Sei nella sezione Mondo   -> Categoria:  Politica Estera  
Presidenziali USA: dalla padella alla brace

Presidenziali USA: dalla padella alla brace
Autore: Editoriale di Lucio Giordano
Data: 31/07/2016 10:32:52

Mai, nella storia recente, a sfidarsi per le presidenziali di novembre si erano trovati di fronte due personaggi di così basso profilo. Da una parte Hillary Clinton, legata a doppio filo a Wall Street, guerrafondaia secondo le cronache acclarate di questi ultimi anni, per niente carismatica, tanto che per 3 americani su 4 il suo nome non scalda i cuori.

Dall’altra invece c’è Donald Trump, ostacolato fino alla fine dal suo stesso partito, capace di far naufragare aziende nel corso della sua lunga carriera imprenditoriale, spaccone e per niente simpatico. L’america che grugnisce e mostra i muscoli, insomma. Un Berlusconi  a stelle e strisce, per dirla tutta, con la differenza che Silvio, almeno, era simpatico ed aveva carisma da vendere. Trump no. Il Trump dei muri per fermare l’invasione dei messicani, del più armi per tutti, delle chiusure non solo mentali è un candidato pericolosissimo per gli Stati Uniti.

Non fosse altro che per questo, non vincerà. Difficile infatti convincere neri, ispanici, musulmani a votarlo. E però la Clinton in questi mesi è riuscita a dargli una bella mano a restare in gara, a far sì che i sondaggi dicessero 50 e 50: la e mail gate, i suoi comizi che puzzavano di ipocrisia se non di falsità, gli attacchi sconsiderati all’altro candidato dei democratici , quel Bernie Sanders che avrebbe messo d’accordo tutti nell’America progressista e che ha voglia di tornare a sognare, se solo avesse potuto lottare ad armi pari con la moglie di Bill.

Non è stato così ma, nonostante il partito si sia schierato compatto con la Clinton, Sanders è riuscito a dire la sua in questa lunga stagione delle primarie. Se i democratici, invece di spostarsi al centro e a destra, hanno continuo a far battere pallidamente  il cuore anche all’elettorato progressista il merito è tutto del senatore del Vermont. Che grande Presidente degli Stati Uniti sarebbe stato.

Dovremo invece  accontentarci di Hillary, l’algida first lady che solo nel discorso di investitura ha finalmente pronunciato qualche frase accattivante: “Le grandi società di Wall Street e i super ricchi cominceranno a pagare la loro giusta porzione di tasse. Non perchè ce l’abbiamo con chi ha successo. Ma perchè quando più del 90% dei guadagni vanno all’1% della popolazione, è lì che si trovano i soldi”. E ancora: “Noi non vieteremo alcuna religione. E lavoreremo insieme a tutti gli americani e ai nostri alleati per sconfiggere il terrorismo”. “L”America non sarà in mano al potere di una sola persona. Perché i padri fondatori hanno fatto loro una verità: siamo più forti stando insieme”.

Contestazioni a parte, in queste ore i democratici sembrano aver ritrovato l’unità per la volata finale. Ma il difficile viene proprio adesso.  A differenza del 2008, quando  i sostenitori di Obama con entusiasmo riuscirono a portare alle urne centinaia di migliaia di indecisi, è quasi impossibile che la Clinton riuscirà a smuovere gli incerti. E per fortuna che dall’altra parte c’è Donald Trump. Comunque vada, e andrà bene per la Clinton, sarà la campagna elettorale più noiosa del dopoguerra. E alla fine avremo un presidente di bassissimo profilo. Povera, poverissima America. Auguri: ne avrai davvero bisogno.


L'articolo ha ricevuto 1152 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 22/08/2019 11:13:33

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Politica Estera

Autore: Redazione Esteri
Data: 16/08/2019 07:45:45
Nigeria nord-orientale: 10 anni di conflitto

Sono passati 10 anni dallo scoppio del conflitto in Nigeria nord-orientale tra gruppi armati e l'esercito nigeriano. A distanza di un decennio, il conflitto è tutt'altro che finito. 

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Esteri
Data: 07/07/2019 06:37:22
Glisofato: l'Austria ne vieta l'utilizzo

La Camera bassa austriaca ha approvato un progetto di legge per la messa al bando del glifosato: l'Austria diventa così il primo Paese europeo a proibire l'utilizzo del pesticida, sospettato di essere potenzialmente cancerogeno. 

Leggi l'articolo

Autore: Rafa de Miguel - Redazione Attualita'
Data: 30/06/2019 06:59:26
Cocaina: quando a farne uso sono i politici. Il caso Gove

È probabile che Michael Gove sia finito fuori del governo piuttosto come traditore che come tossicodipendente da cocaina.

Leggi l'articolo

Autore: Redazione Politica
Data: 27/05/2019 07:02:51
Aborto nel mondo: leggi restrittive discriminano le fasce deboli

Leggi troppo restrittive sull'aborto, come quelle appena varate in Alabama e Missouri rischiano di penalizzare le donne piu' povere e di minoranze etniche, favorendo il ricorso alla pratica clandestina

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -