogno urgente di cibo, cure mediche, acqua potabile e ripari. “Le agenzie umanitarie devono mettere in campo una massiccia operazione di soccorso per rispondere a questa catastrofe sanitaria” dichiara la dottoressa Isabelle Defourny, direttore delle operazioni di MSF

Da quando l’esercito ha ripreso il controllo delle principali città e villaggi dello stato di Borno, l’entità dell’emergenza si sta rivelando in tutta la sua serietà. Centinaia di migliaia di persone sono state tagliate fuori dal resto del mondo, alcuni da almeno due anni. La maggior parte degli sfollati vive nelle città adesso controllate dalle forze armate e possono contare solamente su aiuti esterni.

Le stime delle agenzie delle Nazioni Unite e delle autorità nigeriane hanno mostrato quanto la situazione sia grave e i team di SEMA (Borno State Emergency Management Agency), Croce Rossa e l'Unicef ​​hanno distribuito cibo e fornito cure mediche e nutrizionali in diverse località. Nel mese di giugno, un’équipe di MSF ha riscontrato livelli molto alti di malnutrizione e mortalità a Bama, la seconda città più grande dello stato di Borno. Bama è ormai una città fantasma, accessibile soltanto sotto scorta armata. I suoi abitanti, oltre 10 mila, vivono in un campo. Nel frattempo è stato distribuito del cibo e circa 1.500 persone - le più vulnerabili e i malati - sono state evacuate dalle autorità. I tassi di mortalità sono significativamente superiori alla soglia di emergenza e il 15% dei bambini sono affetti da malnutrizione acuta severa.

Un’équipe di MSF è arrivata a Bama per fornire supporto attraverso trattamenti medico-nutrizionali. Il loro obiettivo è quello di ridurre rapidamente la mortalità e la malnutrizione tra gli sfollati. I casi più critici saranno trasferiti a Maiduguri. È altrettanto urgente migliorare l'accesso all'acqua potabile e le condizioni igieniche del campo.

Monguno, una città di 150 mila abitanti – 65 mila dei quali sono sfollati - è sprovvista di assistenza medica dal gennaio del 2015. MSF prevede di rilanciare le attività dell’ospedale e curare i bambini sfollati e locali affetti da malnutrizione acuta severa.

E’ fondamentale un enorme sforzo umanitario per fornire assistenza alle persone che sono tagliate fuori o vivono in aree remote”, continua la dottoressa Defourny.Tutto fa pensare che la situazione delle persone in altre città come Dikwa sia altrettanto critica e che anche loro abbiano bisogno di cibo e di cure mediche”. MSF sta conducendo altre missioni esplorative quando e dove possibile, visto che la sicurezza è un serio problema. Infatti, città come Bama e Dikwa e le zone vicine al fronte, esposte agli attacchi di Boko Haram, sono raggiungibili solo sotto scorta armata.

Nel frattempo, gli sfollati continuano a cercare rifugio a Maiduguri. Con un così grande flusso di persone gli ospedali della città sono sommersi e costretti a mandar via i pazienti. Recentemente sei bambini con il morbillo, che non potevano essere ricoverati in ospedale, sono stati rimandati indietro al campo sfollati dove le loro famiglie erano appena arrivate. Aumentare la capacità di ricoveri dell’ospedale di Maiduguri è perciò un’altra priorità di MSF.

 




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 28/09/2022 22:33:11

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Cronaca dal Mondo

Autore: Redazione Esteri
Data: 27/05/2020
Traffico di droga: le società fantasma dei cartelli messicani

La rete più articolata, e che riguarda uno degli importi più elevati da record, è stata scoperta dall'Unità di informazione finanziaria (FIU) del Tesoro nel 2014.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 14/05/2020
Afghanistan: attacco a un reparto maternità di Kabul

I primi momenti della vita di un neonato dovrebbero trascorrere tra le braccia di sua madre, non in un ospedale in fiamme con proiettili e bombe che piovono...

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Cronaca
Data: 08/05/2020
Allarme Interpol: droga consegnata domicilio con il cibo

Le organizzazioni criminali stanno ricorrendo ai servizi di consegna di cibo per trasportare la droga e altre sostanze illecite, mentre i Paesi sono in preda al lockdown a causa della pandemia globale di Covid-19. 

Leggi l'articolo

Autore: Di Luca De Rossi - Redazione Esteri
Data: 07/05/2020
Coronavirus: in Olanda aumenta l'uso di cannabis a causa dell'isolamento forzato

Il consumo di cannabis in Olanda e’ aumentato durante la crisi causata dall’avvento del coronavirus.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -