Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Terremoto in Centro Italia: come andra' a finire, questa volta?

Terremoto in Centro Italia: come andra' a finire, questa volta?
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 24/08/2016 18:05:15

Alle 3:36 di stanotte, ho fatto un salto sul letto: la casa non tremava, di più. Sembrava come se, dalla terra, stesse per fuoriuscire una tremenda esplosione.

Tutte le mura dell’appartamento si muovevano in maniera sinistra, e non era una mia sensazione, data dal terribile viaggio su una nave della Siremar, che ci ha costretti tutti a un viaggio di ritorno dalle vacanze, che chiamare “allucinante” è dir poco, compresa la tempesta di maestrale, che mi ha lasciato un attacco di labirintismo.

No: erano proprio le scosse di un terremoto. Poi, la quiete. Abbiamo deciso di non uscire. “A Roma non ci sono pericoli. Sottoterra è tutto cavo” si dice da sempre. Ma io, il sospetto che anche a Roma, un terremoto possa distruggere e uccidere, l’ho sempre avuto.

La stanchezza del terribile viaggio in nave mi consente incredibilmente di riaddormentarmi. Ed eccola, la nuova scossa. Un poco meno potente della prima. Ma solo un poco.

E ci risiamo: morti, feriti e distruzione. Il Centro Italia sta pagando un ennesimo obolo al terremoto.

Al di là dell’aspetto puramente umano di quanto accaduto stamane, ora c’è da chiedersi cosa accadrà. Renzi si è affrettato a dire la frase di rito: “Nessuno sarà lasciato solo”, riferendosi ai terremotati.

Questa frase, appena l’ho letta, mi ha messo i brividi. Ho ripensato al terremoto del 2009 all’Aquila e zone limitrofe. Alle risate al telefono di chi già sentiva odore di soldi. Ho ripensato alle prese in giro ai terremotati d’Italia di tutti i tempi, come quelli del Belice.

Agli scandali. Al denaro mai arrivato alla giusta destinazione. Alle città terremotate che, dopo anni, sono ancora semidistrutte.

Ho pensato anche ad altri scandali, legati ai terremotati di tutta Italia: le tasse e le imposte da pagare, dopo poco tempo dal terremoto, anche per attività commerciali distrutte. Alle bollette di telefono, gas e luce, che i gestori pretendono da famiglie che hanno perso tutto. Ai finanziamenti farlocchi. Ai decreti realizzati per la ricostruzione, che non hanno ricostruito un bel nulla: nel 2009, nel decreto 39/2009– realizzato ad hoc per la ricostruzione in Abruzzo – si inventarono persino nuovi gratta e vinci, i cui proventi sarebbero dovuti andare ai terremotati, che di quel denaro non hanno visto un centesimo.

E che dire dei tanti “SMS della solidarietà ai terremotati”? Le banche si sono tenuti i soldi. Nella migliore delle ipotesi, li hanno tenuti in cassa per un periodo troppo lungo…

Vogliamo parlare di come il governo dell’epoca, cercò di aggirare una normativa? Si trattava di risarcire totalmente chi aveva perso la casa. Ma un cavillo permise di non risarcire: bastò ottenere un piccolo atroce cambiamento: se il sisma è di magnitudo inferiore a 6.0 allora il risarcimento, semmai, è parziale. Fecero passare la notizia, che il sisma in Abruzzo era stato minore di 6.0.

Non sono pessimista, ma realista:  questa volta, sarà come le altre? La risposta, ce la darà il tempo.

Un pensiero va a tutte le famiglie che, in queste ore, hanno l’inferno dentro, e la devastazione intorno.

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina

 


L'articolo ha ricevuto 1632 visualizzazioni


Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/07/2019 16:44:08

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 10/07/2019 15:25:23
Fake news: una situazione gravissima che sta modificando l’opinione pubblica

Non è da sottovalutare quanto sta accadendo. La diffusione di fake news, o di notizie reali ma diffuse con l’intento di modificarne il senso, ha già ampiamente cambiato la percezione che l’opinione pubblica ha su questioni importanti legate alla politica, all’economia e alla società in cui viviamo.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 02/07/2019 06:09:38
Di fronte al Dio Denaro troppa gente si genuflette

Il denaro è un concetto quasi astratto. Pezzi di carta e rondelle metalliche sui cui viene apposto un valore nominale. Se a suo tempo fosse stato deciso che al posto dei pezzi di carta e delle rondelle metalliche l’elemento di valore dovessero essere le conchiglie, sarebbe stato sterminato il mare alla loro ricerca.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/06/2019 10:46:13
Ingiurie, offese, parolacce: è arrivato il momento di smetterla

Ingiurie, offese, parolacce. Dalla tv ai social network. Sono calati i filtri, quei filtri che in troppi considerano “fuori moda”. Come se il diventare volgari, aggressivi e volgari possa esser considerato “moderno” o frutto di una società evoluta.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 15/06/2019 08:06:15
L’abitudine al degrado ha fatto crollare l'Italia

Qualcosa di molto grave accade da anni, e questo qualcosa non permetterà, al nostro paese, di risollevarsi dai disastri operati dalle cattive politiche dei governi che si sono succeduti negli ultimi anni: l’abitudine al degrado.

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -