Sei nella sezione Il Direttore   -> Categoria:  Editoriali  
Il business dei terremoti

Il business dei terremoti
Autore: Il Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/08/2016 14:17:08

Riproponiamo un articolo del nostro Direttore, pubblicato nel 2012: a poche ore dal terribile sisma che ha dostrutto molti territori del Centro Italia, siamo sicuri che stavolta le cose andranno in maniera diversa?

Ecco il link all'articolo, e - di seguito - il testo integrale:  Il business dei terremoti

********

Può un terremoto, di grave entità, con tanto di morti e migliaia di sfollati disperati, ed imprese miseramente crollate e chissà per quanto tempo, divenire un business? A quanto pare, per alcuni, si.

Abbiamo peraltro un ricordo ancora vivo, di quel dannato precedente terremoto dell'Abruzzo, che dopo pochi minuti dalla scossa assassina delle 03:32, fece letteralmente fregare le mani dal giubilo – (…) – due lestofanti che già sentivano odore di soldi a palate da generare sull'odore della distruzione e quello ancor peggiore delle oltre 300 vittime totalmente innocenti.

L'essere umano, spesso è più satanico della stessa idea che di Satana abbiamo un po' tutti. Riesce a generare un cinismo pari forse solo a certi aguzzini di certe guerre giunte fino al genocidio di massa con metodi da macellaio oppressore di masse.

Ho parlato in molti articoli del post sisma in Abruzzo, e fino a poco tempo fa. Perché di quel terremoto – che all'epoca divenne palcoscenico osceno di decine di personaggi ansiosi di protagonismo pur se su corpi dilaniati e tonnellate di macerie – ha ancor oggi, effetti devastanti sulla vita, la quotidianità, l'economia della Regione colpita si, ma anche di tutta la Comunità Italiana.

Migliaia ancor oggi ed a distanza di tre anni, gli sfollati. Ricostruzione? Manco l'ombra. Tasse ed imposte rimesse in debito in tempi troppo stretti per poter parlare di umanità istituzionale. Imprese cancellate per sempre in un colpo. Dignità dilaniate. Morti senza diritto di giustizia.

E la ciliegia finale, che accomuna tutte le grandi disgrazie nazionali e non solo: il buio ed il silenzio calato dopo le luce di una ribalta aguzzina e trionfante sulle macerie umane di una popolazione che ormai sempre più spesso viene sconfitta, sfregiata, assoggettata fino a compiere infami genocidi che hanno lo scopo – delinquente – di sopprimere ogni criterio di civile sostegno alla cittadinanza.

Del terremoto abruzzese ci sarebbe ogni giorno un nuovo capitolo da scrivere per esporre fatti e descrivere situazioni che sono sempre sull'orlo della scandalosa manifestazione di oppressione contro popolazioni più disgraziate di altre.

Ma non c'è voglia né tempo, e ora ecco che ci capita un altro terremoto, fatto di tanti piccoli e grandi terremoti che si sono susseguiti l'un l'altro ed ancora fanno tremare la terra ed il cuore.

Ho già descritto in questo articolo, le inquietanti similitudini di due terremoto che già conservano al loro interno troppi misfatti e pochi fatti.

Non c'è nulla da fare: chi gestisce il "gioco" non trova mai di meglio da fare, in presenza di eventi naturali che gettano ancor più nella disperazione popolazioni disperate di ogni sorta di crisi, pur essendone incolpevoli, che gestire le cose sempre ed unicamente in un verso: anche da un terremoto, bisogna trarre un qualche profitto. Ben venga, se questo profitto fosse destinato alle popolazioni colpite dal sisma. Ma così non è, e nemmeno stavolta le Istituzioni mostrano pentimento e volontà di reale sostegno, pur nel vicino ricordo di scandali ancora freschi e odorosi di sangue misto a lacrime e sabbia.

Abruzzo ed Emilia, pur nella loro individualità territoriale, si ritrovano fratelli, forse purtroppo gemelli. Eredi di speculazioni decennali, di stato sociale troncato di netto, di istituzioni furfanti, meschine ed interessate solo semmai, a sfruttare il solito palcoscenico per poco e poi massacrare chi è già massacrato di suo.

Questa volta forse, speravate di udire e leggere comportamenti diversi da quelli adottati dopo il sisma in Abruzzo, ma "tranquilli": non solo sembra non esser cambiato nulla, ma le similitudini fra i due eventi disastrosi, già palesi dopo pochi giorni dall'ultimo evento emiliano, stanno addirittura aumentando.

Ora, è ancora una volta il tempo di chiedersi: che fine fanno i soldi versati volontariamente dalla popolazione, ad esempio attraverso gli sms "solidali"? Per l'Abruzzo, 5 milioni, sono stati raggranellati in un solo giorno, quello immediatamente dopo la forte scossa. Ad oggi, per i terremoti in Emilia ed a chiusura del numero solidale, siamo arrivati a ben 15mln di euro.

E parliamo solo degli sms. Non dimentichiamo poi, i versamenti fatti direttamente nelle sedi bancarie, altro scandalo: le banche hanno trattenuto ai donatori, commissioni fino a 5 euro ad operazione… L'ABI si scusò, dichiarando che "i correntisti avrebbero ricevuto la somma indebitamente versata". Peccato però, che potendo in effetti entrare in una qualsiasi banca, anche senza avere un conto corrente, il cittadino può versare il proprio obolo. E a chi li restituiscono i soldi, quelli delle banche?

Ma ecco che subito, un'altra triste similitudine prende già forma. Gli sms solidali. Con chi? Con le banche. Che già per il sisma in Abruzzo e "grazie" ad un decreto di Bertolaso, utilizzarono i milioni raggranellati in questo modo, non per darli alle città colpite, bensì per creare un fondo di micro credito. Vale a dire: i soldi li teniamo noi. Poi semmai, li prestiamo ai cittadini terremotati a tassi "agevolati". Speculazione si chiama. Con l'aggravante dell'appropriazione indebita.

Ora, sembra che la storia si ripeta. Col beneplacito del Governo, dei partiti e di tutto il parterre bancario italiano, ovvio.

Se tutto va bene, siamo rovinati. Cos'altro c'è da aspettarsi in questa nazione intrisa ormai di sangue e lacrime umane più di altre nazioni intrise si di sangue, ma con alla base un concetto diverso: non la speculazione perpetrata persino sulle disgrazie naturali, ma per giungere a volte a forme di libertà e democrazia che in alcuni paesi è e rimane un miraggio.

Persino il sangue ha un altro sapore. Dipende sempre dal motivo per cui viene versato.

Così, potrebbe un giorno venire a tutti un dubbio. Atroce. Non tanto che i terremoti possano o meno essere previsti in tempo utile. Quanto - semmai - creati ad hoc. Affinchè persino un terremoto, divenga a tutti gli effetti un business attraverso il quale arricchire qualcuno. Scegliete voi i nomi.
D'altro canto, si sa che per esempio la Protezione Civile da anni lavora all'elaborazione dei dati futuri sulel eventuali avversità naturali. Sanno ad esempio, che solo a causa dei terremoti, in Italia nelperiso che va dal 2008 al 2100, le vittime previste per i terremoti futuri si aggirano sulle 200.000. Basta leggera la " PROIEZIONE DEL RISCHIO SISMICO IN ITALIA DAL 2008 AL 2100". In pratica, una sorta di Business Plan...
Visto che per prima proprio la Protezione Civile non mette mai in atto una delle fasi fondamentali contenute nello statuto - ora in revisione - che parla di prevenzione e controllo del territorio, basta fare due più due per capire a cosa possano servire certi dati.

E' un dubbio, ovvio. Sacrosanto però. Che non mi piace avere...

©Tutti i diritti riservati. La diffusione è concessa esclusivamente indicando chiaramente il nome dell'autore e il link che riporta a questa pagina




Cosa ne pensi?
Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.
Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui



aaaa

Per commentare l'articolo occorre essere loggati e rispettare la netiquette del sito.


Se sei registrato effettua il login dal box qui a sinistra.

Se ancora non sei registrato fallo cliccando qui
I commenti:

Commento 1)
La redazione ed il direttore hanno piacere di rispondere ai commenti dei nostri lettori. Facci sapere cosa ne pensi dell'articolo. La tua opinione è per noi importante.

Commento di: emilia.urso Ip:83.73.103.204 Voto: 7 Data 16/10/2019 08:29:58

Sei iscritto su Facebook, Twitter o G+?
Commenta e condividi l'articolo direttamente.

Login
Inserisci il tuo username e la tua password per loggarti.

Username:


Password:

Remember me:

Non sei ancora iscritto?
Diventa subito uno sComunicato!

Dimenticata la password?
Clicca qui

 
Iscrizione newsletter
Inserisci il tuo indirizzo email

Vuoi cancellarti?
Clicca qui
 
 
Search
Ricerca articolo
Ricerca
Dove
Da data
A Data:
Tipo ricerca:
Almeno una parola

Tutte le parole
 
 
Petizioni
Facciamo sentire la nostra voce
Dimettiamoci dalla carica di Cittadini Italiani

Cos'è uno Stato senza i cittadini? Nulla. Cosa sono i cittadini senza lo Stato? La risposta la conosciamo tutti, perchè lo Stato italiano palesemente, sta lasciando alla deriva la motivazione fondamentale della sua stessa esistenz



Data:10/08/2013
Categoria:Politica e Governo
Obbiettivo:50000 firme

 
Correlati in Editoriali

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 09/10/2019 16:18:42
Ogni volta che Di Maio esulta in Italia muore un pezzo di Democrazia

Attualmente, il numero di cittadini per singolo deputato è pari a 96.000 mentre ogni singolo senatore rappresenta 188.424 italiani. con la riforma di cui stiamo parlando, a ogni deputato corrisponderanno 151.210 abitanti e a ogni senatori 302.420.

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 04/10/2019 06:34:18
Dittatura in salsa digitale

Tutto ciò che accade in economia, e in politica, non accade per caso. Troppo spesso il cittadino comune ritiene che ciò che gli arriva come una sprangata sulla testa, e che si ripercuote contro il suo portafogli, sia solo frutto di incapacità a gestire la cosa pubblica...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 29/09/2019 07:07:27
Greta Thunberg: gli effetti delle sue campagne non sono a sostegno del clima

“Ma è una bella manifestazione di unità su un tema importante”! bene: che lo facciano gli adulti allora. Magari mamme casalinghe e padri in cassaintegrazione, portando avanti la missione di “salvare il futuro dei figli, dei nipoti e pronipoti, evitando al contempo di fare la figura di coloro che “Hanno distrutto l’infanzia e i sogni di Greta” e della loro stessa prole...

Leggi l'articolo

Autore: Editoriale del Direttore - Emilia Urso Anfuso
Data: 25/09/2019 06:42:49
Il futuro degli italiani tra tasse sulle merendine e incompetenza generale

Se il precedente governo Conte aveva scontentato molti, il bis non sembra avviarsi nelle migliori disposizioni. Tra le misure economiche che stanno tenendo insonni molti utenti dei social web, va sicuramente annoverata la tassa sulle merendine. 

Leggi l'articolo
GERENZA: Gli Scomunicati - L'informazione per chi non ha paura e chi ne ha troppa - PluriSet timanale nazionale - Reg. Tribunale di Roma N° 3 del 21 Gennaio 2014
Testata ideata e diretta da Emilia Urso Anfuso. Note legali.  Per informazioni commerciali e per entrare in contatto con la redazione potete chiamare lo 06 92938726 (Tel. e Fax) -